Catalogo online “La moneta più bella 2013”

0
39936
La più bella moneta del 2013

Categorie in gara



Monete antiche (Fino al 700d.c.)

Vai al catalogo

Monete medievali (dal 700 al 1500d.c.)

Vai al catalogo

Monete moderne (dal 1500 al 1800d.c.)

Vai al catalogo

Monete contemporanee (dal 1800 a Oggi)

Vai al catalogo

Medaglie

Vai al catalogo

Exonumia

Vai al catalogo

Banconote

Vai al catalogo



 


Monete antiche.

Categoria oro
Categoria argento
Categoria altro materiale
Torna su


 


Monete medievali.

Categoria oro
Categoria argento
Categoria altro materiale
Torna su


 


Monete moderne.

Categoria oro
Categoria argento
Categoria rame
Categoria altro materiale
Torna su


 

Monete contemporanee.

Categoria oro
Categoria argento
Categoria rame
Categoria altro materiale
Torna su




Medaglie



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
5matteo95Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
MedagliaLuigi XIVMetallo argentato 168494 grammi68 mm 
 Il dritto della medagliaIl rovescio della medaglia 
 matteo95 05 1matteo95 05 2 
Descrizione del dritto
profilo a destra di Luigi XIV
Descrizione del rovescio
Giove stante nell'atto di scagliare fulmini , sullo sfondo la città di Genova bombardata dalla flotta francese.
Descrizione del taglio
Liscio.
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presenteMedaglia emessa dal re sole per commemorare il bombardamento di Genova del 1684
Provenienza: asta Baldwin's



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
33gionni980Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
MedagliaFERDINANDO II DI BORBONEARGENTO1845120 gr62 mm 
 Il dritto della medagliaIl rovescio della medaglia 
 33 gionni980 133 gionni980 2 
Descrizione del dritto
BUSTO A DESTRA DEL PROFESSOR GIOVAN BATTISTA DI VICO
Descrizione del rovescio
L’ ITALIA TURRITA SEDUTA E APPOGGIATA AD UNO SCUDO SU CUI SI RILEVA L’ ITALIA E LE ISOLE PERCORSE COME DA UN FIME (DELLA SCIENZA) ; IN MANO LA FIACCOLA DELLA CONOSCENZA, DI FRONTE UNA STELE SULLA QUALE POGGIANO LA SFERA TERRESTRE, UNA PERGAMENA E UNO SPECCHIO. IN FONDO SCORCIO DELLA RADA DI NAPOLI ED IL VESUVIO IN ERUZIONE
Descrizione del taglio
Liscio.
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
D’AURIA (IL MEDAGLIERE) N.208CONIATA A NAPOLI ED EMESSA PER IL CONGRESSO DEGLI SCIENZIATI ITALIANI IN NAPOLI (OPUS : VINCENZO CATENACCI E LUIGI ARNAUD) ; TIRATURA : 80 PZ
Provenienza : COLLEZIONE PRIVATA
Provenienza:Collezione privata



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
34gionni980Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
MedagliaFERDINANDO I DI BORBONEBRONZO DORATO1825 88,65 gr57 mm 
 Il dritto della medagliaIl rovescio della medaglia 
 34 gionni980 134 gionni980 2 
Descrizione del dritto
TESTA A DESTRA DEL RE FERDINANDO I
Descrizione del rovescio
LA RELIGIONE A SINISTRA ; IL SARCOFAGO SUL QUALE POGGIA LA CORONA REALE E POCO PIU’ IN BASSO IL TEMPIO DI SAN FRANCESCO DI PAOLA AL CENTRO ; DONNA E BAMBINI CHE PIANGONO A DESTRA
Descrizione del taglio
Liscio.
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
D’AURIA (IL MEDAGLIERE) N.143CONIATA A NAPOLI ED EMESSA PER LA MORTE DEL RE FERDINANDO I DI BORBONE (OPUS : VINCENZO CATENACCI)
Provenienza:COLLEZIONE PRIVATA



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
54magellano83Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
MedagliaCasa Savoia, Carlo Alberto Re di SardegnaBronzo--------------- gr50 mm 
 Il dritto della medagliaIl rovescio della medaglia 
 54 magellano83 154 magellano83 2 
Descrizione del dritto
Volto di Carlo Alberto rivolto a Dx, sul giro in alto CARLO ALBERTO RE DI SARDEGNA, sul giro in basso firma incisore G.GALEAZZI.F
Descrizione del rovescio
scritto nel campo su 7 righe AL PRINCIPE RIFORMATORE I POPOLI RICONOSCENTI XXX OTTOBRE MDCCCXLVII
Descrizione del taglio
a cornice
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presente.riferimento al Regio Editto del 30 ottobre 1847 (vedi link) http://www.salute.go...27_allegato.pdf
Provenienza:Non presente.



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
73palpi62Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
MedagliaPierluigi FarneseBronzoNon presentegr. 20,86mm.36,9 
 Il dritto della medagliaIl rovescio della medaglia 
 73 palpi62 173 palpi62 2 
Descrizione del dritto
busto corazzato a dx. di Pierluigi Farnese P. LOYSIUS. F. PARM. ET. PLAC. DUX. I
sotto .F. PARM
Descrizione del rovescio
prospetto della difesa militare della città di Piacenza .AD. CIVITAT. DITIONISQ. TUTEL. MUNIM. EXTRACTUM.
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Armand I - 222 _ 6Autore; Gianfederico Bonzagni.
Coniata nel 1546 circa per la costruzione della cittadella militare di Piacenza da parte del duca PIERLUIGI FARNESE, che la elesse sua dimora principale, inizio dei lavori 11 novembre 1545 su disegno di Domenico Giannelli con la consulenza di Antonio San Gallo e di Michelangelo.
Provenienza: : Ebay Austria



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
74MEDUSA51Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
MedagliaRepubblica ItalianaOro 900/..MCMLX (1960) 34,80 g.mm. 40,00 
 Il dritto della medagliaIl rovescio della medaglia 
 74 MEDUSA51 274 MEDUSA51 1 
Descrizione del dritto
Atleta solleva la torcia Olimpica, ai lati l'Acropoli di Atene e l'Arco di Costantino a Roma, sotto la scritta ROMA
Descrizione del rovescio
su di un piedistallo lupa capitolina con cerchi olimpici e scritta MCMLX, R. Signorini
Descrizione del taglio
Liscio
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presenteMedaglia commemorativa ufficiale delle Olimpiadi di Roma 1960 (serie di 4)
Provenienza:Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
94SanniVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
MedagliaRegno di Napoli - FERDINANDO IVBronzo10 luglio 1799g 64,4mm 48,2 
 Il dritto della medagliaIl rovescio della medaglia 
 94 Sanni 194 Sanni 2 
Descrizione del dritto
FERDINAN. IV D: G. SICILIAR. ET HIE REX. Effigie del Re, a destra, in parrucca, lorica,
manto reale ed ordini cavallereschi. In basso: G . H. K. (Conrad Heinrich Kuchler).
Descrizione del rovescio
Veduta di Napoli con Castel S. Elmo illuminato a destra dal sole. Sul mare vascello inglese navigante. In primo piano due gruppi di persone, a sinistra le milizie della Santa Sede, capitanate dal Cardinale Ruffo, che inseguono i repubblicani sgominati. In alto un angelo suonante la tromba e sostenente il ritratto dell'ammiraglio Nelson.
All'esergo: PER MEZZO DELLA DIVINA PROVVIDENZA DELLE | DI LUI VIRTÙ DELLA FEDE & ENERGIA DEL SUO POPOLO | DEL VALORE DE' SUOI ALLEATI ED IN | PARTICOLARE GL'INGLESI CLORIOSTE | RISTABILITO SUL TRONO. | LI 10 LUGLIO 1799. Intorno al ritratto di Nelson: HOR. NELSON DUCA BRONTI.
Descrizione del taglio
Liscio
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Ricciardi 59; B.H.M. 479; D’Auria 61Non presente
Provenienza:Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
105picchioVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
Medaglia - Inghilterra da la Costituzione alle isole Ioniche 1817Re Giorgio III d'InghilterraLega di rame1817Gr. 38,835mm 40,97 
 Il dritto della medagliaIl rovescio della medaglia 
 105 picchio 1105 picchio 2 
Descrizione del dritto
op. -, Albione seduta a sinistra con le tavole della Costituzione, dietro statua di Nettuno su piedistallo, in alto. MDCCCXVII; in esergo, ENGLAND GIVES A / CONTITUTION TO
Descrizione del rovescio
op. Depaulis, girotondo delle sette grazie (Isole Ionche) attorno a penone con la bandiera della Gran Bretagna al vento. Nel giro, a destra, DEPAULIS F•. In esergo, THE IONIANNS ISLANDS /MUDIE D•
Descrizione del taglio
liscio ↑
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Brown/BHM 958, Julius 3609, Essling 3009 (serie Mudie 40 med), Eimer 1094 Zecca: Birmingham per Maudie
Incisore: Depaulis
Spessore : [ 4,17mm
Provenienza:Asta Negrini 37 Novembre 2013 n. 714



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
187rorey36Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
Klippe da 3 talleriEmissione privata per i 300 anni del Duomo di Salisburgo. Argento1628 (postuma)gr. 83,76
mm 42 
 Il dritto della medagliaIl rovescio della medaglia 
 187 rorey36 1187 rorey36 2 
Descrizione del dritto
Riprod. monete del 1628 per la consacrazione del Duomo
Descrizione del rovescio
I Santi patroni Roberto e Virgilio
Descrizione del taglio
Liscio
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Macho 28opus Anton Koppenwallner.
Provenienza: Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
264LittoreVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
MedagliaCarlo X, Medaglia per l'incoronazione a ReimsBronzo-----------68,08 gr51 mm 
 Il dritto della medagliaIl rovescio della medaglia 
 264 Littore 1264 Littore 2 
Descrizione del dritto
CAROLUS . X. REX . CHRISTIANISSIMUS . Busto del Re, in mantello di ermellino, con collare di Gran Maestro dell'Ordine dello Spirito Santo, volto a sinistra. Sotto il busto CAUNOIS F.(ECIT).
Descrizione del rovescio
CAROLUS . X. GALLIAE . CORONAM . ACCIPIENS . Carlo X, inginocchiato, viene incoronato dall'Arcivescovo di Reims, in presenza di dodici persone. All'esergo, su quattro linee "ADSTANTIBUS.DELPHINO. REGIIS.NURIBUS. // REGNI.PROCERIBUS. // REMIS. XXIX. MAII. //MDCCCXXV.
Descrizione del taglio
liscio
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Sb. 90 Figlio del Delfino Luigi Ferdinando e di Maria Giuseppina di Sassonia, Carlo X, fu fratello di Luigi XVI e di Luigi XVIII. Nel 1773 sposò Maria Teresa di Savoia dalla quale ebbe 4 figli.
Nel 1824, succedendo al fratello Luigi XVIII, divenne Re di Francia e di Navarra con il nome di Carlo X. L'incoronazione avvenne a Reims il 29 maggio 1825 a Reims,seguendo il cerimoniale in uso sotto l'Ancien Régime (seppure con alcune varianti). Ben presto si alienò la simpatia dell'opinione pubblica, emanando provvedimenti impopolari, come la legge sul sacrilegio, lo scioglimento della guardia nazionale e il ripristino della censura, spinto dal partito ultra-realista, guidato da Joseph conte di Villèle. Le tensioni raggiunsero il culmine il 25 luglio 1830, quando emanò le cosiddette Ordinanze di Saint-Cloud, che prevedevano lo scioglimento della camera dei deputati, una nuova legge elettorale e l'inasprimento della censura che provocarono una sollevazione popolare a Parigi (Trois Glorieuses o rivoluzione di luglio) il 27, 28 e il 29 luglio). Il Re fu costretto ad abdicare (2 agosto) a favore del nipote Enrico, conte di Chambord, sotto la tutela del cugino Luigi Filippo d'Orleans. La successione non venne riconosciuta e lo stesso Luigi FIlippo assunse la corona di Re dei francesi. Carlo X, trasferì inizialmente la corte in esilio a Praga e morì, di colera, nel 1836 a a Gorizia, a Palazzo Coronini. È sepolto, nella cripta del monastero francescano di Kostanjevica, attualmente in Slovenia.
Provenienza:Non presente.



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
266ParpajolaVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
MedagliaFilippo V Re di Spagna e Duca di Milano ( 1701 - 1713 )Ottone - Bronzo-----------33,73 gr49 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 266 Parpajola 1266 Parpajola 2 
Descrizione del dritto
Busto di Filippo V corazzato PHILIPPVS.V.HISP REX.MED.DVX
Sotto il busto le iniziale dell' incisore I.V.F G. Vismara
Descrizione del rovescio
Dalle nubi con raggi esce una mano reggente una corona SIC.PLACVIT.DEO. ( così piacque a Dio, così ha voluto Dio )
Descrizione del taglio
liscio
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presenteNon presente
Provenienza:Non presente.


N°postNome utenteIndirizzo discussione   
269fabione191Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
MedagliaCittà del VaticanoBronzo-----------37,46 gr44 mm 
 Il dritto della medagliaIl rovescio della medaglia 
 269 fabione191 1269 fabione191 2 
Descrizione del dritto
Il volto del Sommo Pontefice Francesco in posa frontale, benedicente, con zucchetto e stola intorno la scritta FRANCISCUS PONT. MAX. AN.I A a destra sigla dell' artista
Descrizione del rovescio
VIDIT ERGO LESUS PUBLICANUM ET QUIA MISERANDO ATQUE ELIGENDO VIDIT, AIT ILLI SEQUERE ME ( senza l'errore significherebbe:Gesù guardò il pubblicano e avendone pietà gli disse Seguimi)
Descrizione del taglio
CIVITATE VATICANA 2046/4000
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presente.Refuso a posto di Jesus è stata incisa la parola Lesus
Provenienza:Non presente.



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
318romanusVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
MedagliaAccademia delle scienze ,arti e letteratura di Besançon.rame1848gm. 85,00mm. 55,00  
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 318 romanus 1318 romanus 2 
Descrizione del dritto
Testa femminile laureata . ACAD. DES SCIENC. ARTS BELL. LETTR. DE BESANCON
Descrizione del rovescio
Corona d'alloro attorno alla quale PRIX DECERNE EN SCIENCE PUBLIQUE LE 24 AOUT 1867
Al centro HISTOIRE M. J. CH. GAUTHIER
in esergo ANNA D A PRES J.P. MATRE 1848
Descrizione del taglio
Liscio con inciso in piccolo CUIVRE
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presenteNon presente
Provenienza: Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
326Civitas NeapolisVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
MedagliaFrancesco II Re del Regno delle Due SicilieRame Dorato1860. Zecca di Roma10,79 gr.32 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 326 Civitas Neapolis 1326 Civitas Neapolis 2 
Descrizione del dritto
Testa del Re a sx, entro FRANCESCO II RE DELLE DVE SICILIE *, ed una corona di fronde di quercia e di alloro chiusa in basso con un nastro.
Descrizione del rovescio
CAMPAGNA DI SETT. OTT. 1860, entro corona di quercia ed alloro chiusa in basso con un nastro. Nel campo tre Gigli Borbonici. Sotto, TRIFRISCO / CAIAZZO / S.MARIA / S.ANGELO / GARIGLIANO / *.
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Catalogazione: Ricciardi 268Non presente.
Provenienza: Non presente.



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
458alessandr0Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
MedagliaRegno d'ItaliabronzO190430 g40 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 458 alessandr0 1458 alessandr0 2 
Descrizione del dritto
IV CONGRESSO NAZIONALE DEL TIRO A SEGNO = + ROMA 1904 + Testa a sx
Descrizione del rovescio
UNIONE • TIRATORI • ITALIANI • Aquila coronata, su nastro in basso: figura femminile seduta a sx scrive sul nastro AL MERITO e regge rami di palma , sullo sfondo il Campidoglio raggiante In esergo: JOHNSON
Descrizione del taglio
Liscio
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presenteNon presenti
Provenienza: Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
487dizzetaVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
Medaglia di Restituzione realizzata nella seconda metà del XVI secoloStato Pontificiofusione in BronzoNon presentegr. 17,6639 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 487 dizzeta 1487 dizzeta 2 
Descrizione del dritto
ZACCHARIAS .I . P . M . - busto a sin. con piviale
Descrizione del rovescio
stemma vuoto su chiavi decussate e coronato da triregno
Descrizione del taglio
liscio
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Modesti CNORP I-91-5San Zaccaria fu Sommo Pontefice dal 10 dicembre 741 al 15 marzo 752, di famiglia greca era residente in Calabria dove nacque intorno all'anno 700, morì a Roma e fu sepolto in San Pietro ma oggi la sua tomba è andata perduta. Arginò la veemenza dell'invasione longobarda, indicò ai Franchi quale fosse il giusto governo e legittimò la nuova dinastia carolingia in Francia, dotò di chiese i popoli germanici e tenne salda l'unione con la Chiesa d'Oriente, governando la Chiesa di Dio con accortezza e prudenza. E' stato il 91° Vescovo di Roma.
Provenienza: Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
548giovannaVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
medaglia commemorativa Cabral Antunes, famoso incisore Portoghese contemporaneo, ha lavorato anche per il VaticanobronzoNon presente436 gr.99 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 548 giovanna 1548 giovanna 2 
Descrizione del dritto
In alto la scritta "Pedro ed Ines", sottostanti le due figure dei sovrani in un abbraccio affettuoso che fa intuire l'amore che li legava.
Descrizione del rovescio
In basso la scritta "Imortais do amor" (amore immortale), sopra vi è la firma dell'incisore. La scena si svolge nella Sala del Trono dove Alfonso IV decise di far uccidere la bella Ines
Descrizione del taglio
taglio- liscio
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presente.La leggenda di Pedro I ed Ines di Castro

dal sito "Mammagiramondoblogspot.it
Nel 1340 il principe ereditario Pedro si innamorò della bella Ines di Castro, una "semplice" dama di compagnia. Alfonso IV, suo padre vietò in modo assoluto al figlio di sposarla e temendo che il legame con la donna, imparentata con la corona di Castiglia, potesse pregiudicare l'autonomia del Portogallo, la bandì dal palazzo.
Pedro, troppo innamorato di Ines per dare ascolto al padre, sposò la sua bella, nascondendola poi in una tenuta di campagna nei pressi di Coimbra.
Il sovrano purtroppo scoprì il sotterfugio e convinto dai consiglieri di corte, fece uccidere la povera sposa.
Il dolore per la perdita di Ines rese Pedro folle e, una volta salito al trono, fece strappare il cuore ai responsabili dell'assassinio dell'amata. Poi, riesumatone il corpo, incoronò come sua Regina il cadavere nel Monastero di Santa Cruz ed obbligò i cortigiani a baciare la sua mano che era ormai in un evidente stato di decomposizione.
Oggi Ines e Pedro riposano vicini, nelle splendide tombe del Monastero di Alcobaca...
Provenienza: Non presente.



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
600scacchiVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
MedagliaNon presenteNon presente1969Non presenteNon presente 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 600 scacchi 1600 scacchi 2 
Descrizione del dritto
Non presente
Descrizione del rovescio
Non presente
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presenteApollo 12 fu la sesta missione con equipaggio nell'ambito del Programma Apollo della NASA e la seconda ad allunare
Provenienza: Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
635francesco77Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
Medaglia per l'assunzione al trono del Regno delle Due Sicilie di Ferdinando II di BorboneFerdinando II re del Regno delle Due SicilieArgento1830175,00 Grammi.63,5 mm. 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 635 francesco77 1635 francesco77 2 
Descrizione del dritto
FERDINANDVS II . REGNI VTRIVSQVE SICILIAE ET HIERVS REX. Testa (imberbe) a destra del Re, sotto, DE ROSA M.P. In basso, nel giro, F.REGA DIR. V.CATENACCI F.
Descrizione del rovescio
PIETATE AC IVSTITIA COMITE INIVIT IMPERIVM (Aveva iniziato l'impero insieme alla religione e alla giustizia). Il Re stante, all’eroica, con spada nella destra; la Religione e la Giustizia gli sono ai lati; all’esergo, ANN.CID I CCCXXX. In basso, F.REGA INV. ET DIR. M.LAUDICINA SCULP. DE ROSA M.P.
Descrizione del taglio
Liscio
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Ricciardi 158. D'Auria 164. Di Rauso-2009 3 http://www.ilportaledelsud.org/prime_medaglie.htm cfr. http://numismatica-italiana.lamoneta.it/docs/anon/2.pdfOpus: Vincenzo Catenacci per il dritto, Michele Laudicina per il rovescio.
Grado di rarità: RRRR - Medaglia apparsa sul mercato numismatico in soli due esemplari: un'analogo esemplare in asta Christie's dell'aprile 1992, ed uno nell'asta Varesi 49 (Utriusque Sicilie, Le medaglie) dell'aprile 2007. Un altro esemplare è riportato in D'Auria 2006, pagina 222. L'esemplare in allegato è il quarto esemplare.
Stato di conservazione: q.FDC con fondi lucenti e intensa patina da medagliere.
Da documento originale che recita come di seguito: " ........ Napoli, 29 novembre 1830.
Eccellenza
Dall'antecessore dell'E.V. mi viene comunicato il Real Rescritto col quale mi viene ordinato di far formare i bozzi, tanto dei conii delle monete coll'effigie di S.M. D.G., quanto di quelli delle due medaglie, una cioè per l'infausto avvenimento della morte di S.M. Francesco I e l'altra per l'innalzamento al trono di S.M. il Re Nostro Augusto Signore. In pronto adempimento degli ordini sovrani ho già disposto i disegni delle due medaglie e subito che saranno terminate mi farò un dovere di presentarle a S.M. secondo V.E. si è compiaciuta di incaricarmi e dietro la sovrana approvazione non mancherò di tutto rassegnare all'E.V. per l'occorrente di risulta.
Riguardo poi ai conii delle nuove monete mi permetto di farle presente che io sarei di avviso che in questa occasione si formasse il rovescio dov'è impresso lo stemma reale, più semplice e uniforme al disegno che mi do l'onore di acchiuderle.
Con ciò si verrebbero a togliere i reali ordini cavallereschi che attualmente nello stemma sono pendenti ed anche le foglie di olivo che circondano lo stemma.
L'esperienza ha fatto conoscere che questi ornati formano una confusione nell'incisione, e tale che l'impressione non viene così sicura e precisa come sono quasi tutte le monete straniere; la maggior parte delle quali sono tutte semplici senza ornamenti e decorazioni.
Anche nel nostro regno così si è sempre praticato fino all'anno 1805, nè questa semplicità che io propongo si oppone punto alla legge monetaria de' 20 aprile 1818 tuttavia in vigore mentre in essa si prescrive che la moneta debba contenere nel rovescio le semplici Reali Armi e non altro.
Ad ogni modo V.E. si potrà compiacere di rassegnare il tutto alla Maestà del Re nostro Augusto Padrone, acciò degnarsi di uniformarsi a questa mia idea ed approvando il modello possa io per la mia parte darvi piena esecuzione.
Il Reggente del Banco
A S.E. il Ministro delle Finanze Direttore G.le dell'Amm.ne delle monete.
Provenienza: Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
648ArgentumPapamVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
MedagliaGregorio XVIAE - Bronzo
MMDLXXXVII 70g68mm ca. 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 648 ArgentumPapam 1648 ArgentumPapam 2 
Descrizione del dritto
GREGORIO . P . M . AN . S . VIII - - Al centro, in ghirlanda di quercia lo stemma del comune di Roma coronato, all'interno dalla sigla S.P.Q.R.
Descrizione del rovescio
OB - MVSEVM . CAPITOL . - S . P . Q . R . - COMMENDATVM - A . V . - MMDLXXXVII
Nel campo: A. SAVORELLI - F. DE CINQVE . QVINTILI - S. MALATESTA - COSS - F. GURAVD. C.R.P.
Descrizione del taglio
Modanato
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Patrignani 53 - Boccia 103Medaglia coniata straordinariamente, anno VIII, per la custodia dei Musei Capitolini presso la Magistratura Romana. L'anno riportato alla fine della legenda corrisponde alla datazione romana dalla fondazione di Roma.
Provenienza: Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
658tornese71Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
Medaglia premio per la Esposizione Italiana del 1861 in Firenze. Esemplare n. 855Regno d’Italia – Vittorio Emanuele IIAE186196,5 grammi 55 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 658 tornese71 1658 tornese71 2 
Descrizione del dritto
Testa nuda del re a sx. Intorno: VITTORIO EMANUELE II RE D’ITALIA. Sotto il collo del re il nome dell’incisore: G. FERRARIS
Descrizione del rovescio
Allegoria della Vittoria, stante, con la mano destra che porge un serto o ghirlanda e la sinistra poggiata su un’ara con la scritta AL MERITO; in esergo il numero progressivo stampigliato in un ovale (in questo caso n. 855). Nel giro, in senso orario: ESPOSIZIONE ITALIANA DEL 1861 IN FIRENZE. Completano il giro, in piccolo, le scritte G. PUNTONI INV. (in basso a sx in senso antiorario) e F. VAGNETTI INC. (in basso a dx, in senso orario).
Descrizione del taglio
liscio, spessore 5 mm
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presenteNel marzo del 1861, come noto, fu raggiunta l’Unità d’Italia, anche se ancora mancavano al processo di unificazione il Triveneto e, soprattutto, Roma.
Ben conscia dell’importanza che poteva avere, anche politicamente, una mostra “nazionale” delle arti e manifatture, l’amministrazione sabauda si dette da fare per organizzarne una pochi mesi dopo l’unificazione del Paese. Non avendo ancora conquistato Roma, fu stabilito che il luogo ideale per ospitarla, sia per posizione geografica che per tradizione culturale, sarebbe stata la città di Firenze:
L’idea di una mostra nazionale doveva naturalmente scaturire dalla circostanza che l’Italia componevasi a nazione; affinché imparassero gli italiani delle varie provincie e delle varie regioni a conoscere e ad apprezzare mutuamente le produzioni della natura e dell’industria nei paesi dai quali per sì lungo tempo erano stati disgiunti per errore della fortuna o per la forza degli avvenimenti. […] Era dunque naturale che prima il governo toscano il quale trovavasi a capo di una illustre regione italiana, dove la solerzia e la gentilezza hanno da secoli la loro sede, e, dopo di esso, il governo nazionale si adoperassero perché in una città centrale e residenza d’ogni cosa bella si favorisse l’effettuazione di una mostra artistica ed industriale (Fonte: Cronaca della Guerra d’Italia, 7 voll., Roma, Tipografia Tiberina [poi] Rieti, Tipografia Trinchi, 1859-1866. Vol. 5.: 1861-1862, Rieti, Tipografia Trinchi, 1863, p. 151).

Fu predisposto un catalogo ufficiale, di 266 pagine, per aiutare i visitatori, integrato successivamente da un’altra edizione, più corposa e completa, realizzata al termine della rassegna. Questa fonte è preziosa per conoscere i nomi di tutti i partecipanti, dei prodotti esposti, e l’elenco dei vincitori premiati con la medaglia qui illustrata.
Il volume è il seguente: Esposizione italiana agraria, industriale e artistica tenuta in Firenze nel 1861. Catalogo officiale pubblicato per ordine della Commissione reale. Seconda edizione interamente rifatta e completata con l’aggiunta di tutti i premiati sì espositori che operai e l’indice generale dei nomi, Firenze, Tipografia Barbèra, 1862.
Può essere curioso sapere che furono presentate (nell’ambito della Classe VII, Lavorazione dei metalli) anche monete e medaglie (sez. IV della classe), come si vede dall’immagine allegata (scansione della pagina 173), anche ad opera delle zecche di Bologna, Firenze e Torino.
Altra curiosità: tra i concorrenti c'era anche Francesco Vagnetti, incisore della medaglia-premio per l'Esposizione (anche se non concorse con essa). Se fosse stato premiato, comunque, avrebbe ricevuto... la sua medaglia.Un altro volume, sempre connesso alla Esposizione del 1861, fu pubblicato nel 1865 e conteneva le Relazioni dei giurati che attribuirono i premi. Da questa fonte si può appurare che furono premiate, sempre con la medaglia qui illustrata, le tre zecche citate in precedenza. In vista della chiusura della zecca di Firenze, i giurati raccomandarono al Governo di continuare comunque a servirsi, per commissioni future, del Direttore Benvenuti…
Fonte: Esposizione Italiana tenuta in Firenze nel 1861, 3 voll., Firenze, Tipografia Barbèra, 1865-1867. Volume 2: Relazioni dei giurati: classi I a XII, Firenze, Tipografia Barbèra, 1865.
Provenienza: Non presente.


Torna su


 


Exonumia


N°postNome utenteIndirizzo discussione   
12piergi00Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
Gettone/TesseraCarlo Emanuele III di SavoiaArgento175710 grammi26 mm 
 Il dritto del gettoneIl rovescio del gettone 
 12 piergi00 112 piergi00  2 
Descrizione del dritto
Testa di Carlo Emanuele III rivolta a destra.
Descrizione del rovescio
La Securitas in piedi a destra. appoggiata ad una colonna tiene lancia e ramo.
Descrizione del taglio
Liscio.
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Promis Vincenzo tav. VI,N. 67Non presente
Provenienza:Non presente


N°postNome utenteIndirizzo discussione   
53magellano83Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
25 centditta solari (emissione privata Nuovo Banco Mercantile Milano)AlluminioNon presente 1,4 gr32 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 53 magellano83 153 magellano83 2 
Descrizione del dritto
francobollo di V.E.III da 25 cent incapsulato
Descrizione del rovescio
al centro nave mercantile a remi, sotto un cartiglio con scritto NUOVO BANCO MERCANTILE MILANO, sul giro in alto . NAVIGARE NECESSE EST . , sul giro sotto FYP . BREV. SOLARI - MILANO
Descrizione del taglio
Liscio.
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Gamberini (R3)questi gettoni vennero emessi nel primo dopoguerra (1919-1920) per sopperire alla mancanza di moneta spicciola, si tratta quindi di una monetazione di emergenza. I primi gettoni vennero realizzati dalla ditta Solari di Milano (specializzata in liquori) ed ebbero così successo che poi li brevettò. Questi gettoni avevano anche finalità pubblicitaria in quanto da un lato del gettone (al R/) era riportata la pubblicità di un'azienda mentre al D/ era incapsulato un francobollo di vari tagli a seconda del valore che veniva attribuito (esistono con tagli da 5-10-25-40-50 cent). La scritta in basso FYP è l'acronimo di Fallait y penser (ci dovevi pensare).
Provenienza:dalla mia collezione privata, scambiato in Danimarca con un'amico collezionista



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
347oedemaVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
GettoneGETTONE DI NUREMBERG (Norimberga) – (1586 – 1635). Mastro LauferBronzoNon presentegr. 1,3mm. 21 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 347 oedema 1347 oedema 2 
Descrizione del dritto
Uomo selvaggio che tiene nella mano destra un elemento floreale e nella sinistra una mazza; decoro costituito da fiori e anellini.
Descrizione del rovescio
Corona sormontata dalle lettere T ed A, accostata a due fiori e sormontata da altri quattro.
Descrizione del taglio
Liscio
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presenteProdotto in grande serie dai Krauwinckel, dai Laufer e dagli Schultes, ed imitato dagli altri produttori più piccoli. E' un tipo estremamente comune ritrovato in scavi in tutta Europa, rappresenta da solo probabilmente la metà di tutta la produzione di Nürnberg (Norimberga). I Rechenpfennig sono tessere o gettoni (non monete, anche se spesso possono sembrare tali) che venivano utilizzati per contare col metodo del "rechnen auf Linien", una specie di abaco "fatto sul momento" in cui una riga valeva per le unità, un'altra per le decine, un'altra per le centinaia e così via. Si potevano fare addizioni, sottrazioni, moltiplicazioni, divisioni senza usare numeri, ma utilizzando queste tessere, i Rechenpfennig, che quindi non avevano un valore fisso, ma assumevano valore diverso a seconda della posizione che avevano nell'abaco. E' stato utilizzato anche in "Campania".
Provenienza: Non presente


N°postNome utenteIndirizzo discussione   
392Civitas NeapolisVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
GettoneGettone di iniziativa privataRame190019,6 Gr.35.5 mm. 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 392 Civitas Neapolis 1392 Civitas Neapolis 2 
Descrizione del dritto
Angelo festante, due cuori legati assieme al centro di una ghirlanda matrimoniale tra le mani, con rose e petali sparsi nel campo.
Descrizione del rovescio
Alla sommità presenti due stemmi di casate nobiliari legati assieme da fronde di ulivo, in uno scudo è raffigurata la tipica Aquila stemma della casata di Francoforte, nell'altro scudo vi è presente un Orso. Sotto elencati i nomi dei due Sposi, IENN MANER // WILLN KOPPEL. Sotto frase in tedesco GETRAUT ZU FRANKFURT // A/M. Nel giro in basso AM 26. DEZEMBER 1900
Descrizione del taglio
Liscio
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presenteGettone realizzato di iniziativa privata per celebrare il matrimonio tra due nobili casate di Francoforte, nel 1900.
Provenienza: Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
404dux-sabVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
peso del ducatoducato MilanobronzoNon presentegr.3,34Non presente 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 404 dux-sab 1 
Descrizione del dritto
ritratto di Galeazzo Maria Sforza(1468-1476)
Descrizione del rovescio
liscio
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presenteNon presenti
Provenienza: Varesi 63



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
417fanghiVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
Gettone (Half Penny)Città Di CoventryRame179211g30mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 417 fanghi 1417 fanghi 2 
Descrizione del dritto
Lady Godiva A Cavallo con legenda PRO BONO PUBLICO e data in Esergo 1792
Descrizione del rovescio
Elefante Con Torre e Legenda COVENTRY HALFPENNY
Descrizione del taglio
In Incuso PAYABLE AT THE WAREHOUSE OF ROBERT REYNOLDS E CO.
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presenteNon presenti.
Provenienza: Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
441ParpajolaVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
Gettone (5 Soldi pane formento)Collegio S. Alessandro in MilanoAENon presente0.79 gr.26 mm. 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 441 Parpajola 1441 Parpajola 2 
Descrizione del dritto
COLLEG. || S.ALEX. || IN || ZEBED.
Descrizione del rovescio
SOLDI || CINQE (aggiunta in incuso di piccola v ) || PANE || FORM
Descrizione del taglio
Liscio
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presenteXVII - XVIII secolo
Provenienza: Asta Negrini n. 38 lotto 3502



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
450palpi62Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
PESO MONETALEDUCATO di MILANO ? per PIACENZA ?BRONZO---------3,18 g------- 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 450 palpi62 1450 palpi62 2 
Descrizione del dritto
---------
Descrizione del rovescio
---------
Descrizione del taglio
--------
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presenteVedi grida allegata, tratta da uno studio di GIUSEPPE CROCICCHIO
Provenienza: Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
454apolloniaVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
-----------Farmacia Zambeletti di Milanobronzo ---------4,957 g27 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 454 apollonia 1454 apollonia 2 
Descrizione del dritto
Libro di Galeno, coppa e serpente con fascia a Z con la scritta “FARMACIA ZAMBELETTI MILANO”; in esergo SJ (Stefano Johnson)
Descrizione del rovescio
Stemma con sopra un elmo, contornato da fronde e in basso da un nastro con la scritta ZAMBELETTI; sul bordo IN . FERRI . ARSENIATO . SANITA
Descrizione del taglio: Liscio
Descrizione del taglio
Liscio.
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presenteMedaglia pubblicitaria della famosa farmacia milanese che dai primi anni del XX sec. aveva la propria insegna lungo corso Vittorio Emanuele, all’altezza di piazza S. Carlo. Il farmaco pubblicizzato, l’arseniato di ferro solubile, era impiegato nella cura della pellagra, malattia causata da carenza alimentare di acido nicotinico (o Vitamina PP) e di triptofano e caratterizzata da disturbi a carico dell’apparato digerente, da disturbi nervosi e psichici e soprattutto da lesioni cutanee (eritemi pellagrosi). Lo stemma credo sia quello della famiglia Zambeletti.
Provenienza: eBay, 2013



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
474matteo95Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
Peso monetale per le 48 lire d'oro di GenovaNon presenteNon presenteNon presente12,6g 24 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 474matteo95 1 
Descrizione del dritto
stemma di genova nuovo , intorno Doppia Genova , in esergo P , contorno perlinato
Descrizione del rovescio
Liscio
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presenteArea di Produzione : Milano

Epoca 1800/1840
Provenienza: Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
507picchioVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
GettoneSocietà Lombarda per le corse dei cavalli -Non presente1914Non presenteNon presente 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 507 picchio 1507 picchio 2 
Descrizione del dritto
Non presente
Descrizione del rovescio
Non presente
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presenteRegalatami da mia madre inizio 2013 e ricevuta dal nipote avv. Maurizio Ulrich-Bansa ai tempi.
Si tratta del padre del noto numismatico, professore e studioso Barone Oscar Ulrich poi Bansa (Bansa è stato aggiunto in seguito e viene da una discendenza tedesca). Trattasi di medaglia di accesso alle strutture dell'Ippodromo di San Siro, in metallo dorato e smalto prodotto dalla Gioielleria Giacomo Ravasco
orafo d'origine genovese dal 1873 a Milano con un proprio laboratorio, poi seguita dal figlio Alfredo che frequenta i corsi serali della Scuola per Artefici dell’Accademia Di Brera a Milano e quindi la bottega orafa del milanese Eugenio Bellosio.
Data al 1906 la sua prima partecipazione a un’esposizione pubblica, quella tenutasi a Milano per il traforo del Sempione. Alfredo Ravasco fu presenza costante e di rilievo all’interno delle principali esposizioni orafe e d’arte decorativa sia nazionali sia internazionali, delle quali fu spesso promotore. In contatto con letterati e artisti diversi (incluso Giò Ponti, con il quale condivise idee e poetiche) gravitanti durante il primo Novecento a Milano, perno indiscusso dei movimenti intellettuali e artistici italiani, già con le opere esposte nel 1919 alla “Prima Mostra di Arte Decorativa” (Milano) manifesta, oltre a un deciso allontanamento dagli schemi attardati in cui versava buona parte dell’oreficeria italiana, la sua propensione a una semplificazione formale, confermata in seguito. Muore nel 1958 a Ghiffa (VB)

Note storiche :
Società Lombarda per le corse dei cavalli - fondata nel 1883 - decide di costruire un ippodromo più vicino a Milano, perché il pubblico possa accedervi senza disagi e perdita di tempo, scegliendo la località di San Siro fuori Porta Magenta. Il progetto viene affidato all'architetto Giulio Valerio che concepisce tutti gli impianti (tribune, "Casino" della direzione con portico per il pèsage, sala caffè, spazi di servizio per i fantini, infermeria, scuderie ecc.) rispondenti a criteri di semplicità e di economia, con carattere di costruzioni "leggere", quasi effimere, come si addice a uno sport essenzialmente stagionale.
L'ippodromo del galoppo viene inaugurato nel 1888 e l'ippica diventa sempre più importante nella vita sociale milanese.
Anche lo spettacolo del ritorno dalle corse attira una folla sempre più numerosa: le carrozze che occupano il "prato" dell'ippodromo come tante piccole tribune, tornano in città sfilando in doppia fila, dirigendosi verso il nuovo Parco (attualmente parco Sempione) dove compiono un giro finale prima di disperdersi. Il modello adottato dall'ippica italiana e dagli altri impianti sportivi ricalca lo stile inglese del XIX e XX secolo e le "seasons" saranno scandite dal calendario degli ippodromi. E' questo l'ambiente che conosce Ernest Hemingway quando si reca a Milano all'inizio del XX secolo e che racconta nel suo libro "Addio alle armi".Anno dopo anno l'ippica aumenta i suoi bisogni e diventano necessarie e imprescindibili nuovi impianti e continui ampliamenti. (dal sito di Italia Nostra).

Famiglia Bansa:
Oscar Ulrich-Bansa ( 11.3.1892 - 5.6.1982) discende da una famiglia di banchieri di origine danese (attuale banca Vonwiller a Milano), trasferiti a Milano. Ufficiale di artiglieria, il 29.10.1942 diventa Generale di Brigata sino alla fine della guerra, e nel 1946 si congeda dall'esercito. Ha sposato una nipote di Carlo Gavazzi, il più noto ed importante dei collezionisti numismatico d'Italia, la Signora Pia Gavazzi e per lunga parte della Sua vita ha vissuto, studiato, scritto e collezionato a Besana Brianza, alla villa il Lorino. Nel 1948 gli viene assegnata la cattedra di numismatica all'Università di Padova. Io non sono certo il Suo biografo ma non mi pare avesse il titolo accademico per l'insegnamento, ma grande conoscenza della numismatica. Sicuramente nel 1948 trovare professori non doveva essere semplice. Rimane all'insegnamento sino al 1962. Pubblica Moneta Mediolanensis al primo anno di insegnamento (Verona, 1949), e non è certo il lavoro di un anno, ma 30 anni da collezionista. Nel periodo 1952-1956 e 1962-1966 dirige la S.N.I., ma grande riconoscimento è la medaglia della Royal Numismatic Society nel 1960 (succede a P. Grierson).
Provenienza: Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
52810tony89Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
Gettone "Valido per una o più corse per i dipendenti dell' amministrazione comunale"Società Anonima degli Omnibus MilanoOttoneNon presenteNon presente25 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 528 10tony89 1528 10tony89 2 
Descrizione del dritto
Testa di Cavallino rampante
Descrizione del rovescio
Servizio per l'amministrazione
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Lamoneta W-TRSP/12-3Non presenti.
Provenienza: Non presente.



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
541giovannaVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
2000 Lire Gettone Non presenteArgento 800Non presente14,88 gr 32,7 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 541 giovanna 1541 giovanna 2 
Descrizione del dritto
"Un Salone d'Argento" " Buono per L. 2.000 ." - Al centro una figura quadrilobata contenente un'automobile inizi secolo 1900/fine 1800
Descrizione del rovescio
In legenda "54° Salone Internazionale dell'Automobile" "1972 Torino"aut. Intendenza di Finanza di Torino n. 26188 23/10/1972.Al centro il Palazzo delle Esposizioni, ex Palazzo della Moda
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presenteNon presenti.
Provenienza: Non presente.



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
637UmbertoIVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
MedagliaCroce Rossa Italiana Rame 1918Non presente30mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
  
Descrizione del dritto
Croce Rossa Smaltata su fondo bianco in forma ottagonale, un festone orizzontale recante in incuso la scritta Croce Rossa Italiana in alto la data 3 novembre 1918. Sullo Sfondo un campo di cereali e arbusti, sulla linea dell'orizzonte il sole.
Descrizione del rovescio
La pace trionfante rappresentata allegoricamente da una donna con una veste che accarezza le forme, si erge su sfondo di guerra, tra trincee cannoni detriti, motori d'aerei , un nastro riporta in alto la scritta "Pace Vittoriosa" dietro, campane rintoccanti.
Descrizione del taglio
Liscio
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presenteTale gettone insieme ai tagli in argento e oro vennereo emessi per raccogliere dei fondi con costo di 10, 25 e 200 lire rispettivamente.
Provenienza: Non presente


Torna su


 


Banconote


N°postNome utenteIndirizzo discussione   
8petronius arbiterVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMaterialeMillesimo PesoDiametro 
1000 franchiBanque de FranceCarta1940--------------------- 
 Il dritto della banconotaIl rovescio della banconota 
 08 petronius arbiter 108 petronius arbiter 2 
Descrizione del dritto
Due teste femminili in cerchio, coronate di foglie, simboleggianti l'Agricoltura, cornici di foglie, fiori e frutti. Cerchio bianco al centro, da cui traspare la filigrana. Il valore, in cifre e lettere, inciso in blu chiaro.
Descrizione del rovescio
Allegorie del Lavoro e del Commercio. A sinistra, un fabbro, sullo sfondo una fabbrica in attività. A destra, Mercurio, dio del Commercio e dei viaggiatori, sullo sfondo navi mercantili. Cerchio bianco al centro, da cui traspare la filigrana (testa di donna coronata di fiori).
Descrizione del taglio
---------------------
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presente---------------------
Provenienza: Banconota acquista nel novembre 2013 a Veronafil



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
47nikita_Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
£ire 200Regno di Sardegna----------------1799----------------------------- 
 Il dritto della banconotaIl rovescio banconota 
 47 nikita_ 147 nikita_ 2 
Descrizione del dritto
Busto di Carlo Emanuele IV - Mercurio armato
Descrizione del rovescio
Non presente
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presenteNon presente
Provenienza:Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
58ErdrücktVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
1 Piastra = 1 DongIstituto d'emissione degli Stati di Cambogia, Laos e
Vietnam (Indocina Francese)
Carta1954------------------------- 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 58 Erdrückt 158 Erdrückt 2 
Descrizione del dritto
Paesaggio con alberi. In alto dicitura "INSTITUT D'ÉMISSION DES ÉTATS DU CAMBODGE, DU LAOS ET DU VIETNAM", in basso "UNE PIASTRE".
Descrizione del rovescio
Statuetta Vietnamita rappresentante un Dragone
Filigrana
Testa di Leone
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
------------Nel 1953 l'Institut d'Emission des Etats du
Cambodge, du Laos et du Vietnam divenne il responsabile per l'emissione della
carta-moneta. Una banconota da 1 piastra fu emessa in questo anno a nome di tutti e tre gli stati. Inoltre tra il 1952 ed il 1954 furono introdotte banconote ed in una
delle tre nuove valute che erano state create: riel cambogiano, kip laotiano e dong
sudvietnamita.
Provenienza:Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
214gionni980Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
500 FRANCSBANQUE DES ETATS DE L’AFRIQUE CENTRALE-------------1974----------------------------------- 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 214 gionni980 1214 gionni980 2 
Descrizione del dritto
VOLTO DI DONNA A SINISTRA ; GRU CORONATE AL CENTRO
Descrizione del rovescio
MASCHERA A SINISTRA ; STUDENTI E PROVE DI CHIMICA AL CENTRO ; STATUA A DESTRA
Descrizione del taglio
--------------
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
WPM 2aNon presente
Provenienza:Non presente


N°postNome utenteIndirizzo discussione   
233ray-banVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
1000 Lire "Regine del Mare" (Fascio) l'Aquila, dette anche Capranesi.Banca d'Italia, Officine dell'Aquila.-------------1943-------------------- 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 233 ray-ban 1233 ray-ban 2 
Descrizione del dritto
Due figure femminili sedute in basso al centro, entrambe col bastone del comando, poggiano sugli stemmi di due città che esse rappresentano, Venezia e Genova.
Descrizione del rovescio
Rovescio: Medaglione raffigurante un gruppo scultoreo che un tempo ornava la facciata del Palazzo Kock, sede della Banca d'Italia a Roma, esse rappresentano le allegorie dell'Agricoltura, l'Industria e il Commercio.
Descrizione del taglio
--------
FiligranaNote storiche e numismatiche
Nel medaglione a destra la testa di Cristoforo Colombo, nel medaglione sinistro testa dell'Italia Turrita.Realizzatori: G. Capranesi INV. e DIS., A. Bianchi INC.
Provenienza:acquistata online il 22-05-2013



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
264ParpajolaVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
1 LempiraBanco Central de Honduras-------------------------------- gr--------- mm 
 Il dritto della banconotaIl rovescio della banconota 
 265 Parpajola 1265 Parpajola 2 
Descrizione del dritto
Alla sinistra lo stemma nazionale a destra l' eroe nazionale Lempira del XVI secolo, che aveva guidato senza successo la resistenza contro i conquistadores spagnoli.
Descrizione del rovescio
Descrizione del rovescio : Rappresentazione del sito archeologico di Coban, con inserita stele Maya rappresentante uno dei governatori della città.
Descrizione del taglio
-------
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presente.Non presente.
Provenienza:Non presente.



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
309ilcassa73Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
50 Lire "Buoi" - Vittorio Emanuele III Banca d'Italia---------01/08/1917------------------ 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 309  ilcassa73 1309  ilcassa73 2 
Descrizione del dritto
Figura seduta di Pallade in chiaroscuro, con ramo di ulivo nella mano destra e scudo imbracciato nella sinistra.
A sinistra l'ovale per la filigrana è circondato da rami di ulivo. Chiude il tutto un festone cromatico di foglie e frutta di arancio.
Descrizione del rovescio
l campo centrale è occupato da una scena agricola in chiaroscuro, rappresentata da due buoi con aratro condotti da un contadino. Una cornice esterna di colore arancio circonda l'intera composizione. Negli angoli, all'interno di quattro rosoni, compaiono la cifra "50" e un'aquila reale recante nel petto lo stemma dei Savoia.
In alto, festoni di fiori e frutta. In un medaglione è rappresentato in filigrana il profilo di Dante Alighieri con la corona di alloro.
Descrizione del taglio
---------
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presenteFirme: Stringher / Sacchi
Provenienza: Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
350dontyVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
1000 marchi polacchiPolonia---------1919------------------ 
 Il dritto della banconotaIl rovescio della moneta 
 350 donty 1350 donty 2 
Descrizione del dritto
ritratto di Kosciuszko, valore nominale, tysiac marek polskich, panstwo polskie bierze na siebie odpowiedzialnosc na wymiane niniejszego biletu na przyszla walute polska wedlug stosunku, ktory dla marek polskich uchwali sejm ustawodawczy. Warszawa dnia 23 sierpnia 1919 roku (trad. lo stato polacco si prende la responsabilita di cambiare questo biglietto con la prossima valuta polacca secondo il cambio deciso per i marchi polacchi dal senato. Varsavia 23 agosto 1919)
Descrizione del rovescio
polska krajowa kasa oszednosciowa, kto podrabia lub falszuje bilety polskiej kasy oszczednosciowej albo puszcza w obieg lub usiluje puscic w obieg podrobione lub falszowane bilety podlega karze ciezkiego wiezienia (trad. chi falsifica i biglietti della cassa di risparmio polacca o le mette in circolazione o ne ha l'intenzione sara punito col carcere pesante)
Descrizione del taglio
---------
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presenteNon presenti
Provenienza: Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
360rorey36Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
7 scudi da 10 Giuli ROMA -Banco di S.Spirito--------13 gennaio 1786---------------- 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 360 rorey36 1360 rorey36 2 
Descrizione del dritto
Non presente
Descrizione del rovescio
Non presente
Descrizione del taglio
---------
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presenteNon presenti
Provenienza: Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
491qwertylolVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
60 Bath.Thailandia.-------1987.-------------- 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 491 qwertylol 1491 qwertylol 2 
Descrizione del dritto
Ritratto del Re Rama IX sul trono; emblema della festa di buon auspicio a sinistra ed emblema della Banca Thailandese a destra.
Descrizione del rovescio
Ritratto del Re accompagnato dai membri della famiglia reale che parla con la gente.
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presenteDimensioni: 15,8 x 15,8 cm.
Questa banconota è stata emessa per commemorare il sessantesimo compleanno del Re.
Provenienza: Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
497AndreaMCMLXXVIIIVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
5 Euro (seconda serie)BCE Banca Centrale Europea--------2013---------------- 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 497 AndreaMCMLXXVIII 1497 AndreaMCMLXXVIII 2 
Descrizione del dritto
Arco in stile architettonico classico. Valore 5 ripetuto due volte. Indicazione valuta EURO EYP(OMEGA) EBPO
In alto sulla sinistra bandiera comunità europea con sottoriportata firma del presidente BCE Mario Draghi.
Descrizione del rovescio
Acquedotto in stile architettonico classico. Cartina dell'Europa.
in alto a sinistra indicazione valuta €
in basso a destra indicazione nominale "5" e valuta EURO EYP(OMEGA) EBPO
Descrizione del taglio
--------
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presenteDimensioni: 120 x 62 mm
Colori prevalenti : verde - grigio
Provenienza: Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
565magellano83Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMaterialeMillesimo PesoDiametro 
5 rupie nepalesiNepalCarta.2009-------------- 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 565 magellano83 1565 magellano83 2 
Descrizione del dritto
colore principale rosso, a sinistra raffigurazione del monte Everest, al centro raffigurazione di una pagoda e a destra filigrana, in alto scritte in caratteri nepalesi ed in basso numeri di serie del biglietto
Descrizione del rovescio
colore principale rosso, raffigurazione di una coppia di Yak con sullo sfondo l'Himalaya ed il monte Everest, in basso scritto in caratteri nepalesi ed in inglese RUPEES FIVE
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presente.Incastonato tra cina ed india, il nepal è una repubblica democratica di circa 150.000 Kmq che vanta una popolazione di 30.000.000 di abitanti. L'etimologia del nome della nazione è sanscrita è significa "Paese sorvegliato da Ne". Nella cultura nepalese, Ne fu un saggio hindu che, in tempi antichi, elesse la valle di Kathmandu a propria residenza. Da Ne vengono anche fatti discendere molti degli usi e dei costumi che caratterizzano tutt'ora il Nepal o le rendono un crogiolo unico di differenti tradizioni ed etnie.
Provenienza: regalo di un'amico di ritorno da un viaggio



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
590alfgioVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
10 lireregno d'italia----------25 novembre 1944-------------------- 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 590 alfgio 1590 alfgio 2 
Descrizione del dritto
testa di giove
Descrizione del rovescio
2 uomini
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presente.Ventura-Simoneschi-Giovinco
Provenienza: Non presente.



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
594scacchiVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
3 PESOSBANCO DE CUBA--------1995---------------- 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 594 scacchi 1594 scacchi 2 
Descrizione del dritto
Non presente
Descrizione del rovescio
Non presente
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presenteNon presenti
Provenienza: Non presente


Torna su




Monete che concorrono nella categoria antiche in materiale oro


N°postNome utenteIndirizzo discussione   
79rorey36Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
Solido s.d. RavennaValentiniano III 425/455AUNon presente4,49 gr.21 mm. 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 79 rorey36 179 rorey36 2 
Descrizione del dritto
D N PLA VALENTI NIANVS P F AVG Busto a destra diademato corazzato e drappeggiato.
Descrizione del rovescio
VICTORIA AVGGG esergo COMOB in campo R V L’Imperatore stante di fronte regge lunga croce con la d. e vittoria che lo incorona con la s. e poggia il piede d. su un serpente dal volto umano.
Descrizione del taglio
liscio
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
RIC 2010Flavio Placido Valentiniano III, fu imperatore romano d'Occidente dal 425 alla sua morte.
Divenne imperatore dopo la morte di Onorio regnando per trent'anni. Dal 425, Valentiniano III divenuto ufficialmente augusto all'età di sei anni, riuscì a governare con l'aiuto dello zio Ezio. Nel 437 sposò la figlia di Teodosio II ,Licinia Eudossia, ma il potere rimase ancora nelle mani dello zio.
Per difendere la Gallia da Burgundi e Bagaudi Ezio chiese l’aiuto degli Unni ai quali dovette cedere la Pannonia. I Visigoti si insediarono in Aquitania e di lì invasero la Spagna.
La figura di Ezio si indebolì e Valentiniano lo accusò di tradimento e lo fece uccidere. La carica di Magister Militum gli venne chiesta dal Senatore Petronio Massimo, cui l’imperatore aveva insidiato la moglie, ma Valentiniano rifiutò. Petronio Massimo decise di farlo uccidere e il 16 marzo 455 due sciti che avevano combattuto con Ezio e ora facevano parte della scorta lo pugnalarono al Campo Marzio.
Con la morte di Ezio era scomparso l'uomo forte che avrebbe potuto difendere l'impero dai pericoli esterni (pochi mesi dopo i Vandali misero a saccco Roma). Ventun’anni dopo si dissolse l’Impero d’Occidente.
Provenienza:Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
361numismaticasiculaVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
SolidoCostantino V Imperatore 741-755 d.c.oroNon presentegr.3,83mm.21,5 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 361 numismaticasicula 1361 numismaticasicula 2 
Descrizione del dritto
Busti di Costantino V barbuto e di Leone IV imberbe, di fronte. Ambedue coronati, in clamide. in alto tra le due teste
una crocetta.
Descrizione del rovescio
Busto coronato e trabeato di Leone III, che tiene con la destra una lunga croce.
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presentedurante il regno di Costanto V la zecca di Siracusa fu molto attiva, tuttavia i coni non sono molto curati, raramente sono leggibili le legende
complete. Le figure degli Augusti sono stilizzate, prive dell'effettivo ritratto.
Provenienza: Ex collezione Martorana, Palermo.



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
501g.aulisioVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
Hyperpyron nomismaImpero di Nicea, Giovanni III Ducas Vatatzes (1221-1254), zecca di Magnesia.AUNon presenteg. 4,38mm 28 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 501 g.aulisio 1501 g.aulisio 2 
Descrizione del dritto
Cristo in trono, nel campo IC – XC, a destra ed a sinistra del trono +
Descrizione del rovescio
L’imperatore in piedi a s.con labaro e anexikakia, incoronato dalla Vergine, ΙѠ ΔЄСПОТН ТѠ ПОРФѴРОГЄΝΝΗΤѠ ΜΡ ΘѴ
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
M.F. Hendy DOC vol.4, John III (Magn.), Second coinage (1232-54 ?) Type A: « early style ». a seguito della caduta di Costantinopoli nelle mani dei crociati guidati da Enrico Dandolo e da Baldovino di Fiandra, i Bizantini costituirono la loro ultima linea di resistenza a Nicea, sulle coste settentrionali della Turchia. In meno di sessantanni riuscirono a ricostruire una forza tale da riuscire a sloggiare i crociati e riprendere il controllo di Costantinopoli (o di quanto ne rimaneva...).
Provenienza: L.A.C. GB.



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
468le90Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
Solido, zecca di RavennaOnorio (395-423 d.C.)OroNon presente4,48 gr.18,68 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 468 le90 1468 le90 2 
Descrizione del dritto
DN HONORIVS P F AVG, Busto diademato, corazzato e paludato a destra.
Descrizione del rovescio
VICTORIA AVGGG/ R-V, L’Imperatore in abiti militari che tiene labaro e globo niceforo, calpesta un prigioniero.
Descrizione del taglio
liscio
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
RIC 1287, Cohen 44Questa moneta, coniata tra il 402-403/405-406 d.C., fa parte di una delle prime serie coniata a Ravenna, dopo che la città venne scelta come capitale nel 402 d.C.
Provenienza: Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
622magdiVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
Ducato Filippo Maria Visconti, Signore di Genova.OroNon presente3.53 g.23mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 622 magdi 1622 magdi 2 
Descrizione del dritto
D. MEDIOLANI // S. PETRVS Il Doge in ginocchio di fronte al Santo che porge l'Asta, su asta, verticalmente DVX.
Descrizione del rovescio
SIT. TXPEDATQ. REGIS TE. DVCA. Il Cristo stante in ellisse perlinato con nove stelle.
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Gamb. 398 - Lunardi 518
Contraffazione del ducato di Venezia, coniata a Scio (Chios).
Provenienza: Eugenio Fornoni



Torna su



Monete che concorrono nella categoria antiche in materiale argento


N°postNome utenteIndirizzo discussione   
19rorey36Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
DenarioManius Acilius Glabrio 48 a.C.ArgentoNon presentegr. 3,8216/19 mm. 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 19 rorey36 119 rorey36 2 
Descrizione del dritto
SALVTIS Testa laureata della Salute verso destra
Descrizione del rovescio
MN ACILIVS III VIR VALETV La Salute stante di fronte volta a sinistra si appoggia a una colonna e regge con la destra un serpente.
Descrizione del taglio
Liscio.
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
SYD 922 Babelon Acilia 8Manius Acilius Glabrio , triumviro monetario, combattè a fianco di Cesare nella guerra civile (48 a.C.), quando era governatore d’Epiro. Nel 46 a.C. è pro-pretore in Sicilia , e nel 44 a.C. viene nominato governatore d’Acaja. Infine nel 33 a.C. è console.
La rappresentazione della Salus e della Valetudo ( sinonimi) si riferisce alla leggenda secondo la quale la gens Acilia introdusse l’Arte della medicina a Roma.
Provenienza:Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
80Mirko8710Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
QuinarioImperatore Ottaviano Augusto - Zecca di Brindisi/Roma, 29-26 a.C.ArgentoNon presente1,67g15mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 80 Mirko8710 180 Mirko8710 2 
Descrizione del dritto
CAESAR IMP VII; Testa di Ottaviano (Augusto) rivolta verso destra.
Descrizione del rovescio
ASIA RECEPTA; Una Vittoria, drappeggiata, in piedi rivolta verso sinistra su di una cista mistica circondata da due serpenti. Nella mano destra tiene una ghirlanda, nella sinistra un ramo di palma.
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
RIC I, 276; BMC 647; CLM 454.Ho comprato questa moneta perché appartenente alla serie di Augusto da me preferita. Quella, appunto, della zecca pugliese a seguito della vittoria ad Azio. Con la vittoria su Marco Antonio e Cleopatra, Augusto, sancì il suo potere in tutto quello che di lì a breve sarebbe stato chiamato Impero. Al centro del rovescio si può vedere una Cista Mistica, simbolo utilizzato pochi anni prima nel rovescio di un Cistoforo coniato per circolare in Asia, di...indovinate chi? Marco Antonio con Ottavia (sorella di Augusto, sposa di Antonio).
Provenienza:Comprata da Jean Elsen



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
84le90Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
Denario, zecca di RomaSettimio Severo (193-211 d.C.)ArNon presente3,16 gr.18,68 mm. 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 84 le90 184 le90 2 
Descrizione del dritto
L SEPT SEV AVG IMP XI PART MAX, Busto laureato a destra.
Descrizione del rovescio
PROFECT AVGG FEL, L’Imperatore in abiti militari su cavallo
rampante a destra, tiene una lancia
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
RIC 138, Cohen 576Questa tipologia venne coniata su aurei e denari tra il 198 e il 200 d.C. per annunciare il viaggio della famiglia imperiale in Siria ed Egitto, a seguito delle vittorie riportate contro in Parti da Settimio Severo.
Provenienza:Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
123deadheadVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
tetradracmaGelone di Siracusa (485-478 aC)argentoNon presente17,18 g26 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 123 deadhead 1123 deadhead 2 
Descrizione del dritto
quadriga che dirige verso sinistra, Nike in volo incorona i cavalli
Descrizione del rovescio
profilo della ninfa Arethusa
Descrizione del taglio
tondeggiante, regolare
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Boehringer Series VIa, 76 (V36/R51); HGC 2, 1306; SNG ANS 19; Bement 456; Jameson 747; Pozzi 561 (stessa coppia di conii)moneta molto rara in questa accoppiata di conii e con pedigree importantissimo (fondamentale per questo tipo di emissioni molto falsificate). Daniel Koppersmith Collection. Ex Rockefeller University/Dr. Alfred E. Mirsky Collection (Gemini VII, 9 January 2011), lot 149; Dr. George Henry Abbott Collection (Glendining & Co., 10 October 1951), lot 168.
Relativamente agli aspetti stilistici di questa tetra mi sono appassionato in particolare alla modernità del gusto con cui l'incisore ha realizzato i conii, entrambi. L'artigiano-artista qui supera il modello arcaico del kouros e anticipa già dei dettagli plastici e anatomici che saranno poi pienamente assorbiti solo verso gli anni 20 del V secolo aC. La muscolatura tesa del braccio dell'auriga, il profilo slanciato e sinuoso del corpo della Nike, il dettaglio delle labbra e del naso di Aretusa, il ciuffo quasi sbarazzino che scende sulla fronte sono raffinatezze di un incisore che non solo era aggiornato sulle più importanti novità artistiche del suo tempo, ma che guardava già avanti.
Provenienza: Acquistata all'asta CNG di settembre.



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
124renatoVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
Denaro della gens VolteiaRepubblica romana 78 a.C.ArgentoNon presenteNon presenteNon presente 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 124 renato 1124 renato 2 
Descrizione del dritto
busto laureato ed elmato di ATTIS ( Divinità Frigia)
Descrizione del rovescio
Cybele ( Dea creatrice , colei che ha dato origine all'universo senza bisogno dell'intervento maschile) , seduta nel carro trainato da due leoni
Descrizione del taglio
Cybele ( Dea creatrice , colei che ha dato origine all'universo senza bisogno dell'intervento maschile) , seduta nel carro trainato da due leoni
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
CR 385 - Syd 777Non presente
Provenienza: Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
182legionarioVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
denarioM. Volteius M.f.argento78 a.C.gr. 3.73
mm. 18 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 182 legionario 1182 legionario 2 
Descrizione del dritto
Testa di Ercole a dx, con copricapo di pelle leonina.
Descrizione del rovescio
l cinghiale di Erimanto a dx. In esergo: M. VOLTEI. M.F.
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Crawford (RRC) 385/2 - Babelon: Volteia 2La moneta allude ai Ludi Plebeii (di cui era protettore Ercole) i quali si celebravano al Circo Flaminio nel mese di Novembre.
Provenienza: Künker 236 (7 ottobre 2013) lotto 770 - (ex Busso Peus 372 - 30 ottobre 2002 - lotto 955)



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
253mazzarello silvioVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
DENARIOIMP ADRIANOargento--------3,31 gr18,16 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 253 mazzarello silvio 1253 mazzarello silvio 2 
Descrizione del dritto
Testa di Adriano laureata a destra, con paludamento sulla spalla sinistra.
Descrizione del rovescio
Ercole nudo, seduto a destra su pila d'armi, ( corazza scudo e elmo ) tiene con la mano destra la clava e nella sinistra due pergamene.
Descrizione del taglio
liscio
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
RIC 149 v Su cosa tiene in mano ErcoleNon presente
Provenienza:Non presente.



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
324gionnysicilyVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
TetradracmaGela (circa 420-415 a.C.)ArgentoNon presente17,05 g23 mm, 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 324 gionnysicily 2324 gionnysicily 1 
Descrizione del dritto
Auriga su quadriga, incoronato da Nike. In esergo, uccello in piedi.
Descrizione del rovescio
Protome di toro androprosopo
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Jenkins, Gela, Gruppo VIII, 476 (O92/R186); SNG ANS 95.Non presenti
Provenienza: CNG 16/01/13 lotto 37. Coll. Robert e Julius Diez.



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
362oedemaVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
DenarioRepubblica romana - C. Mamilius Limetanus. 82 a.C. della Gens Mamilia - triumviro monetalisArgentoNon presentegr 4,1mm 20 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 362 oedema 1362 oedema 2 
Descrizione del dritto
Busto di Mercurio a destra. Dietro, caduceo.
Descrizione del rovescio
C. MAMIL. LIMETAN. Ulisse che cammina a destra, riconosciuto dal proprio cane Argo
Descrizione del taglio
Frastagliato
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presenteLa gens Mamilia era in origine una delle famiglie più illustri di Tusculum, e anzi di tutto il Lazio. Ottenne la cittadinanza romana nel 5 ° secolo a C. Alcuni dei suoi membri successivamente si stabilirono a Roma, dove Lucius Mamilius Vitulus fu il primo console della famiglia nel 265 a C, l'anno prima della prima guerra punica.
Provenienza: Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
413apolloniaVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
TetradrammaFilippo II, re di Macedonia (359-336 a. C.)ArgentoNon presente14,41 g23 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 413 apollonia 1413 apollonia 2 
Descrizione del dritto
Testa laureata di Zeus con folta barba a dx
Descrizione del rovescio
Giovane cavaliere nudo a dx, che cavalca senza sella, tenendo nella sinistra le redini e nella destra un lungo ramo di palma posto tra il suo corpo e l’incollatura del cavallo, che supera in altezza la testa del cavallo; il cavallo avanza a dx su una linea del terreno, la gamba anteriore sinistra alzata, con un’andatura da parata; al di sopra del cavaliere, ΦIΛIΠ, davanti al cavallo ΠOΥ. Sotto la pancia del cavallo una grossa spiga.
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Le Rider p. 24, 163; tav. 7, 163 d.Zecca di Pella, capitale del Regno di Macedonia (348/7 - 343/2 a. C.)
Provenienza: Gorny & Mosch 215, lotto 764



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
503 g.aulisioVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
Dracma o tetroboloTribù celtiche della Gallia Cisalpina o della Provenza (IV o III sec. a.C.)ARNon presenteg. 3,82mm 17 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 503 g.aulisio 1503 g.aulisio 2 
Descrizione del dritto
Testa di Artemide a d.
Descrizione del rovescio
Leone a d., sopra ΜΣΣA
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Pautasso 1966 Massa α (variante), Arslan 1992 tipo I (variante)é incerto se queste prime imitazioni della dracma pesante di Marsiglia siano state emesse in Gallia Cisalpina o nella bassa valle del Rodano. La stessa datazione é incerta, dato che é ovviamente legata alla datazione del prototipo massaliota, rispetto alla quale sussistono grandi divergenze tra gli studiosi.
Di questo tipo se ne discute qui
Provenienza: C&C, Francia



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
607andreagcsVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
tetradrammaAlessandro Magno (Alessandro III di Macedonia). Coniata tra il 323 e il 320 a.C.argentoNon presente17,12 grammi26 mm. 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 607 andreagcs 1607 andreagcs 2 
Descrizione del dritto
Profilo volto a destra di Eracle (l'Ercole romano) con sulla testa un copricapo di leone ( il leone Nemeo ucciso nella prima delle 12 fatiche di Ercole).
Descrizione del rovescio
al centro Zeus, signore dell'Olimpo seduto sul trono, mentre con la sinistra tiene lo scettro. Sulla sua destra si trova appoggiata un'aquila, uccello protettore e sacro di Zeus, che seguiva sempre Alessandro nei suoi spostamenti e in battaglia. Sulla sinistra del campo trovate parte delle armi di Eracle: l'arco e la faretra con le frecce.
Descrizione del taglio
bordo sia al dritto che al rovescio perlinato e irregolare.
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Price 110 C. La catalogazione come Price 110 di tipo C viene dal fatto che nella moneta al rovescio la scritta circolare riporta "Alexandrou Basileos" ossa tradotto, " moneta di Alessandro Re" . Negli esemplare più comuni, sempre Price 110 ma non di tipo C, viene invece riportata la scritta invertita "Basileos Alexandrou" ossia "moneta del Re Alessandro". Zecca di Anfipoli (antica Tracia, attuale nord est della Grecia, nella provincia di Macedonia) Conquistata nel 357 a.C. da Filippo II di Macedonia, Re e padre di Alessandro Magno, rappresentò una delle principali zecche attive durante la vita di Alessandro. La moneta è stata acquistata nel 2013 nel negozio Vcoins di Aphrodite Gallery
Provenienza: Non presente.


Torna su




Monete che concorrono nella categoria antiche in materiale in altri materiali


N°postNome utenteIndirizzo discussione   
37matteo1999Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
Non presenteJuliano II°, zecca di Constantinopoli 361-363 d.C.bronzo355-3632,60 gr18-20 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 37 matteo1999 137 matteo1999 2 
Descrizione del dritto
Perla-Diadema, Elmetto, Corazza con busto rivolto a sinistra con scudo / legenda DN FL CL IULIANUS PF AVG
Descrizione del rovescio
VOT X MVLT XX, quattro righe in corona di alloro, ramo di palma
Descrizione del taglio
Liscio.
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presenteNon presente
Provenienza:Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
46vickydogVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
SesterzioImpero Romanooricalco170 d.C.22,93 gr32,5 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 46 vickydog 146 vickydog 2 
Descrizione del dritto
Busto di Faustina (figlia) Augusta a destra drappeggiato
Descrizione del rovescio
Fecunditas stante a destra, tiene scettro e bambino
Descrizione del taglio
Liscio.
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
RIC (M. Aurel.) 1638 . Cohen. 100Non presente
Provenienza:Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
48rorey36Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
Dupondio 118 d.C.Adriano 117/138Bronzo118 d.C.9,42 gr26 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 48 rorey36 148 rorey36 2 
Descrizione del dritto
IMP. CAESAR TRAIANVS HADRIANVS AVG. Busto a destra con corona radiata.
Descrizione del rovescio
PONT MAX. TR. POT COS II L’Annona stante a sinistra regge spighe e cornucopia. Ai piedi modio e prora. Ai lati S C . Esergo : ANNONA AVG
Descrizione del taglio
Liscio.
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
RIC 555; C. 179; BMC 1141 Non presente
Provenienza:Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
56andreagcsVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
1/4 AEAlessandro Magno Re di Macedonia (320 a.C.)BronzoNon presente2,09 gr14 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 56 andreagcs 156 andreagcs 2 
Descrizione del dritto
riproduzione di uno scudo dell'esercito macedone. Al centro (episema) la Gorgone per intimorire l'avversario
Descrizione del rovescio
elmo macedone con pennacchio al centro. Ai lati le iniziali B (basileos = del Re) e A (alexandrou = di Alessandro). In basso sulla sinistra l'ascia bipenne a due lame e a destra l'iniziale K
Descrizione del taglio
liscio irregolare.
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Price - n. 2065Zecca di Mileto costa sud ovest dell'odierna Turchia. La moneta
Provenienza:proviene dall'asta HD Rauch di Vienna di fine giugno 2013



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
71eliodoroVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
Obolo; Samnium Aesernia (265 - 240 a.c).BronzoNon presente7,04 g.20,50 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 71 eliodoro 171 eliodoro 2 
Descrizione del dritto
Testa di Vulcano a destra con scritta Volcanom davanti
Descrizione del rovescio
Giove in biga a galoppo a destra che brandisce un fulmine, Aisernino in esergo
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
HN Italy 430 - SNG ANS 119Non presenti
Provenienza:Asta Artemide 23E



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
116cisoky68Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
SesterzioAntonino pio - Roma (146 d.c)BronzoNon presente21,7 gr30 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 116 ciosky68 1116 ciosky68 2 
Descrizione del dritto
ANTONINVS AVG PIVS PP TR P
Descrizione del rovescio
HONORI AVG COS IIII S C
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
COHEN 414Non presenti
Provenienza:Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
121romaniniVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
Sesterzio zecca di Roma 118 d.cImpero Romano, AdrianoOricalcoNon presente21 gr.33 mm. 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 121 romanini 1121 romanini 2 
Descrizione del dritto
IMP CAESAR TRAIANUS HADRIANUS AUG - busto drappeggiato e testa laureata dell'imperatore a dx
Descrizione del rovescio
PONT MAX TR POT COS II - in esergo - FORTRED. La Fortuna sul trono verso sinistra con scettro e cornucopia.
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Ric 551aNon presenti
Provenienza:Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
126DebbeVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
FollisLicinio Padre, Flavius Valerius Licinianus Licinius 307 - 323AESNon presentegr. 5,923/24 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 126 Debbe 1126 Debbe 2 
Descrizione del dritto
IMP C LIC LICINNVS P F AVG busto laureato a destra
Descrizione del rovescio
GENIO IMP - ERATORIS Genio in piedi a sinstra, Medio in testa, nudo con Clamide su spalla sinistra che cade fino a terra, nella mano destra Patera da cui scorre liquore, altare con fiamme, nella mano sinistra cornucopia, Epsilon (5a officina); in esergo ANT di Antiochia
Descrizione del taglio
Liscio
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
RIC VI Antiochia 119bDoppia N in Licinnus, usura del conio ad ore 2 su S e F di Licinnus P F. Battuta tra il 309 e il 310 anni in cui, dopo essere stato nominato Augusto alla conferenza di Carnuntum a seguito della collaborazione in campo militare con Galerio, si fidanzò con Costanza, sorella di Costantino per placarne le proteste scaturite dalla sua promozione. Il nominativo di Valerius Licinianus Licinius deriva dall'assunzione del titolo di "Giovio" concessogli da Diocleziano che fino a quel momento aveva tenuto per sé.
Provenienza: Non presente


N°postNome utenteIndirizzo discussione   
127SatorVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
1 follis, zecca di EracleaGaius Valerius Galerius Maximinus Daia (309-313) BronzoNon presente5,25 g24 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 127 Sator 1127 Sator 2 
Descrizione del dritto
(da sinistra): IMP C GAL VAL MAXIMINVS P F AVG; Testa laureata a destra
Descrizione del rovescio
IOVI CONSERVATORI. Jupiter, stante a sinistra, tiene Vittoria che lo incorona
Descrizione del taglio
liscio
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Not in RICGaius Valerius Galerius Maximinus Daia, più semplicemente noto come Massimino II, nacque in Dacia probabilmente nel 270 da una sorella di Galerio Massimiano. Nel 308 costrinse suo zio Galerio a conferirgli la nomina ad augusto insieme a Costantino. Massimino II Daia, il cui potere era esteso alla Cilicia, all’Isauria, alla Siria e all’Egitto, ci viene descritto come osservatore della fede pagana, riorganizzatore dei sacerdoti, restauratori dei templi, ed ancora superstizioso, credulo dei maghi divinatori e degli oracoli, nonché incoraggiatore della apologetica pagana. Nel 308 d.C. venne a conoscenza del fatto che Galerio aveva insignito Licinio del titolo di Augusto. Massimino dovette accettare forzatamente questa decisione e diede nuovamente inizio alla persecuzione dei cristiani con molta più ferocia rispetto al passato.
Massimino fu rivale di Massenzio e acerrimo nemico sia di Licinio sia di Costantino. Fu proprio contro Licinio che Massimino II combatté nel 313 la sua ultima battaglia, durante la quale coniò la moneta in questione.
La scritta ben leggibile “SM” nell’esergo porterebbe a considerare la moneta proposta come appartenente alla serie di follis coniati da Licinio ad Eraclea, ma gli elementi e la legenda del R/ risultano in tal caso fuori luogo. La monetazione di Licinio, infatti, si distingue per l’aquila e la corona di fiori in vista, commemorando i suoi 5 anni di anniversario. Gli elementi e la struttura del R/, come anche lo stile (in particolar modo quello della toga), corrispondono esattamente a quelli della serie di Massimino coniata a Nicomedia (RIC VI Nic 79). Pertanto si potrebbe ipotizzare che la presente serie sia stata coniata ad Eraclea dopo che Massimino II ebbe preso il controllo della zecca. Infatti nel 313 Licinio sfidò in guerra Massimino II spinto dall’alleanza con Costantino. Per un breve periodo la zecca fu controllata da Massimino II, il quale coniò monete con il R/ su imitazione di quelli di Nicomedia. Il RIC riporta tre tipologie monetali coniate da Massimino dopo aver preso il controllo della zecca: “GENIO AVGVSTI”, “HERCVLI VICTORI” e “SOLI INVICTO” (RIC 76-78). La “IOVI CONSERVATORI” era la quarta serie più coniata da Massimino a Nicomedia, e pertanto non risulterebbe insolito trovare la stessa riproposta anche ad Eraclea come testimonia la moneta che vi propongo. In tal modo gli aspetti della serie di Eraclea si abbinano nello stesso tempo a quelli di Nicomedia.
In breve tempo, tuttavia, vinta la battaglia da Licinio, la zecca tornò a coniare le sue normali serie. Massimino II infatti, sconfitto da quest'ultimo nella battaglia di Tzirallum, si ritirò a Tarso dandosi la morte avvelenandosi o strangolandosi con le sue stesse mani.
Provenienza: Artemide aste


N°postNome utenteIndirizzo discussione   
154DebbeVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
AsseTito, Titus Flavius Vespasianus 79 - 81rameNon presentegr. 8,426/27 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 154 Debbe 01154 Debbe 02 
Descrizione del dritto
CAES DIVI VESP F DOMITIANO COS VII busto laureato a destra
Descrizione del rovescio
S C in mezzo Minerva in piedi rivolta a sinistra, tiene fulmine nella mano destra e nella sinistra una lancia, ai piedi uno scudo
Descrizione del taglio
Liscio
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
RIC II Roma 169aBattuta nel 80 – 81 nella zecca di Roma da Tito a nome del fratello minore Domiziano ( Tito Flavio Domiziano) 81 – 96, secondogenito di Vespasiano e Flavia Domitilla, nacque nel 51. Mentre in Oriente suo padre si sollevava contro Vitellio nell’estate del 69, egli si trovava a Roma con lo zio Flavio Sabino il prefetto della città. Quando il Campidoglio venne occupato dai sostenitori di Vitellio, Domiziano al contrario di Sabino riuscì a fuggire. Dopo l’uccisione di Vitellio fu proclamato Cesare dalle truppe di Primo che aveva combattuto a sostegno di Vespasiano. Durante il regno del padre Domiziano ebbe numerosi privilegi esteriori, compresi quelli del Consolato e del titolo di Principe della Gioventù ( principes iuventutis ). Eppure dal padre non ricevette mai cariche importanti; dal momento che Tito non aveva prole, si comprese rapidamente che il trono sarebbe passato da fratello a fratello. Ampie attestazioni si ritrovano sulle monetae, ed in particolare sulla mia la proclamazione a Cesare e la nominazione a Console, COS VII che corrisponde al’ 80 d.C.
Provenienza:Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
194oedemaVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
PENTANUMMOFOCA (602-610 d.C.), Imperatore romano d’Oriente non dinasticoBronzoNon presentegr. 6,3
mm. 20 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 194 oedema 1194 oedema 2 
Descrizione del dritto
Busto barbato e diademato
Descrizione del rovescio
Croce con lettere FOCA
Descrizione del taglio
Liscio
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
MIBE 97; SB 685Foca (greco: Φωκάς, Focàs); Tracia, 547 – Costantinopoli, 5 ottobre 610). Era un centurione bizantino. Prese il potere, mettendosi a capo degli eserciti bizantini dei Balcani spodestando l’imperatore Maurizio (lo uccise e lo smembrò) e si proclamò imperatore; per questo motivo è considerato imperatore non dinastico. Il regno di Foca si dimostrò come il più feroce regno del terrore che tutta la storia bizantina abbia mai conosciuto. Il 5 ottobre 610 fu decapitato da Eraclio I nuovo imperatore (575-641).
Provenienza: Non presente


N°postNome utenteIndirizzo discussione   
198oedemaVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
Follis - Zecca SMKB CyzicusFLAVIUS IULIUS CONSTANS (320/323 - 350 dC) Imperatore, meglio conosciuto come Costante I -BronzoNon presentegr. 1,3mm. 15 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 198 oedema 1198 oedema 2 
Descrizione del dritto
Busto diademato a d. – CONSTANS- S PF AVG .
Descrizione del rovescio
Due soldati affrontati con una lancia ciascuno; fra di loro, uno stendardo – GLOR-IA EXERC- ITUS - SMKB
Descrizione del taglio
Liscio
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presenteFlavius Iulius Constans, terzo ed ultimo figlio di Costantino il Grande e di Fausta. Dopo la morte del loro padre, il 22 Maggio 337 Costante incontrò due suoi fratelli (Costantino II e Costanzo II) nel Settembre del 337 in Pannonia, dove furono acclamati Augusti dalle truppe, per dividersi l'impero. Costante ebbe il controllo di Italia, Africa, Illiria, Macedonia, ed Achea.
Quando Magnenzio, uno dei suoi generali usurpò il titolo imperiale venendo acclamato in Gallia nel 350, Costante fu catturato ed ucciso da una banda di assassini supportata dallo stesso Magnenzio (si dice che fu costretto a suicidarsi).
Provenienza: Non presente


N°postNome utenteIndirizzo discussione   
205matteo95Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
non presenteCaracallaBronzo198-217 d.c.10.8 gr26 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 205 AlfaOmega 1205 AlfaOmega 2 
Descrizione del dritto
M C M AV (a dx) ANTONINV (a sx)
Descrizione del rovescio
MUNICI-STOBEN
vittoria-ceres-fortuna in piedi, testa a dx con lunga torcia e cornucopia
Descrizione del taglio
Liscio.
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
dritto Josif v58, rovescio kc 536 su moneta Julia DomnaNon presente
Provenienza:Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
216mazzarello silvioVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
--------------IMP MARCO AURELIOBronzo-------------20,81 gr31,51 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 216 mazzarello silvio 1216 mazzarello silvio 2 
Descrizione del dritto
Testa di M. Aurelio a destra
Descrizione del rovescio
Busto di Zeus Ammone a destra
Descrizione del taglio
Liscio.
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
BMC 183Non presente
Provenienza:Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
255mazzarello silvioVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
ASSEIMP ADRIANORame--------12,72 gr27,44 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 255 mazzarello silvio 1255 mazzarello silvio 2 
Descrizione del dritto
Busto di Traiano laureato paludato e corazzato a destra.
Descrizione del rovescio
La Vittoria andante a destra, con ramo di palma tenuto con la mano sinistra e appoggiato sulla stessa spalla e corona di alloro nella mano destra tesa.
Descrizione del taglio
liscio
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
RIC 675 v BustoParticolare la L di POPVLVSQUE è stata incisa per errore come una T rovesciata.
Provenienza:Non presente.



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
293romanusVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
follisCLAUDIVS FLAVIVS IVLIVS CONSTANTIVS GALLVS 351/354 d. CRame--------2,60 g.18 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 293 romanus 1293 romanus 2 
Descrizione del dritto
busto drappeggiato a dex- a testa nuda legenda D.N. CONSTANTIVS IVN. NOB. C.
Descrizione del rovescio
Soldato elmato a sin- che colpisce con la sua lancia un nemico caduto da cavallo che tende la mano supplicante , a terra uno scudo.
Descrizione del taglio
liscio ma irregolare.
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Cohen 14Costanzo Gallo nasce nel 324 o 25 a Massa Marittima ( Veternensis). Nel 337 alla morte di Costantino scampa alle purghe promosse dai figli dell'imperatore assieme al cugino Giuliano (l'apostata) e nel 351 viene nominato Cesare per l'Oriente da Costanzo II, impegnato a risolvere questioni in altri territori dell'Impero. Nel 354 però viene fatto assassinare a Pola dal medesimo Costanzo II che riteneva che dopo un inizio di buon governo fosse diventato un tiranno sanguinario, cosi come ribadisce lo storico contemporaneo Ammiano Marcellino, Questa moneta è molto comune,comunque la ritengo apprezzabile per la chiarezza di lettura dal rovescio. La legenda del medesimo FEL(ICIORVM) TEMP(ORVM) REPARATIO Il ritorno dei tempi felici, è un chiaro messaggio propagandistico teso ad evindenziare che gli imperatori costantiniani riuscivano a mantenere anche grazie all'esercito lo splendore dei secoli precedenti.
Provenienza: Germania



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
325gionnysicilyVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
DupondioCrispina, moglie di Commodo. Circa 180-183.BronzoNon presente11,77 g.26,5 mm, 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 325 gionnysicily 1325 gionnysicily 2 
Descrizione del dritto
CRISPINA AVGVSTA Busto drappeggiato a destra
Descrizione del rovescio
LAETITIA Laetitia in piedi rivolta verso sinistra, con ghirlanda e timone su globo
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
RIC COmmodo 683; C 28. BMC Commodo 435.Non presenti
Provenienza: Naville Numismatics 15/12/13



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
490Matteo91Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
FollisCostanzo IIBronzo1879Non presente18mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 490 Matteo91 1490 Matteo91 2 
Descrizione del dritto
FL IVL CONSTANTIVS NOB C; busto laureato, drappeggiato e corrazzato rivolto a destra.
Descrizione del rovescio
FL IVL CONSTANTIVS NOB C; busto laureato, drappeggiato e corrazzato rivolto a destra.
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
RIC VII 127 AquileiaLa moneta è entrata a far parte della mia raccolta di simboli cristiani sulle monete romane imperiali. I simboli più noti e ricorrenti sono il Chi-rho e il monogramma IX. Talvolta appaiono anche delle croci; ma non tutte hanno un inequivocabile riferimento al cristianesimo. Per quel che riguarda la croce in questa moneta, riporto quanto spiegato dall'utente Flavio in questa discussione (http://www.lamoneta.it/topic/106375-simbolo-cristiano-su-gloria-exercitus-di-aquileia/)
"La croce particolare (di forma inconsueta, nota come croce di Aquileia od anche croce particolare di Aquleia) tra i labari, che trova posto esclusivamente in conii della zecca adriatica, venne successivamente rimpiazzata da una F, poi sparì anche questa lettera.
La croce, per il RIC posta per differenziare le emissioni, fu interpretata diversamente.
Monsignor Cavedoni (sacerdote modenese) la avvicinò alla croce egizia, ossia alessandrina (croce ansata egiziana), attribuendo la presenza di tale segno al fatto che Aquileia (emporio marittimo di primo piano) aveva continue comunicazioni con l'Egitto (ed Aquileia aveva sempre svolto un ruolo di mediazione e diffusione di culti provenienti dall'Egitto), e che in città risiedavano numerose famiglie egizie.
I cristiani di Alessandria, secondo Cavedoni, adottarono la geroglifica croce ansata (ankh), assimilandolo alla croce della Redenzione.
L'ipotesi del Cavedoni fu accolta da diversi numismatici, fra i quali il Maurice ed il Bruun.
Il gesuita Raffaele Garrucci, viceversa, vide nel simbolo una semplice Croce Latina (e nel capo ridondato della Croce il capo di Cristo).
Su quest'ipotesi concordò F.W. Madden, osservando l'assenza di croci alesandrine su monumenti aquileiesi e le diverse forme con cui questa croce si presenterebbe sugli stessi conii aquileiesi.
Ancora : M. Sulzberger non esclude che il bottoncino che sormonta la croce derivi dalla forma della croce ansata, ma annota che le monete di Aquileia, già dieci anni prima, avevano portato impresso il monogramma (chi-ro) sormontato dal globetto e che questo rigonfiamento potrebbe essersi trasmesso alla croce semplice".
Provenienza: Numismatik Lanz



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
498apolloniaVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
AEAlessandro III, il Grande, re di Macedonia (336-323 a. C.)--------2013---------------- 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 498 apollonia 1498 apollonia 2 
Descrizione del dritto
Testa di Eracle con copricapo in pelle di leone, a dx
Descrizione del rovescio
AΛEΞANΔΡ.Υ, clava sopra arco e faretra, sotto E
Descrizione del taglio
Liscio irregolare
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Price 304Moneta coniata da una zecca incerta della Macedonia regnante Alessandro Magno (336/323 a. C.). Notare sul rovescio il punto al posto della omicron nel nome del sovrano per ragioni di spazio.
Provenienza: Künker 23 (30 ottobre 2013), lotto n. 7



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
499g.aulisioVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
OnciaEtruria, Vetulonia (Vatluna), c. 300-250 a.C.AENon presenteg. 5,04mm 19 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 499 g.aulisio 1499 g.aulisio 2 
Descrizione del dritto
Testa virile a d. coperta con spoglia di ketos, sotto VATL
Descrizione del rovescio
Tridente accostato da due delfini.
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
HN Italy n.204Non presenti.
Provenienza: A.I., USA



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
511grigioviolaVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
AntoninianoImpero Gallico, Vittorino (268-270 d.C.)AENon presente2,95 gr18 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 511 grigioviola 1511 grigioviola 2 
Descrizione del dritto
Busto radiato, drappeggiato e corazzato a destra; legenda [...] ICTO [...].
Descrizione del rovescio
La Salus stante a sinistra con in mano patera e scettro, ai piedi a sinistra altare e serpente; legenda [...] S [...].
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presenteper chi volesse approfondirne la storia:Hollingbourne Hoard
Provenienza: ex ArtAncient Ltd, ex collezione inglese, ex Hollingbourne Hoard
Documentazione: documentazione fiscale di acquisto, cartellino precedente collezione, licenza di esportazione in quanto trattasi di Treasure Trove.



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
531g.aulisioVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
AE 26 (l'emissione é normalmente in bronzo, ma esistono esemplari in piombo, come questo)Numidia, Micipsa, 148-118 a.C.PbNon presenteg. 16,58mm 28 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 531 g.aulisio 1531 g.aulisio 2 
Descrizione del dritto
Testa laureata di Micipsa (?) a s.
Descrizione del rovescio
Cavallo al galoppo a s., sotto M K in caratteri punici
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Müller III, 19, 36Non presenti.
Provenienza: Artemide, RSM



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
540vickydogVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
SesterzioImpero Romano: Commodo 190 d.C.OricalcoNon presentegr. 23,73 mm 32 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 540 vickydog 1540 vickydog 2 
Descrizione del dritto
Testa dell' Imperatore Commodo a destra con corona d'alloro M COMMOD ANT P FELIX AVG BRIT P P.
Descrizione del rovescio
Liberalitas stante di fronte, il capo volto a sinistra, tiene abacus e cornucopia LIBERAL AVG VII P M TR P XV IMP VIII COS VI SC..
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
RIC 563. C. 320Non presenti.
Provenienza: Non presente.



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
563eliodoroVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
biunxNon presenteAENon presente13.40 gr. 25 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 563 eliodoro 1563 eliodoro 2 
Descrizione del dritto
Testa laureata di Zeus a destra. Dietro, due stelle
Descrizione del rovescio
Artemide su biga al galoppo a destra. Sopra, due stelle. In esergo, KAΠU. Rara
Descrizione del taglio
Liscio
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
SNG ANS 206.riprendo parte di una pubblicazione che sto cercando di completare attinente a Capua ed alle altre zecche del territorio compreso nell'odierna provincia di Terra di Lavoro del IV° - II° sec. A.C.:
"Misteriosa e leggendaria è la fondazione della città di Capua.
La sua origine è molto dibattuta tra gli Storici di ogni tempo; in ogni caso, il mito- storia di Capua, quindi, è strettamente intrecciato con quella di Roma,
Secondo alcuni fu fondata dal Troiano Capys, cugino di Enea, ivi giunto dopo la distruzione di Troia; altri ritengono che fosse stata fondata da Capi Silvio, Re di Alba Longa,
Lo storico Luigi Pedroni sottolinea che le peregrinazioni di Enea e di Capys si intrecciassero, tant’è che i Troiani avevano numerosi legami mitici con la Campania, dove si narrava avessero fondato diverse città; in particolare Dionigi di Alicarnasso indicava in Rhomos, figlio di Enea, il fondatore della città di Capua
Lo scrittore romano Livio afferma che il fondatore fosse Capie, famoso Capitano dei Sanniti. Il Pedroni ricorda che, nell’antichità, si diffuse la leggenda secondo il fondatore di Capua fosse Telephus, nato in Arcadia da Ercole e dalla sacerdotessa Auge, esposto sul monte Parthenos dove fu allattato da una cerva ed educato dal Re Corito. In ogni caso, ciò che si deve evidenziare è che Capua, nell’antichità, veniva considerata una città di pari importanza di Roma. Ciò è dimostrato anche dalle simili leggende riguardanti la fondazione delle città.
Mentre Romolo fondatore di Roma, infatti, si salvò grazie alla lupa che lo nutrì, Telephus, fondatore di Capua, fu salvato perché allattato da una cerva.Tali leggende sottolineano, in tal modo, la dicotomia e la rivalità tra Roma e Capua mediante il riferimento a due animali in perenne guerra quale il lupo ed il cervo. Alleata di Roma sin alle guerre contro i Sanniti, a seguito della sconfitta subita dai Romani a Canne, si alleò con Annibale aprendo le proprie porte ai Cartaginesi, come ricordato dall'episodio degli ozi di Annibale, ma questa è un'altra storia e, soprattutto, altre monete.
Roma, vinto Annibale, non perdonò Capua che, a differenza delle città sue alleate quali Cales, Teanum e Suessa, fu messa a ferro e fuoco, ridotta a semplice Prefettura e ne proibì la coniazione di monete. La biunx postata, pertanto, è rara in quanto la coniazione di monete a Capua si ebbe solo negli anni 216 - 211 a.c.. Tale riporta il nome di Capua in osco in esergo, al diritto Giove, mentre al rovescio Artemide/Diana in biga. Diana è la dea che affascinò anche i Borboni che la celebrarono con la costruzione, nella Reggia di Caserta, della Fontana di Diana ed Atteone che ne riproponeva il mito greco del cacciatore tramutato in cervo per aver osato guadare la Dea nuda mentre faceva il bagno.
Provenienza:Artemide 25E



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
593maurizio7751Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
2/3 Follis (16 denari comuni, sistema duodecimale)Costantino IBronzoNon presentegr.3,66Non presente 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 593 maurizio7751 1593 maurizio7751 2 
Descrizione del dritto
FL VAL CONSTANTINUS AVG
Descrizione del rovescio
VIRT EXERCIT GALL con numerale XVI
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Ric VI 360, Cohen 660Zecca Roma.
Coniato da Costantino I quando prese il controllo della zecca di Roma dopo aver sconfitto Massenzio e circolò per un tempo molto limitato solo a Roma e dintorni
Provenienza: Moruzzi fatt. 912-13



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
661cliffVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
SesterzioGalbaOricalcoNon presenteGr 23,55Mm 37 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 661 cliff 1661 cliff 2 
Descrizione del dritto
Busto laureato e drappeggiato di Galba a destra. Legenda: IMP SER GALBA AUG TR P
Descrizione del rovescio
La Vittoria andante a destra con corona d'alloro e ramo di palma.
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
RIC 251-3 Var. E' un sesterzio di ampio modulo e con rilievi elevati che riesce a trasmettere tutta la potenza e l'autorita' dell'impero romano nel primo secolo d.C. . Il ritratto di Galba ha uno stile per me molto bello e grazie alla forza e precisione della battuta il metallo riesce a trasmettere tutta l'autorevolezza e la nobilta' d'animo dello sfortunato condottiero romano.
Provenienza: Asta Stack's, NY 11 January 2013, lotto 6082, ex Robert O.Ebert Collection


Torna su




Monete che concorrono nella categoria medioevali in materiale oro


N°postNome utenteIndirizzo discussione   
25rorey36Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
Ducato Papale (Roma) s.d.Papa Callisto IIIAus.d. gr. 3,53mm 22 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 25 rorey36 125 rorey36 2 
Descrizione del dritto
CALISTVS PP : TERTIVS Entro quadrilobo stemma sormontato da triregno e chiavi decussate.
Descrizione del rovescio
MODICE FIDEI QVARE DVBITATIS San Pietro nella navicella regge una lunga croce.
Descrizione del taglio
Liscio
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
CNI 1. Muntoni 2. Berman 347. Friedberg 7."Modice fidei quare dubitasti?”
(Perché hai dubitato, uomo di poca fede?)
Modicae fidei quare dubitasti quia ego tecum sum, dicit dominus Mt. 14,31).
Callisto III, nato Alfons de Borja y Cabanilles, Xativa (Valencia) 31/12/1378-Roma 6/8/1458 - 209°Papa (8 aprile 1455 fino alla morte)
Studiò e professò diritto all'università di Lerida; esperto giurista rimase molti anni a fianco di Alfonso d'Aragona in qualità di segretario e di consigliere. In quel periodo persuase l'antipapa Clemente VIII a rinunciare alla tiara (1429) e riconciliò re Alfonso con Eugenio IV. La Santa Sede per ringraziarlo lo fece vescovo di Valencia nel 1429, poi cardinale il 2 maggio 1444, chiamandolo a vivere alla corte papale. Eletto Papa l'8 aprile 1455, poichè odiava gli infedeli sognò fino alla morte, di cacciare i Turchi e di riconquistare Costantinopoli. Alle sue ripetute esortazioni, gli stati cristiani risposero con molta freddezza. Delle due sole notevoli vittorie, l'una, la liberazione di Belgrado dall'assedio di Mohammed (14-21 luglio 1456), fu dovuta al valore di Giovanni Hunyady,reggente il trono d’Ungheria; l'altra, la liberazione dell'Albania (battaglia della Tomornizza, 2 settembre 1457), a Giorgio Castriota Scanderbeg, oggi eroe nazionale albanese.
Dotto, affabile, di rette intenzioni, personalmente onesto, offuscò la sua fama coi favori elargiti a congiunti e connazionali indegni. Nominò cardinali due suoi nipoti, uno dei quali, Rodrigo Borgia, diverrà in seguito Papa Alessandro VI, Morì il 6 agosto 1458.
Provenienza: Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
171oedemaVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
SolidoSICARDO (832-838), principe longobardo, principe di Benevento dall'832.Oro (a basso tenore)Non presentegr. 3,1
mm. 21 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 171 oedema 1171 oedema 2 
Descrizione del dritto
SIC ARDV- Busto di Sicardo coronato, di fronte, con globo crucigero nella d., nel campo a d.; cerchio di perline.
Descrizione del rovescio
VICTOR+PRINCI, sotto CONO B, nel campo a s. S e a d. I ai lati della croce potenziata su tre gradini; cerchio di perline.
Descrizione del taglio
Liscio
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
M. Cagiati, La zecca di Benevento, in RIN 1916, pp. 335-366; CNI XVIII, p. 173, n. 2 (ma elettro); Arslan 1990, p. 175, IV.44° (var.); Grierson-Blackburn, p. 576, n. 1109; Oddy, p. 107, n. 476, pl. 10Sicardo fu il figlio e successore di Sicone, principe della stirpe di Spoleto. Fu l'ultimo sovrano del principato beneventano nel suo assetto unitario, che copriva buona parte del Mezzogiorno (cosiddetta Langobardia Minor). Alla sua morte, il principato cadde in una guerra civile che ne determinò la definitiva separazione dal dominio di Salerno.
Provenienza: Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
311Numi62Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
Tari'Ruggero II (1105/1154 )OroNon presenteNon presenteNon presente 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 311 Numi 62 1311 Numi 62 2 
Descrizione del dritto
Tre righe di legenda cufica con in alto una stella: Esaltato da Dio - Re Ruggero - Ridottato in cerchio lineare. Legenda cufica marginale
Descrizione del rovescio
Croce a bracci uguali con IC XC Ni KA Negli spazi ad ogni estremità della croce due puntini in cerchio lineare Legenda cufica marginale
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Spahr 60Non presenti
Provenienza: Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
438numa numaVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
TarìDominazione Sveva della Sicilia - Manfredi re di Sicilia 1258-1266AUNon presente0.79 gr.nd 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 438 numa numa 1438 numa numa 2 
Descrizione del dritto
Leggenda pseudo cufica (non visibile) intorno a cerchio lineare; all’interno, aquila di fronte, ad ali spiegate e volta a d.; ai lati della testa, T – O.
Descrizione del rovescio
Leggenda pseudo-cufica (non visibile) intorno a cerchio lineare; all’interno, IC – XC / NI – KA / o / o ai lati di lunga croce
Descrizione del taglio
Liscio
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Spahr 180; MEC XIV, 600; MIR 133Manfredi, figlio naturale di Federico II di Svevia (Hoenstaufen), ebbe una vita ricchissima di avvenimenti in un periodo tra i piu' turbolenti della storia medieovale siciliana
fu tra l'altro fondatore della città di Manfredonia, da lui costruita tra il 1256 e il 1263. Ebbe due mogli, Beatrice di Savoia e successivamente Helena Angelina Doukaina, figlia di Manuel Komnenus Doukas, sovrano del Despotato dell'Epiro. Di carattere nobile e magnanimo fu lodato e ricordato per la sua bellezza e vigore sia fisico che intellettuale.
Questo minuscolo Tari' ha il pregio di mostrarci un'immagine dell'aquila di rara forza espressiva per i pochi millimetri a disposizione nel minuscolo tondello, un simbolo nobile e regale che caratterizza perfettamente il periodo medioevale cui l'emissione si riferisce
Provenienza: NAC, auction 76, 10 dicembre 2013 lot 109



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
467dizzetaVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
Genovino I° tipo o, come lo chiamavano allora, Fiorino genovino.Repubblica di GenovaAu 1000/1000Non presente3,51 gr.20 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 467 dizzeta 1467 dizzeta 2 
Descrizione del dritto
+ ° I °A ° N ° V ° A gran trifoglio ritto - con 5 punti all'interno del castello/imago civitas
Descrizione del rovescio
+ ° CVNRADVS ° REX °
Descrizione del taglio
liscio
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Lunardi 9, Varesi 5, Friedberg 351, CNI -vol III-pag 24: n. 62 e 63Gandolfi, De Simoni, Astengo, Pesce e Ricci ritenevano che la data di coniazione fosse precedente di circa 30 anni rispetto al 1252 (data nella quale fissavano la coniazione del genovino di II° tipo: Civitas Ianva). Roberto S. Lopez e i più recenti articoli di Monica Baldassarri ritengono invece che questo I° tipo sia stato coniato nell'anno 1252 e il II° tipo tra il 1280/85 e il 1290
Provenienza: Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
509piergi00Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
HyperpyronGiovanni V Palaeologo, con Anna di Savoia (Reggente).1341-1391.OroNon presente2,8 gr.18,5 mm. 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 509 piergi00 1509 piergi00 2 
Descrizione del dritto
Andronico III a destra inginocchiato davanti a Cristo stante sulla sinistra, che tiene la mano benedicente sopra l'Imperatore.
Descrizione del rovescio
Giovanni V e Anna stanti in piedi, tenetdo ciascuno lo scettro.
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
DOC 942; LPC p. 116, 1; SB 2466.Zecche : Costantinopoli
Millesimo : 1341-1347.
Provenienza: Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
622magdiVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
Ducato Filippo Maria Visconti, Signore di Genova.OroNon presente3.53 g.23mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 622 magdi 1622 magdi 2 
Descrizione del dritto
D. MEDIOLANI // S. PETRVS Il Doge in ginocchio di fronte al Santo che porge l'Asta, su asta, verticalmente DVX.
Descrizione del rovescio
SIT. TXPEDATQ. REGIS TE. DVCA. Il Cristo stante in ellisse perlinato con nove stelle.
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Gamb. 398 - Lunardi 518
Contraffazione del ducato di Venezia, coniata a Scio (Chios).
Provenienza: Eugenio Fornoni



Torna su



Monete che concorrono nella categoria medioevali in materiale argento


N°postNome utenteIndirizzo discussione   
29aemilianus253Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
grosso da quattro denari imperialiBergamo, monetazione a nome di Federico II°, prima metà del XIII° secoloAgNon presentegr. 1,25 circamm 20 circa 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 29 aemilianus253 129 aemilianus253 2 
Descrizione del dritto
busto laureato a destra dell'imperatore e scritta IMPRT FREDERI CVS a caratteri romanici. Contorno perlinato.
Descrizione del rovescio
edificio con tetto a quattro spioventi fra due torri merlate (veduta ideale della città) e scritta PGA MVM a caratteri romanici. Contorno perlinato.
Descrizione del taglio
Liscio.
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
CNI 123v., MIR 17, Biaggi 352Non presente
Provenienza:Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
45ermejoromanistaVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
Un Carlino, Gigliato o RobertinoRoberto d'Angiò (1309-1343), Regno di NapoliArgento1309-13433,9 gr22 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 45 ermejoromanista 145 ermejoromanista 2 
Descrizione del dritto
Il Re coronato seduto frontalmente, tra due protome di leoni con scettro gigliato e globo crucifero. Legenda: + ROBERTVS • DEI • GRA • IERL • ET • SICIL • REX
Descrizione del rovescio
Croce gigliata cantonata da quattro gigli. Legenda: + hONOR • REGIS • IUDICIU • DILIGIT
Descrizione del taglio
Liscio.
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Pannuti-Riccio 1; MIR 28Moneta che per via della buona qualità dell'argento con cui era coniata fu imitata da diverse zecche in Europa ed in Oriente. Fu continuata a coniare anche dopo la morte di Roberto d'Angiò (1343) sempre a suo nome dalla zecca di Napoli, ma questi esemplari sono di stile più rozzo, di modulo più largo e di peso calante. Il mio esemplare rientra tra i coevi al suo regno i quali sono meno comuni di quelli postumi.
Provenienza:Da collezione privata, acquistata nel mese di Marzo 2013


N°postNome utenteIndirizzo discussione   
110417soniaVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
Grossone (8 soldi)Repubblica di Venezia - Doge Francesco Foscari (1423-1457)ArgentoNon presentegr. 3,03mm. 26 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 110 417sonia 1110 417sonia 2 
Descrizione del dritto
FRANCISCVS • FOSCARI DVX; il doge in piedi, rivolto a sinistra, tiene con le mani l'asta del vessillo, rivolto a destra; il tutto in un cerchio di perline.
Descrizione del rovescio
+ •SANCTVS • MARCVS • VENETI • ; busto di San Marco frontale con aureola; tine nella sinistra il Vangelo e con la destra benedice; il tutto in un cerchio di perline.
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Montenegro 161; Gamberini 155; Papadopoli 3.Non presenti
Provenienza:Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
117cisoky68Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
denaro scodellatoENRICO II di Sassonia
(1004-1024); Mediolanum
argentoNon presente0,8 Gr17 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 117 ciosky68 1117 ciosky68 2 
Descrizione del dritto
IMPERATOR
Descrizione del rovescio
AVG + MEDIOLANVM
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
CNI 1/12Non presenti
Provenienza:Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
118dabbeneVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
TestoneGaleazzo Maria Sforza ( 1466 - 1476 ) - Zecca MilanoArgentoNon presente9, 61 gr.28, 3 mm. 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 118 dabbene 1118 dabbene 2 
Descrizione del dritto
testina GALEAZ M SF VICECO DVX MLI QIT busto del Duca corazzato, borchia dietro la testa
Descrizione del rovescio
PP ANGLE Q3 CO AC IANVE D scudetto con la biscia coronata, sormontato da elmo coronato e cimiero ornato da drago crestato, ai lati tizzoni ardenti con le secchie e le iniziali G3 - M
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Crippa 6/B, MIR 201/3, CNI 72 - 73Il testone è una delle monete più rappresentative e ritengo simboliche della monetazione milanese.
Si distingue per l'innovazione della tipologia monetaria e per l'iconografia di grande impatto e realismo, di fatto tra le antesignane dei ritratti rinascimentali.
Moneta che avevo nella versione più comune, ma che in questo caso si distingue per rarità e per la particolarità che la biscia sia coronata.
Segue diritto, rovescio e particolare della biscia coronata.
Provenienza:Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
120dux-sabVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
testoneducato di MilanoargentoNon presente9,5 g.29 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 120 dux-sab 1120 dux-sab 2 
Descrizione del dritto
busto di Giovanni Galeazzo Maria Sforza
Descrizione del rovescio
stemma di Milano , sopra affrontati due elmi con cimiero
Descrizione del taglio
liscio
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presenteNon presenti
Provenienza:Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
122profaustoVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
DENAROLUCCA - Enrico di FranconiaMisturaNon presentegr 0,75mm 15 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 122 profausto 1122 profausto 2 
Descrizione del dritto
Non presente
Descrizione del rovescio
Non presente
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
5° gruppo Bellesia; tipo H5b Matzke (Lucensis Brunus)SECOLO XII-XIII
Provenienza:Non presente


N°postNome utenteIndirizzo discussione   
159BRIKVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
DenaroLotario IArgentoNon presenteGr. 1,18mm. circa 20,31 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 159 BRIK 1159 BRIK 2 
Descrizione del dritto
HOTIARIUS IIIP AV
Descrizione del rovescio
TARVISIO
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presenteNon presenti
Provenienza: ex Dr. Edoardo Curti dall'asta Kunker 227.



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
166TrolerVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
1 GrossoUlrico di WalseeAgNon presente1,2-1,5 g20-21 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 166 Troler1166 Troler2 
Descrizione del dritto
+ ° PADVA °/¤ REGIA [trifoglio] In circolo di perline aquila rivolta a destra.
Descrizione del rovescio
CI - VI - TA - S ° [armetta] ¤ Croce che divide la leggenda in quattro parti.
Descrizione del taglio
Liscio
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Rizzoli/Perini 2.c Non presente
Provenienza: Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
174picchioVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
Grosso TorneseEnrico VII di Lussemburgo – Imperatore e Re d’Italia (1300 – 1310) Monetazione con il titolo di Imperatore (1312-1313)Argento titolo 964 da Gnecchi.Non presente4,051 gr.
27,37 mm. 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 174 picchio 1174 picchio 2 
Descrizione del dritto
° •S•PROTASI• ° - ° : S GERVASI• in verticale hNRICIPAT San Gervasio e San Protasio stanti al centro e divisi dalla legenda verticale.
Descrizione del rovescio
Descrizione del rovescio: •S•AHBROSI’• - HEDIOLANVH• Sant’Ambrogio benedicente, in trono, con il pastorale nella sinistra. Le lettere M al rovescio utilizzano i punzoni di una H.
Descrizione del taglio
Liscio
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Toffanin MIR Milano 100, 76; CNI V 61, cfr. 5; Gnecchi 28, 1 (Tav. IV, n. 10); Biaggi 261, 1431; coll. Verri/BCI 59, 91 (grosso da due soldi imperiali), coll. (V.D.) asta Nummorum Auctiones IV Lugano 16 giugno 1979 n. 125 e 126; coll. (Strada) asta Kunst und Muenzen XXVI Lugano 13 maggio 1988 n. 1136.Emissione sul tenore del “grosso tornese” di Francia per Filippo IV ( Fontainbleu 1268 - 29 novembre 1314) detto il Bello; al peso di 4,22 per pari lega d’argento e valutato 18 denari nel 1310 e successivamente 28 denari con editto del 18 aprile 1315 (da Toffanin MIR Milano 2013, Bellesia / PN marzo 2008). In precedenza classificato come Grosso da due soldi.
Provenienza: Nomisma 48, RSM ottobre 2013, n. 573.



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
177paolino67Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
GrossoGianfrancesco Gonzaga, I marchese di Mantova (1407-1444)ArgentoNon presentegr. 2,45
24,5/25 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 177 Paolino67 1177 Paolino67 2 
Descrizione del dritto
IOh'S FRACISC' •MARChIO •MANtVE 3 C'; Stemma inquartato alle quattro aquile, caricato da scudetto Gonzaga, inquartato ai leoni boemi e alle fasce.
Descrizione del rovescio
•MANtVA •FVLSIStI •PCIOSO :SAGVINE •XI (Mantova, rifulgesti per il prezioso sangue di Cristo); Veduta della città di Mantova, con edifici, torri merlate e ponti, col lago in primo piano e il reliquiario del Preziosissimo Sangue al centro.
Descrizione del taglio
liscio
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Bignotti 1, CNI 11/18Gianfrancesco Gonzaga, dal 1407 quinto signore e Capitano del Popolo di Mantova, nel 1433 acquisì per sè e tutta la propria discendenza il titolo di primo marchese di Mantova, privilegio concessogli (dietro l'esborso di 12.000 fiorini) dall'imperatore Sigismondo. Questa moneta è la prima emessione che presenta le titolature di marchese di Mantova.
Provenienza: Asta Stack's Bowers Ponterio, August 2013 session F, lotto 3496



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
215Numi 62Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
Mezzo dirhemAl Mu'izz 935-975Argento-------------------- gr----------- mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 215 Numi 62 1215 Numi 62 2 
Descrizione del dritto
Globetto al centro di un cerchio lineare stretto con doppia leggenda circolare intorno separate da altro cerchio lineare
Descrizione del rovescio
Globetto al centro di un cerchio lineare stretto con doppia legenda circolare intorno separate da altro cerchio lineare.
Descrizione del taglio
Liscio.
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
--------Non presente
Provenienza:Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
227legionarioVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
BologninoZecca di Ascoli (sec. XIII - XIV)Argento-----------1.12 gr18 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 227 legionario 1227 legionario 2 
Descrizione del dritto
+ (rosetta) DE (rosetta) ESCVLO (rosetta). Nel campo: lettera A tra quattro rosette.
Descrizione del rovescio
(rosetta) S (rosetta) EMIDIVS (rosetta). Busto frontale del Santo, mitrato e senza nimbo, con piviale chiuso da rosetta a quattro foglie.
Descrizione del taglio
Liscio.
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
CNI 12 - Mazza 8Non presente
Provenienza:ex collez. C. - ex Negrini 34 (16/12/2011) lotto 778


N°postNome utenteIndirizzo discussione   
283R.E.IN.SENAVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
Grosso Primitivo o Grosso da 12 SoldiRepubblica di siena (1180 - 1390 ca)Argento--------1,85 g.19 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 283 R.E.IN.SENA 1283 R.E.IN.SENA 2 
Descrizione del dritto
. SENA VETUS (E tonda ed S coricata), nel campo Grande :S: di forma Arcaica entro cerchio liscato
Descrizione del rovescio
+ Alfa et ω , nel campo croce patente entro cerchio liscato.
Descrizione del taglio
rigato
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
M.I.R Toscana Zecche Minori n°479.Grosso Primitivo o Grosso da 12 Denari, questo esemplare e' classificato come della III° serie su V° esistenti per questa moneta. Si differenzia dalle altre serie per la :S: ben centrata nel campo del D/, per i globetti che accostano la :S: nel campo piu' piccoli e ben disposti alle estremita' e perche' la lettera ''A'' ha un cappello leggermente arrotondato che ricorda una mezza luna.
'' ... Il Grosso Senese compare per la prima volta in un documento del 1237 ma la lettura di un pagamento del 1211, espresso in ''denari nuovi piccoli'', fa' presupporre l'esistenza di una moneta Senese piu' pesante, cioe' il grosso, gia' esistente in quel periodo (montagano 2006) ... ''(Cit. Mir)
Provenienza: Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
281ParpajolaVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
Pegione o Grosso da 1 1/2 SoldiBarnabò Visconti Signore di MilanoArgento Anno : 1378 - 13852,47 g.25 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 281 Parpajola 1281 Parpajola 2 
Descrizione del dritto
Elmo e cimiero con drago che tiene fanciullo tra le fauci + DOMIN BNABOS
Descrizione del rovescio
Biscia con fanciullo tra le fauci + DOMIN MEDIOLI
Descrizione del taglio
Liscio
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presenteNon presente
Provenienza: Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
407matteo95Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
soldinoGenova ,fine XIV sec . Primi XV argento Non presente1,9 g20 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 407 matteo95 1407 matteo95 23 
Descrizione del dritto
1Imago civitas , entro sei archetti legenda : ianua quam deus protegat
Descrizione del rovescio
croce entro sei archetti
Descrizione del taglio
liscio
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presenteNon presenti
Provenienza: ghiglione 52



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
436foglioncoVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
grosso aquilino da due soldizecca di luccaargentoNon presentegr.1,6820mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 436 foglionco 1436 foglionco 2 
Descrizione del dritto
.MONETA.D'LUCA.
Descrizione del rovescio
D.LUCA. S.VVLT.
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
bellesia 1 pag.100,mir 131,c.n.i. 13 pag.81,tavola V 17su questo grosso ci sono due scuole di pensiero, la prima riportata sul corpus propende per la coniazione sotto la signoria pisana (1342-1369), la seconda presa dal bellesia( grazie al documento citato dal banti) sicuramente quella piu' attendibile, invece propone la coniazione nel 1319 , sotto la signoria di castuccio castrcani,questi era in quel periodo uno degli esponenti piu' importanti del partito ghibellino in toscana, l'aquila sopra il monogramma ottoniano quindi non rappresenta pisa ( infatti i simboli di pisa sono la madonna e la croce di tolosa), ma l'aderenza al partito ghibellino filo imperiale in lotta contro il partito avverso dei guelfi,
Provenienza: Non presente.



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
452oedemaVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
22 TornesiFerdinando I d'Aragona (fu re di Napoli dal 1458 al 1494)Argento---------3,9 g26 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 452 oedema 1452 oedema 2 
Descrizione del dritto
FERRANDVS:D:G: R. SICILIE; busto di Ferdinando I coronato volto a destra, con rosetta sulla spalla destra, dietro la testa lettera T, entro cerchio di perline. Gian Carlo Tramontano, maestro di zecca.
Descrizione del rovescio
IVSTA° TVENDA; l’Arcangelo Michele, nimbato, in armi, di prospetto con scudo arotella e croce astile nella mano destra, stante di fronte trafigge il drago ai suoi piedi, intorno cerchio di perline.
Descrizione del taglio
Liscio.
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presenteAlfonso I prima di morire fece in modo che il suo figlio, Ferrante, diventasse suo successore ed i notabili giurarono fedeltà a quest’ultimo. Alla morte di Alfonso, il pontefice Callisto III si rifiutò però di riconoscere il nuovo sovrano, e questa fu la miccia che fece scoppiare una serie di rivolte; Ferrante riuscì comunque a farsi incoronare il 14 Febbraio 1459 a Barletta dal cardinale Orsini, un legato del nuovo pontefice Pio II; in ricordo di quell’avvenimento fu coniata una nuova moneta su tondelli d’argento di ottima lega, il Coronato. Il suo governo oppressivo portò nel 1485 a un tentativo di rivolta (la congiura dei baroni) da parte dei nobili. L'insurrezione fu stroncata e molti nobili, ingannati con la promessa di Ferdinando di un'amnistia generale, furono in seguito brutalmente assassinati per sua precisa volontà. Dopo questa data fu coniatala moneta con l'Arcangelo Gabriele che sconfigge il drago. [Note numismatiche] (P.R. 6° tipo) Il peso ufficiale era di grammi 4 contro i 3,6 del Carlino, valeva infatti 22 Tornesi contro i 20 del Carlino; la sigla del maestro di zecca è abbreviata in modi e forme diverse formando decine e decine di varianti riguardanti la punteggiatura, le abbreviazioni, le diverse sigle dei maestri di zecca e i vari simboli presenti fra le lettere, oltre alle varianti riportate nelle varie opere come ad esempio il monumentale Pannuti-Riccio. Il Pannuti-Riccio, elenca diverse tipologie o classi di queste monete con diversi numeri progressivi a secondo delle diverse sigle dei maestri di zecca e delle varie posizioni di queste ultime. Fonte: www.ilportaledelsud.org. “Francesco Di Rauso”.
Provenienza: Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
587scacchiVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
SILVER DIRHEM. SELJUQ OF RUM
KAYKHUSRAW III.
SIVAS, 668AH. 1232AD.
Non presenteNon presenteNon presenteNon presente 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 587 scacchi 1587 scacchi 2 
Descrizione del dritto
Non presente
Descrizione del rovescio
Non presente
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presente.Non presenti.
Provenienza: Non presente.



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
448fanghiVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
Matapan o Grosso da 26 denari piccoliSerenissima Repubblica Di Venezia Doge Pietro ZianiArgento--------- 2.17 g20 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 448 fanghi 1448 fanghi 2 
Descrizione del dritto
San marco che porge il vessillo al doge. Leg: +P ZIANI DVX S.M.VENET
Descrizione del rovescio
Redentore sul trono. Legenda: anaepigrafe Nel Campo: ICXC
Descrizione del taglio
Liscio.
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presenteImitava la monetazione Bizantina della quale riprende alcuni stili, il nome Matapan deriva dal Cristo in trono raffigurato al R/ Fù coniata per la prima volta dal doge Enrico Dandolo (1192-1205) prima della IV crociata . Matapan probabilmente deriva dal arabo Mautabān che significa “Cristo Seduto”.
Provenienza: Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
608vv64Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
Grossone o Grosso da 2 soldiRepubblica di Lucca – A nome di Ottone IV - Seconda metà del secolo XIIIArgentoNon presente2.38 g21 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 608 vv64 1608 vv64 2 
Descrizione del dritto
D/ OTTO • REX • in caratteri gotici, nel campo monogramma di Ottone IV formato da due T fogliate ed ornate, con una barra orizzontale perlinata che le unisce trasformandole in H. Sopra la barra un globetto.
Descrizione del rovescio
ᵴ. VVLT’. D. LVCA ✜, busto con paludamento del Volto Santo per un terzo a sinistra con corona aperta a tre fioroni.

Descrizione del taglio
liscio
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
CNI 9; Bellesia 11/A, MIR-123/2. Il CNI colloca questa moneta nella prima metà del XIV secolo (Monete al nome di Ottone IV ma battute sotto Federico II), ma l’orientamento più recente la attribuisce alla seconda metà del XIII secolo, al pari delle prime emissioni di grossi da 2 soldi delle altre zecche toscane.
Il Volto Santo di profilo a sinistra per un terzo, che sulle monete d’argento lucchesi fa la sua apparizione per la prima volta proprio sui grossi da 2 soldi (con una rappresentazione di grande impatto, a mio parere, che conferisce a queste monete un fascino particolare), sarà una costante nella produzione di questa zecca fino al XVII secolo.
Provenienza: Asta Stack’s Bowers Agosto 2013 (Chicago ANA World Fair of Money) - lotto 34960.



Torna su




Monete che concorrono nella categoria medioevali in altri materiali


N°postNome utenteIndirizzo discussione   
64savoiardoVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
OboloCasa Savoia, Amedeo VI (1343 - 1383)misturaNon presente0,34 Gr.13 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
  
Descrizione del dritto
Grande A gotica, intorno: croce M' . COMES .
Descrizione del rovescio
Scudetto sabaudo, intorno: croce SABAUDIE .
Descrizione del taglio
liscio
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
segnalata per la prima volta dal Cudazzo sul MIR al numero 97 e poi il Traina sugli Speciali di Cronaca Numismatica al numero 26moneta di ancora dubbia attribuzione, non si sa se attribuirla ad Amedeo VI o VII, di dimensioni veramente minute, di grande rarità e appunto conosciuta solo da pochi anni...
Provenienza:Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
66oedemaVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
FollaroAttribuzione molto incerta: Ruggero II – Re Normanno (1135-1154) Gaeta? oppure da Roberto il Guiscardo a Ruggero Borsa (1059-1111) Salerno, Principato. BronzoNon presentegr. 3,5mm. 23 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
  
Descrizione del dritto
Figura coronata, indossa abito militare, con manto e con la spada sguainata nella destra, a destra nel campo croce latina, a sinistra palma.
Descrizione del rovescio
RV CA–TA - Veste di Cristo o della Madre di Dio o veduta del porto di Gaeta con le fortificazioni retrostanti (meno probabile).
Descrizione del taglio
Irregolare
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
(A) C.N.I. (1939) – Vol. XVIII – Tavola XV – N°1 (1) pag.268 - (B) Giulio Sambon - Repertorio Generale delle monete coniate in Italia e da Italiani all’estero dal secolo V al XX, 1912, n. 884 pagg. 152 e 153. - © P. Grierson e L. Travaini - Medieval European Coinage: with a catalogue of the coins in the Fitzwilliam Museum Vol. 14 - Italy III: South Italy, Sicily, Sardinia. P. Grierson and L. Travaini, n° 130a pagg. 99, 100, 614, 615 (published 1998). - (D) A. D’Andrea e V. Contreras – Le monete delle zecche minori della Campania, Vol. II, Edizioni D’Andrea, 2011, pagg. 191, 192, 193, 194, 195 e 196..Questa rarissima moneta normanna (denominata “RV CA-TA” per la presenza di queste lettere) è stata fonte di numerosissimi dibattiti, in merito alla sua attribuzione. Il primo articolo fu pubblicato dal barone Nicolas Damas Marchant (1767-1833) nel 1818. Da allora sono state formulate numerose ipotesi, ma ancora oggi non è possibile una attribuzione certa in mancanza di fonti letterarie dell’epoca.
Provenienza:Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
70oedemaVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
Cavallo o multiplo? (2 cavalli)Ferdinando I d'Aragona (1458-1494)RameNon presentegr. 3,4mm. 17 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 70 oedema 170 oedema 2 
Descrizione del dritto
FERRANDVS REX – Busto del re con corona radiata a dx
Descrizione del rovescio
EQVITAS REGNI - Cavallo al passo verso dx sormontato da rosone; all’esergo, °* S *° (zecchiere Nicolò Spinelli).
Descrizione del taglio
Liscio
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
C.N.I. 1038 P/R n° 53b - D'Andrea/AndreaniLa particolarità di questa moneta consiste nel peso che è molto superiore a quello standard, ma sopratutto nel numero delle punte della corona; in questa sono solo quattro, mentre in tutti gli altri Cavalli, sia con peso “normale” che con peso superiore, sono cinque. Particolare è anche il colore e lucentezza della moneta che la fa somigliare ad un sigillo in cera lacca.
Provenienza:Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
155palpi62Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
Quartarolo o medagliaPiacenza (periodo di emissione 1238-1248)Mistura (125/1000)Non presente0,4 g.13/14 mm. 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 155 palpi62 1155 palpi62 2 
Descrizione del dritto
+ REGI SECVNDI. Nel campo RA | CON | DI: un cuneo dal cerchio esterno che si inserisce tra le due S
Descrizione del rovescio
+ . DE PLACEN. Nel campo I | C.A: un cuneo dal cerchio esterno che si inserisce tra la N e la +.
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
CNI 32Non presenti
Provenienza:Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
165matteo95Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
minutoGenova sotto Luigi XIIrameNon presente0,5Non presente 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 165 matteo95 1165 matteo95 2 
Descrizione del dritto
imago civitas e legenda : "+ L R F D I "
Descrizione del rovescio
croce che divide in quarti la legenda C I A rosetta C
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presentemoneta coniata durante il governo di Luigi XII re di Francia
Provenienza: InAsta



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
243ermejoromanistaVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
CavalloFederico III d'Aragona (1496/1501), Regno di NapoliRame------------1,36 gr19 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 243 ermejoromanista 1243 ermejoromanista 2 
Descrizione del dritto
FEDERICVS°°° REX, Testa del re radiata volta a dx
Descrizione del rovescio
*EQVITAS° REGNI°, Cavallo gradiente a dx sormontato da una stella, in esergo, tra due stelle, la lettera "L", simbolo del coniatore.
Descrizione del taglio
Liscio
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Pannuti-Riccio 17; MIR110/5Esemplare ribattuto su un cavallo di Carlo VIII, si può notare l'incongruenza di alcune lettere in legenda che corrispondono invece alle legende dei cavalli di quest'ultimo sovrano. Le lettere che si notano sul Dritto potrebbero essere una sottoimpressione di una moneta di Carlo VIII .
Sul Rovescio le lettere potrebbero essere quelle impresse di
Provenienza:Non presente.



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
312Numi62Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
Denaro Federico Imperatore (1220-1250)misturaNon presente0,66-0,80 g17-18 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 312 Numi 62 1312 Numi 62 2 
Descrizione del dritto
+ F.ROM.IMP'.SEP.AVG Aquila coronata rivolta a destra
Descrizione del rovescio
+ R.IERSL'ET SICIL croce patente in cerchio lineare
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Spahr 130Non presenti
Provenienza: Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
490Matteo91Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
FollisCostanzo IIBronzo1879Non presente18mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 490 Matteo91 1490 Matteo91 2 
Descrizione del dritto
FL IVL CONSTANTIVS NOB C; busto laureato, drappeggiato e corrazzato rivolto a destra.
Descrizione del rovescio
FL IVL CONSTANTIVS NOB C; busto laureato, drappeggiato e corrazzato rivolto a destra.
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
RIC VII 127 AquileiaLa moneta è entrata a far parte della mia raccolta di simboli cristiani sulle monete romane imperiali. I simboli più noti e ricorrenti sono il Chi-rho e il monogramma IX. Talvolta appaiono anche delle croci; ma non tutte hanno un inequivocabile riferimento al cristianesimo. Per quel che riguarda la croce in questa moneta, riporto quanto spiegato dall'utente Flavio in questa discussione (http://www.lamoneta.it/topic/106375-simbolo-cristiano-su-gloria-exercitus-di-aquileia/)
"La croce particolare (di forma inconsueta, nota come croce di Aquileia od anche croce particolare di Aquleia) tra i labari, che trova posto esclusivamente in conii della zecca adriatica, venne successivamente rimpiazzata da una F, poi sparì anche questa lettera.
La croce, per il RIC posta per differenziare le emissioni, fu interpretata diversamente.
Monsignor Cavedoni (sacerdote modenese) la avvicinò alla croce egizia, ossia alessandrina (croce ansata egiziana), attribuendo la presenza di tale segno al fatto che Aquileia (emporio marittimo di primo piano) aveva continue comunicazioni con l'Egitto (ed Aquileia aveva sempre svolto un ruolo di mediazione e diffusione di culti provenienti dall'Egitto), e che in città risiedavano numerose famiglie egizie.
I cristiani di Alessandria, secondo Cavedoni, adottarono la geroglifica croce ansata (ankh), assimilandolo alla croce della Redenzione.
L'ipotesi del Cavedoni fu accolta da diversi numismatici, fra i quali il Maurice ed il Bruun.
Il gesuita Raffaele Garrucci, viceversa, vide nel simbolo una semplice Croce Latina (e nel capo ridondato della Croce il capo di Cristo).
Su quest'ipotesi concordò F.W. Madden, osservando l'assenza di croci alesandrine su monumenti aquileiesi e le diverse forme con cui questa croce si presenterebbe sugli stessi conii aquileiesi.
Ancora : M. Sulzberger non esclude che il bottoncino che sormonta la croce derivi dalla forma della croce ansata, ma annota che le monete di Aquileia, già dieci anni prima, avevano portato impresso il monogramma (chi-ro) sormontato dal globetto e che questo rigonfiamento potrebbe essersi trasmesso alla croce semplice".
Provenienza: Numismatik Lanz



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
500g.aulisioVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
Aspron trachy nomismaImpero Latino (Costantinopoli 1204-1261)AENon presenteg. 4,10mm 34 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 500 g.aulisio 1500 g.aulisio 2 
Descrizione del dritto
Cristo in trono, nel campo IC - XC
Descrizione del rovescio
Imperatore in piedi con stemma, divitision e clamide, con spada nella mano destra e globo crucigero nella sinistra, ΔЄСΠΟΤΗС ΜΑΝΟѴΗΛ
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
M.F. Hendy DOC vol.4, The Latin States, Type B (variante con conio di rovescio di piccolo modulo)La caduta di Costantinopoli nelle mani dei crociati nel 1204 é da più parti considerata una delle più grandi catastrofi della storia dell’umanità (quanto meno da un punto di vista culturale). L’alleanza tra i cavalieri francesi ed i veneziani fu in grado, oltre che ad abbattere l’Impero Bizantino, di distruggere e dissipare in pochissimi anni quanto era stato accumulato in più di un millennio di storia, in una città ricchissima che ancora conservava gran parte della propria eredità romana. Cronache contemporanee descrivono la scena delle statue ellenistiche in bronzo che vengono prelevate dall’ippodromo e da altri luoghi della città al fine di essere fuse per fare moneta. Bene, questa é una di quelle. Scimmiotta i pezzi bizantini, recando l’improbabile legenda Despotes Manuel… Ne valeva proprio la pena. Al ritorno dei Bizantini, nel 1261, altre cronache riportano che nel palazzo imperiale l’imperatore « latino », dopo aver dissipato tutto il dissipabile, era ridotto a bruciare le porte per scaldarsi.
Provenienza: Lanz, Germania



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
517ParpajolaVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
DenaroGian Galeazzo Visconti Conte di Virtù e Signore di Milano ( 1385 - 1395 )MisturaNon presente 0,78 gr.15 mm. 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 517 Parpajola 1517 Parpajola 2 
Descrizione del dritto
+ D. MEDIOLANI. 3 C al centro iniziali G 3 con sopra ornamento
Descrizione del rovescio
+ In incuso la legenda del D al centro in incuso iniziali G 3 con sopra ornamento
Descrizione del taglio
Liscio
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presenteLa moneta ha la caratteristica di avere, al rovescio, il conio in incuso del D. Questo è successo perchè la moneta precendente è rimasta attaccata al conio.
Provenienza: Asta Ebay Numismatica Fiorentina



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
595andreagcsVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
1/2 AEAlessandro Magno (Alessandro III): 320 a.C.BronzoNon presente.5 g24,1 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 595 andreagcs 1595 andreagcs 2 
Descrizione del dritto
Valore Nominale in grande al centro, Legenda lungo la circonferenza "Deutsches Reich 1932 . Reichspfennig ." Incisore R. Kullrich.
Descrizione del rovescio
nel campo in alto faretra e arco. Un simbolo tipo una sorta di "ciliegine" subito sotto la faretra. Nel campo in basso la clava. Arco, clava e faretra erano le armi tipiche di Eracle (l'Ercole romano) spesso rappresentate sulle monete di Alessandro Magno. Ancora più in basso in esergo una bella spiga di grano in cui si intravedono persino in chicchi.
Descrizione del taglio
bordo perlinato al dritto. Liscio al rovescio. Irregolare nel complesso.
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Price 2071 (variante)Zecca di Mileto o Mylasa (entrambe città costiere dell'antica Caria.
Provenienza: negozio on-line della Casa d'Aste tedesca Munzen & Medaillen GmbH.



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
606417soniaVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
Denaro di nuovo tipo con leone rampanteFrancesco Foscari (1423-1457)MisturaNon presentegr. 0,21 8 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 606 417sonia 1606 417sonia 2 
Descrizione del dritto
+ ° FRA ° FO ° DVX °
Descrizione del rovescio
Leone nimbato senza ali, rampante a sinistra, nel campo S°°M
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presente Non presenti.
Provenienza: Non presente.



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
647dux-sabVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
ventesimo di grosso torneseCarlo II d'Angiò (1307-1309)mistura
Non presente 0,6016 mm. 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 647 dux-sab 1647 dux-sab 2 
Descrizione del dritto
ritratto di Carlo II d'Angiò, scritta: +carolus scil rex
Descrizione del rovescio
croce con 4 globetti. scritta: coes pedmonti'
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presentezecca: Cuneo
Provenienza: Non presente


Torna su





Monete che concorrono nella categoria moderne in materiale oro


N°postNome utenteIndirizzo discussione   
23rorey36Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
THREE-SWAMI PAGODA Madras s.d. (1740-1807)Compagnia delle Indie Orientali (East India Company) Madras PresidencyAUNon presentegr. 3,44mm 11/13 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 23 rorey36 123 rorey36 2 
Descrizione del dritto
Figura di fronte del Venerabile (swami) Venkateswara che ha ai lati le sue due Venerabili mogli Sridevi e Bhudevi.
Descrizione del rovescio
Granuloso
Descrizione del taglio
Liscio
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Pridmore 3b KM 304 SAC 421 MNI 1799A)La Compagnia delle Indie Orientali (East India Company) si costituì il 31 dicembre 1600 e le fu concesso dal governo britannico il monopolio del commercio con le Indie. Inviò inizialmente le sue navi a Giava dove il commercio si dimostrò molto redditizio. Successivamente fu all’India che guardò con maggior interesse.
Il primo ufficio commerciale indiano fu fondato a Masulipatam, sulla costa sud-orientale nel 1611.
Nel 1659 alla Compagnia fu concesso dal Raja di Chandragiri di stabilirsi a Madras (oggi Chennai) dove costruì il Forte di San Giorgio e Madras sostituì Masulipatam come sede della Compagnia sulla costa del Coromandel.
Insieme alla concessione ricevette anche il diritto di coniare moneta per pagare al Raja una percentuale dell’uno e mezzo % sull’importo delle transazioni commerciali.
Le prime monete Britanniche coniate in India furono le “Pagode” d’oro.
B) Venkateswara è venerato nel tempio Vedico di Tirumala, città collinare del distretto di Chittoor nello Stato dell’ Andhra Pradesh. La collina di Tirumala (853 m.) è una delle sette colline che si trovano nell’area e secondo la leggenda rappresentano le sette teste del mitico serpente Adisesha, che intrecciandosi forma il giaciglio di Vishnu. Venkateswara è ritenuto una delle incarnazioni di Vishnu. Il tempio è il luogo sacro più visitato al mondo. Ospita tra 50 e 100 mila pellegrini ogni giorno e oltre 500.000 in occasioni speciali.
Provenienza: Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
85picchioVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
Scudo d'oro del sole (tipologia senza il sole al diritto)Ducato di Milano Filippo II di Spagna (1556-1598)OroNon presente6,551 gr.27,17 mm. 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 85 picchio 185 picchio 2 
Descrizione del dritto
(s) PHILIPPVS • REX • ETC' • in cerchio lineare: testa barbuta e radiata a sinistra.
Descrizione del rovescio
(d) MEDIO - LANI • D• in cerchio lineare: stemma ovale inquartato, con le aquile e le bisce non coronate, sormontato da corona, da cui escono due rami di palma di olivo.
Descrizione del taglio
liscio
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Crippa cfr 8 diritto e Crippa cfr 7 rovescio. MIR Milano 305 D/ 304 R (descrizione incompleta)Zecca di Milano.
Variante inedita, al diritto dello scudo d’oro senza il sole è associato il rovescio del tipo con il sole, cioè con le aquile non coronate.
Nota personale: mia soddisfazione poter aggiungere un tassello alla storia numismatica della propria città. Ho scelto questa moneta, acquistata quest'anno, ne per la conservazione, ne per l'ipotetico valore commerciale piuttosto che per la rarità, ma unicamente per il contributo numismatico che può dare allo studio relativo agli accoppiamenti dei coni tra le due tipologie dello scudo d'oro con il sole.
Provenienza:Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
179paolino67Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
Scudo d'oroGuglielmo Gonzaga, III duca di Mantova, I duca di Monferrato (1550-1587)OroNon presentegr. 3,26
22,5/23 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 178 Paolino67 1178 Paolino67 2 
Descrizione del dritto
GVL •D •G •DVX •MANT •III •ET •MONT •FERAT •PR; Stemma inquartato alle quattro aquile, entro cartella ornata con cartocci e volute, caricato dallo scudetto del Monferrato ai nove quarti, e sormontato da un piccolo monte Olimpo e da una corona.
Descrizione del rovescio
+ QVI •NON •COLIGIT •MECVM •DISPERGIT (chi non si unisce a me sarà escluso); Croce filettata e ripiegata, ornata con foglie alle estremità, accantonata da G V G V.
Descrizione del taglio
liscio
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Bignotti 11 var., CNI 50, manca senza dataSecondo gli studi più recenti, tutti gli scudi d'oro con la croce ritorta, in precedenza assegnati a volte alla zecca di Mantova, a volte a quella di Casale, sono tutti opera della zecca monferrina. Le emissioni che presentano al dritto lo stemma gonzaghesco alle aquile caricato dallo stemma ai nove quarti del Monferrato e la titolatura di duca di Mantova e Monferrato, sono da considerarsi estremamente più rari rispetto alle emissioni che presentano al centro il vecchio stemma gonzaghesco ai leoni boemi e alle fasce e la titolatura di duca di Mantova e marchese del Monferrato. L'esemplare presente, non datato, si presenta poi del tutto inedito, perchè tutti gli scudi finora conosciuti presentavano la data 1578. Questo esemplare presenta tutte le caratteristiche di una prima emissione ibrida emessa subito dopo l'acquisizione del titolo di duca di Monferrato (avvenuta nel 1575), confezionata al R/ con i vecchi conii non datati dello scudo del primo periodo, e con un nuovo conio di D/ preparato per l'occasione con le nuove titolature.
Provenienza: Asta Nomisma 47 del 14/4/2013, lotto 802



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
303Civitas NeapolisVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
6 DucatFerdinando IV Re del Regno di NapoliOro 906,251783, Zecca di Napoli8,8 Gr.26,5 mm. 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 303 Civitas Neapolis 1303 Civitas Neapolis 2 
Descrizione del dritto
FERDINAN.IV.D.G.SICILIARVM.ET.IE.REX (Busto a destra) in basso B.P.
Descrizione del rovescio
HISPANIAR / INFANS 1783. Stemma coronato tra C // C / C e D / 6
Descrizione del taglio
Treccia in rilievo
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Gigante 28aNon presenti
Provenienza: Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
371DARECTASAPEREVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
SCUDOSTATO PONTIFICIO, Zecca di ROMAORONon presente3,375 g.Non presente 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 371 DARECTASAPERE 1371 DARECTASAPERE 2 
Descrizione del dritto
SEDE ∙VACA NTE∙ AN∙1555∙ , stemma del Camerlengo Ascanio Sforza di Santa Flora sormontato da padiglione e chiavi decussate.
Descrizione del rovescio
ALMA ∙ ROMA ∙ (testa del santo) S ∙ PETRVS ∙ S. Pietro stante di fronte con chiavi e libro in mano, il segno di zecca è per Gerolamo Ceuli.
Descrizione del taglio
Liscio
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Muntoni 1, CNI 1, A.G. Berman 1029Il 1555 é stato un anno durante il quale sono ricorse ben due Sedi Vacanti entrambe presiedute dal Cardinale Camerlengo Guido Ascanio Sforza; la 1° dal 23 Marzo al 9 Aprile e la 2° dal 1 Maggio al 23 Maggio. Tutti i testi di riferimento non distiguono e quindi attribuiscono le emissioni differenziate tra le due Vacanze Pontificie.

Le note che descrivono l’esemplare apparso in asta XXI della K&M 1980 al lotto N° 256 evidenziano oltre alla notevole valutazione Friedberg del ’70 di 16.000 dollari la grande rarità di questa moneta mancante anche nella collezione Ruchat e in tutte le prestigiose collezioni papali del passato; dalla bibliografia in mio possesso non mi risultano altri passaggi in asta
Provenienza: Asta CHRISTIE’S del 29 e 30 Novembre 2011, lotto N° 80.



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
408numismaticasiculaVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
Doppia onciaCarlo di Borboneoro titolo 906/100017548,83mm.27 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 408 numismaticasicula 1408 numismaticasicula 2 
Descrizione del dritto
Busto regnante, CAROLVS DNG SIC RT HIE REX
Descrizione del rovescio
Stemms su aquila coronata, P - N. (Placido Notarbartolo)HIS PAN INF ANS 1754
Descrizione del taglio
Cordonato
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presenteZecca : Palermo
Provenienza: Asta NAC del 10-12-13 lotto nr.183



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
483piergi00Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
Scudo d'oro del sole V TipoEmanuele Filiberto Duca (1559-1580)Oro1562 , Chambery3,36 gr.25 mm. 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 483 piergi00 1483 piergi00 2 
Descrizione del dritto
EM FILIB D G DVX SAB P PED - Scudo inquartato , sagomato in cartocci e con corona di 3 fioroni e due globetti
Descrizione del rovescio
Sole IN DOMINO CONFIDO (data e sigle) - Croce mauriziana ornata con rosetta al centro affiancata dalla scritta FERT
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Mir Casa Savoia n. 496b ; Biaggi n. 417g Non presenti
Provenienza: Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
602dizzetaVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
mezza doppia, periodo dei Dogi Biennali.Repubblica di GenovaAu 875/10001748gr. 3,32 gr20 mm (max) 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 602 dizzeta 1-2602 dizzeta 2 
Descrizione del dritto
ET * REGE * EOS * 1748 . O . M * * * La Santa Vergine Regina di Genova sulle nubi con il Bambino in grembo e lo scettro in mano.
Descrizione del rovescio
+ DVX * ET * GVB * REIP * GENV - Croce ornata e fogliata accantonata da quattro crocette
Descrizione del taglio
liscio
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presente L'episodio di Balilla del 5 dicembre 1746 con la rivolta e la cacciata degli austriaci da Genova hanno vasta eco nell'arte letteraria; un aristocratico, Steva De Franchi, scrive in versi la Lezzendia dro retomo dro morta, un gesuita genovese, Girolamo Maria Doria, scrive il poemetto epico Genova Liberata; anche la Repubblica, che con il trattato di Acquisgrana del 1748 potè tirare un sospiro di sollievo dopo i momenti tragici dell'occupazione austriaca, volle essere riconoscente con i cittadini che l'avevano sostenuta e li premiò iscrivendo nel libro d'oro: Giambattista Celesia, Giuseppe Calvi, Giuseppe Aspirati, Giambattista Carrogio, Giorgio Torelli, Giuseppe Lagomarsino e Agostino Maggiore, infine tributò solenni ringraziamenti al doge Gio. Francesco II Brignole Sale.
Provenienza: Principato di Monaco, Asta Gadoury



Torna su



Monete che concorrono nella categoria moderne in materiale argento


N°postNome utenteIndirizzo discussione   
10piergi00Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
Un FiorinoCarlo Emanuele I (1580-1630)Argento/Mistura1629 Zecca di Vercelli3,75 grammi25 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 10 piergi00 110 piergi00 2 
Descrizione del dritto
CAR EM D G DV X SAB P P -Busto completo del Duca corazzato, rivolto a destra, con mano destra sul guardastanca del petto della corazza , e mano sinistra impugnante la spada
Descrizione del rovescio
EXPECTA DM VIRILIT AGR - Scudo sabaudo con corona di cinque fioroni , con attorno il collare ; in alto 1629
Descrizione del taglio
Liscio.
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Mir Casa Savoia n. 635a ; CNI Vol. I N.452Non presente
Provenienza:Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
15dabbeneVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
Mezzo tolleroCosimo III dè Medici ( 1670 - 1723 ) - Monetazione per Livorno coniata nella Zecca di FirenzeArgento1683gr. 13,4938 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 15 dabbene 115 dabbene 2 
Descrizione del dritto
COSMVS . III . D . G . MAG . DVX . ETRVRIAE . VI , busto coronato, in esergo nel giro .1683 .
Descrizione del rovescio
PRAESIDIVM . ET . DECVS , galera che naviga, in esergo LIBVRNI con sotto . 1683 .
Descrizione del taglio
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
MIR 75, CNI 20, GAL. L, 1, RMM.17Una galera che naviga, i rostri, le vele, un mare tempestoso..., una immagine che fa sognare, il vascello e il mare, dove andrà e cosa porterà ? Commerci, traffici internazionali, il Levante....emozioni e sogni che portano una moneta.
Provenienza:Asta Cronos 7, 2013



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
27magellano83Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
luiginoFerdinando II de' Medici (Granduca 1621-1670) Granducato di Toscana monetazione per Livornoargento16621,78/2,25 gr19/20 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 27 magellano83 127 magellano83 2 
Descrizione del dritto
testa del Granduca rivolta a dx con corona dentata e capelli lunghi, sul giro FERDINAND . II . MA . D . E . V .
Descrizione del rovescio
scudo con 3 gigli dentro un cerchio e sormontato da una corona, tra le punte della corona . 1662 . , sul giro SOLIDEOVITR . HON .ETG
N.b.: esistono numerosissime varianti di legenda sia al D/ che al R/
Descrizione del taglio
Liscio.
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
MIR 60/5 (NC)questa moneta fu coniata dalla zecca di Firenze per Livorno sulla falsa riga del luigino francese e utilizzata nei mercati del Levante. Il Luigino arrivò nell'impero ottomano ed ebbe un successo particolare in Turchia dove era pratica comune delle donne utilizzare questi tondelli per bracciali orecchini collane e qualsiasi tipo di ornamento. Aumento a tal punto la richiesta che questa moneta divento una vera e propria merce e molti signorotti iniziarono a coniare privatamente contraffazioni del luigino con titolatura più bassa presso zecche minori per poi portarli in Turchia dove venivano pagati più del loro valore monetale, tutto ciò creò un vero e proprio squilibrio monetario tanto che fu smessa la coniazione del luigino.
Molto interessante a tal proposito è anche questa discussione sul nostro forum http://www.lamoneta.it/topic/106212-luigino-per-livorno/
Provenienza:asta Crippa Cronos 7



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
49rorey36Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
Tallero Capitolo Cattedrale di Bamberg - Sede Vacante- 1693Argento169329,43 gr41/42 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 49 rorey36 149 rorey36 2 
Descrizione del dritto
CAPITVL BAMBERG TEMPORE INTERREGNI Busto di fronte di Enrico II che regge globo crucigero e scettro, assiso in trono gotico.
Descrizione del rovescio
INSIGNIA PRINCIPATVS BAMBERGENSIS Leone rampante a sinistra attraversato da fascia diagonale. In basso 1693 e sotto G F N.
Descrizione del taglio
Liscio.
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Zepernick 63Dopo la morte di Marquard Sebastian Schenk von Stauffenberg (1683-1693)
Nato nel 1644 fu arciprete a Bamberg, Augsburg e Würzburg. Fu eletto vescovo di Bamberg nel 1683 per volere di Papa Innocenzo XI e dell’Imperatore Leopoldo I. La consacrazione ebbe luogo solo 4 anni dopo. e la nomina ad Arcivescovo di Lothar Franz von Schonborn (1693-1729) nato a Steinheim am Main nel 1655, nipote di Johann Philip von Schonborn, arcivescovo di Magonza dal 1647 al 1673 e pronipote di Georg Friedrich von Greiffenclau, arcivescovo di Magonza nel 1629.
Nel 1693 fu eletto Vescovo di Bamberg e nel 1694 venne eletto arcivescovo di Magonza su proposta dell'imperatore.
Provenienza:Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
65lucadesign85Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
Ducatone da 124 Soldi con S. GiustinaRepubblica di Venezia - Doge Paolo Renier (1779-1789)ArgentoNon presente27,87 gr.42 mm. 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
  
Descrizione del dritto
✿ S ✹ M ✹ V ✹ PAVL ✹ RAINERIVS ✹ DVX ✹; a sinistra il leone di San Marco andante a destra con il vangelo aperto; a destra il Doge genuflesso tiene lo stendardo sormontato da una croce; tutto in un cerchio di perline; all'esergo sigle del massaro (Benetto Capello) tra stelline divise dal punto ✹ B • C ✹
Descrizione del rovescio
MEMOR ✹ ERO ✹ TVI ✹ IVSTINA ✹ VIRGO; Santa Giustina in piedi frontale con veste e manto, tiene con la destra la palma del martirio e nella sinistra un libro; ha il petto trafitto da un pugnale; tutto in cerchio di perline; sullo sfondo il mare con due galere in navigazione e monti all'orizzonte; sotto il valore ✿ 124 ✿
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
CNI VIII, p. 519, 44; Paolucci 22; Dav. 1565; Montenegro 1875; Gamberini 1836.La raffigurazione della martire padovana Santa Giustina venne fatta eseguire per la prima volta dal doge Alvise I Mocenigo nell'anno 1572, per il primo anniversario della vittoria di Lepanto contro i turchi.
Provenienza:asta Bolaffi 23, Sessione 1, Lotto 419.



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
67dareios.itVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
CavallottoGian Francesco Trivulzio 1526-1549 - Zecca di Roveredo (Valle Mesolcina)ArgentoNon presenteGrammi 5,50mm 31 ca 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
  
Descrizione del dritto
"FRANCISC TRIVL M VIGLET C" Stemma sormontato da cimiero, svolazzi e sfinge.
Descrizione del rovescio
"SANCTV GEORGIV" San Giorgio a cavallo che trafigge un drago.
Descrizione del taglio
liscio
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
CNI 7/23 MIR (Lombardia) 1008Gian Francesco Trivulzio successe allo zio Gian Giacomo Trivulzio morto nel 1518, senza eredi (suo figlio Nicolò era morto nel 1512). Non si sà molto di questo personaggio. Di seguito, ripreso dalla enciclopedia Treccani:
Trivùlzio, Gian Francesco. - Generale milanese (n. 1504 - m. 1573), nipote ed erede di Gian Giacomo il Magno; generale di cavalleria di Francesco I di Francia. Inviso agli Sforza, fu accusato di tentato veneficio ai danni di Francesco II Sforza e subì la confisca dei beni. Salvato da Carlo V (1543), dovette scampare con la fuga a una nuova condanna a morte. Finì ad Avignone, generale della cavalleria pontificia. Aveva ceduto (1549) i suoi diritti su Mesocco ai valligiani, donde una serie di rivendicazioni e processi, da parte soprattutto di suo figlio Niccolò (m. 1599)
Provenienza:Asta Filetti 9 Nov. 2013



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
68nikita_Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
30 TarìRegno di SiciliaArgento179368 gr.mm 47 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
  
Descrizione del dritto
Busto corazzato di Ferdinando III°
Descrizione del rovescio
Fenice ad ali spiegate tra le fiamme illuminata dal sole con volto umano.
Descrizione del taglio
Rosette e ornamenti
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presenteNon presenti
Provenienza:Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
86417soniaVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
Ottavo di scudo della croce (17 ½ soldi)Repubblica di Venezia - Doge Alvise Mocenigo II (1700-1709)ArgentoNon presentegr. 3,63mm. 27 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 86 417 sonia 286 417 sonia 1 
Descrizione del dritto
ALOYSIVS • MOCENICO • DVX • VE • ; croce formata da foglie di cardo con una rosa al centro accantonata da quattro foglie di vite; il tutto in un cerchio di perline.
Descrizione del rovescio
SANCT • MARCVS • VENET• ; leone in soldo in uno scudo ornato di foglie; il tutto in un cerchio di perline;
All'esergo ✹ 17 • ½ ✹ (con evidente salto di conio)
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presenteNon presenti
Provenienza:Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
87latinoVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
Pezza della rosaZecca di FirenzeArgento1718Gr. 25.961mm 43,05 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 87 latino 187 latino 2 
Descrizione del dritto
COSMVS. III. D. G. M. DVX. ETRVRIAE. Stemma poligonale in cartella ad intagli e volute, sormontato da corona con giglio in mezzo.
In esergo data 1718
Descrizione del rovescio
RATIA OBVIA VLTIO QUAESITA (la benevolenza è spontanea la punizione è ricercata) Due piante di rose fiorite,intrecciate. In esergo + LIBVRNI +
Descrizione del taglio
Liscio
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
C.N.I. 102 - MIR 66/13Note bibliografiche da " IL LINGUAGGIO DELLE MONETE" di Mario Traina
Moneta coniata a Firenze, Livorno non ebbe mai zecca.
Con questa impresa ( il motto venne ideato dal bibliotecario del granduca Francesco Rondinelli), Ferdinado II lanciò un messaggio ai suoi nemici: come la rosa,nonostante la sua grazia e bellezza (GRATIA OBVIA), ha le spine che la proteggono contro chi vuole rovinarla (VLTIO QVAESITA) cosi il granduca,pur essendo di animo buono,non avrebbe esitato a rintuzzare qualsiasi offesa( Galeotti 1930,P243) Altri con minor fondamento riferiscono il motto a Livorno.
Provenienza:Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
97SanniVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
1/2 DucatoRegno di Napoli - Filippo VArgento1702g 11mm 32,6/33,5 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 97 Sanni 197 Sanni 2 
Descrizione del dritto
PHILIPP.V.D.G..REX.HISP.ET.NEAP - Busto del re a destra - sotto IM
Descrizione del rovescio
HILARITAS. VNIVERSA - Globo terrestre illuminato dal sole - A destra AG/A - In basso la data 17 02
Descrizione del taglio
Liscio
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
MIR 310 PR/1Non presente
Provenienza:Non presente


N°postNome utenteIndirizzo discussione   
108blush20Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
Scudo da Lire 6Regno di Sardegna – Carlo Emanuele III (1730-1773) monetazione posteriore al 1755
Zecca: Torino
Argento – Ag 904/1000 1765gr. 35,16mm. 44 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 108 blush20 1108 blush20 2 
Descrizione del dritto
Semibusto a testa nuda, a sinistra; attorno: CAR.EM.D.G.REX.SAR.CYP.ET.IER.; sotto, la data (1765)
Descrizione del rovescio
scudo circolare coronato ed ornato del Collare; attorno: DVX.SABAVD.ET.MONTIFER.PRINC.PEDEM.&.
Descrizione del taglio
foglioline
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Mont. P.16 n. 171Non presenti
Provenienza:Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
153profaustoVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
CarlinoNapoli- Carlo II°Argento1686Non presente22 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 153 profausto 1153 profausto 2 
Descrizione del dritto
Carolus II D.G REX
Descrizione del rovescio
Maiestate Securis in nastro
Leone accovacciato verso sinistra innanzi a corona su basamento in cui sono poste lettere G.A - in esergo 1686
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presenteMAIESTATE SECURUS ( Tranquillo nella Maestà)
Il simbolo del leone accovacciato a guardia di una base sulla quale sono la corona e lo scettro , simboli della regalità
Ci sono opinioni diverse in merito al conio , alcuni esperti lo attribuiscono a Giovanni Hamerani.
Provenienza:Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
176pazzoxlinterVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
Testone della Benedizione 2° tipoRep. Genova - Dogi Biennali seconda fase 1541-1637Argento1557gr. 9,30
0,32 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 176 pazzoxlinter 1176 pazzoxlinter 2 
Descrizione del dritto
l Salvatore rivolto a sinistra benedice il Doge inginocchiato col vessillo. Data in esergo tra due stelle cerchio lineare/ DUX . ET . GVBER' . REIPVB' . GENEVEN ( interpunzone a stellette )
Descrizione del rovescio
Croce ornata da 4 castelli / + CONRADVS . II . ROMANOR' . REX ( interpunzone a stellette )
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
C.N.I vol. III Liguria e Corsica 1912 pag. 260 - Le Monete Genovesi . Giovanni Pesce-Giuseppe Felloni 1985 pag 112 - Le Monete della Repubblica di Genova. G.Lunardi 1975 pag.235 I Testoni furono coniati di tre tipi ( I°- II°- III° ) accompagnati dai mezzi Testoni e vennero sostituiti dai Ducatoni della Benedizione.
Furono descritti per la prima volta da Vincenzo Promis nel 1871. Già allora circolavano dei falsi d'epoca del Testone del II tipo .
Provenienza: Non presente


N°postNome utenteIndirizzo discussione   
209GozziVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
TalleroFederico Ulrico (Principe di Wolfenbuttel)Argento163028,5 gr42 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 209 Gozzi 1209 Gozzi 2 
Descrizione del dritto
La moneta al dritto porta lo stemma del casato, elaboratissimo e caricato da vari cimieri, e la legenda: FRIDERIC . VLRIC . D . G : DVX : BRUNS : ET : LVN.
Descrizione del rovescio
Al rovescio il Wilder Mann, cioè il leggendario uomo selvaggio circondato da legenda: DEO * ET * PATRIAE * ANNO * 1630.
Descrizione del taglio
Liscio.
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presente
Provenienza:Non presente


N°postNome utenteIndirizzo discussione   
276Civitas NeapolisVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
60 Grana (o Mezza Piastra)Carlo III di Borbone Re del Regno di NapoliArgento 9081735, Zecca di Napoli12,8 Gr.35 mm. 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 276 Civitas Neapolis 1276 Civitas Neapolis 2 
Descrizione del dritto
CAR:D:G:REX NEAP: / HISP:INFANS.& c. Stemma coronato tra F: / B: // .A. , in basso G:60 entro cornice
Descrizione del rovescio
DE SOCIO PRINCEPS. Sebeto sdraiato, nell'esergo De 1735 .G:
Descrizione del taglio
Liscio
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Gigante 34Non presenti
Provenienza: Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
273ParpajolaVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
4 RealesFerdinando VI Re di Spagna e delle Indie - Zecca del GuatemalaArgento175913,28 gr31 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 273 Parpajola 1273 Parpajola 2 
Descrizione del dritto
Stemma coronato di Castilla y Leon, a sinistra lettera P ( zecchiere ) a destra il valore 4 FERDINAD.VI.D.G.HISPAN.ET IND.REX
Descrizione del rovescio
Colonne d' ercole su onde con il motto PLVS VLTRA, in mezzo due mondi sovrastati da corona imperiale VTRA QUE VNUM ( uno e l' altro sono uno, unificazione dei due mondi sotto la corona imperiale spagnola ) G ( Guatemala ) 1759 G
Descrizione del taglio
Fogliette
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presente.Non presente.
Provenienza:Non presente.



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
284R.E.IN.SENAVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
Era catalogato nel CNi come parpagliola da 10 quattrini, il Mir la reidentifica come ''Grosso con Lupa'' non e' indicato un nominale.Battuto nella citta' di Siena, Armetta 88 Capitoli del 15 Giugno 1526Argento--------1,82 g.23 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 284 R.E.IN.SENA 1284 R.E.IN.SENA 2 
Descrizione del dritto
+ SENA . VETVS . CIVITAS . VIRGIN (questo mio esemplare e' una variante con il '' VIRGINI'' finale, nel Mir non e' ancora riportata questa variante per il grosso con lupa) nel campo la lupa a Sinistra con testa retrospiciente allatta gemelli.
Descrizione del rovescio
( Armetta 88 ) . A . ET . ω . PRINCIPIV . ET . FINIS
Descrizione del taglio
------
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
M.I.R Toscana Zecche minori n°542 La Repubblica di Siena nasce nel 1125, anno in cui viene deposto il vescovo, allora a capo della città e del contado attorno ad essa. Viene eletto un Governo Consolare per governare lo Stato Senese nei suoi primi anni di vita: nel 1125 viene nominato Manco, primo Consul Saenensis. Convenzionalmente viene indicato il 1186 come l'anno del riconoscimento ufficiale del nuovo Stato da parte del Sacro romano Impero, anno in cui l' Imperatore Federico Barbarossa concede la possibilità di battere moneta e di eleggere liberamente i consoli.
I gemelli Senio (o Seno) e Ascanio (o Aschio) erano secondo la leggenda i figli di Remo (fratello di Romolo). La leggenda vuole che i due fratelli siano scappati al di là del Tevere, per sfuggire allo zio, che dopo il fratello avrebbe voluto uccidere anche i nipoti. Inizialmente si sarebbero diretti verso il tempio del dio Giano, recandosi nella zona dell'odierno Gianicolo.
Sarebbero poi fuggiti da Roma e scappati a nord verso l'etruria avrebbero fondato la città di siena portandosi dietro il simbolo della lupa capitolina che per questo motivo rientra anche nello stemma di siena I due fratelli fondarono inizialmente tre fortificazioni sui tre colli che avrebbero poi in seguito formato la città, per potersi difendere dall'assedio di Montorio e Camelio emissari mandati da Roma dallo zio Romolo.
Il nome della città deriverebbe perciò da Senio, mentre il fratello avrebbe dato nome al vicino centro di Asciano.
Spesso facciamo l'errore di credere che sotto la lupa di ''siena'' ci siano Senio ed Ascanio, mentre invece la leggenda parla chiaro, quando fondarono siena portarono con se' lo stemma della lupa capitolina, quella cioe' che ha salvato Romolo e Remo. si, i gemelli sotto la lupa di siena non sono che Romolo e Remo. Ecco una copia della leggenda.
Provenienza: Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
300Layer1986Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
1 CARLINO; 10 GRANA (G X)REGNO DI NAPOLI – Carlo VI d'Asburgo, come ImperatoreArgento17302,1 gr.21 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 300 Layer1986 1300 Layer1986 2 
Descrizione del dritto
CAR: VI. D. G. ROM: IMP. Busto laureato dell'imperatore, dietro MP/A, sotto G.
Descrizione del rovescio
. IN HOC SIGNO VINCES . Croce cantonata da raggi, sotto 1730 e G.X
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
MIR 328, PR 21Non presenti
Provenienza: Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
331oedemaVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
8 RealesCARLO IV Re di Spagna (1788-1808) - ALTO PERU’ (PERU’ e BOLIVIA) Attuale BOLIVIA – Città di POTOSI’Argento1796gr. 26,8mm. 40 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 331 oedema 1331 oedema 2 
Descrizione del dritto
Carlo IV di profilo con corazza e corona d'alloro. CAROLUS IIII DEI GRATIA 1796
Descrizione del rovescio
Stemma spagnolo coronato tra colonne di Ercole con il motto PLVS VLTRA. HISPAN[IARUM] ET IND[IARUM] REX - 8 R[EALES] P. P.
Descrizione del taglio
Rigato
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presenteSotto questo monarca fu coniata l'ultima serie di "dollari spagnoli" prima che la United States Mint iniziasse la coniazione di quelli statunitensi nel 1794.
Carlo IV di Borbone (Portici, 11 novembre 1748 – Roma, 20 gennaio 1819) fu Principe delle Asturie dal 1759 e re di Spagna dal 14 dicembre 1788 al 19 marzo 1808 e dal 6 maggio al 6 giugno 1808. Dal 1808 Carlo IV fu prigioniero di Napoleone presso l'ambasciata spagnola di Roma fino alla sua disfatta finale nel 1814; però in quello stesso anno fu Ferdinando VII ad impossessarsi del Trono spagnolo, mantenendo suo padre esiliato per timore di doversi di nuovo disputare la Corona. Carlo e la sua moglie morirono esiliati nella Corte Papale (1819).
Provenienza: Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
348DARECTASAPEREVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
GiulioSTATO PONTIFICIO - ZECCA DI ROMAArgentoNon presentegr. 2,98mm. 27 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 348 DARECTASAPERE 2348 DARECTASAPERE 1 
Descrizione del dritto
SEDE:VAC ANT:M:DCV: Stemma della famiglia Aldobrandini sormontato da Padiglione e chiavi decussate.
Descrizione del rovescio
. ALMA : ROMA . . S:PAVLVS l’apostolo stante di fronte con spada rivolta verso il basso; armetta della zecca di Roma a sinistra; stella tra due punti all’esergo.
Descrizione del taglio
Liscio
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presenteIl 1605 fù un anno che vide ben due Sedi Vacanti, entrambe presiedute dal Cardinale Camerlengo Ippolito Aldobrandini. come per i rarissimi testoni, non ci sono attribuzioni certe tra la 1° e la 2° emissione del 1605. I riferimenti di questo Giulio sono C.N.I. 5 e Muntoni 5.
Note Personali: Classificato dal catalogo Kunker “di grande rarità”, questo Giulio manca in molte prestigiose collezioni Papali del passato (K&M XXI, LEU N°36, "ALMA ROMA" 2000, Christie's 2011) e in tutte le aste specializzate per le monete Pontificie di NAC, Nomisma, Negrini e Varesi. Indubbiamente la miglior conservazione tra i tre esemplari che ho censito.
Provenienza: Asta Kunker N° 233 del 19/06/13 (collezione Ing. Calcagni), lotto N° 1336



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
365fanghiVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
FrancesconePietro Leopoldo di Lorena Granduca Di ToscanaArgento176827,50g41mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 365 fanghi 1365 fanghi 2 
Descrizione del dritto
busto a testa nuda a sinistra, legenda PETRVS LEOPOLDVS .D.G.P.R.H.ET.B.A.A.M.D.ETRVR
Descrizione del rovescio
Stemma ovale,coronato,su croce di Santo Stefano e fregiato del Toson ', oro attorno DIRIGE DOMINE GRESSVS MEOS
Descrizione del taglio
Ornato
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presenteVariante R2 Busto a sinistra
Provenienza: Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
465expo77Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
Luigino anonimo Fosdinovo - Maria Maddalena Centurioni moglie di Pasquale MalaspinaArgento1666Non presente 20 mm circa 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 465 expo77 1465 expo77 2 
Descrizione del dritto
HEC EST VIRTVTIS IMAGO (Questa e' l'immagine della virtù) Busto femminile rivolto a destra, con ricco chignon, fiocco e pettorale.
Descrizione del rovescio
DEVS MEVS ET OMNIA (Mio Dio e (mio) tutto), Scudo con tre gigli e bisante, corona trigigliata. Ai lati dello stemma 16 66.
Descrizione del taglio
liscio
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Cammarano n. 66aNon mi dilungo in merito all'affare dei luigini bastera' qui classificare questo esemplare come Cammarano n. 66a,
al di la' delle numerosissime piccole varianti esistenti per questa tipologia e' da notare la rara e bella variante del busto. Il ritratto e' più fine ed elegante, la capigliatura e' più ricca ed elaborata e sulla spalla abbiamo un fiocco al posto del classico fermaglio a rosone.
Provenienza: Asta MPO n.38 lotto 3256.



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
477SatorVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
Giulio, SienaGranducato di Toscana (1569 - 1859); Cosimo I De' Medici - Terzo periodo - I Granduca di Toscana (1569 - 1574)argentoNon presente2,51 g27 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 477 Sator 1477 Sator 2 
Descrizione del dritto
COS.MED.FLOREN.ET.SENAR.DVX.II, al centro stemma ovale coronato
Descrizione del rovescio
SENA VETVS CIVITAS VIRGINIS; mezza figura della Beata Vergine nimbata e velata, sopra le nubi e con le braccia aperte, in atto di proteggere la città di Siena
Descrizione del taglio
liscio
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
rif. MIR. 579; Gal. XLVI, 7; CNI. 19,25 Cosimo I De' Medici è figlio di Giovanni delle Bande Nere e di Maria Salviati e nasce nel 1519. Dopo la Morte di Alessandro viene nel 1536, appena diciottenne, chiamato alla signoria del Senato fiorentino. Sposa nel 1539 Eleonora di Toledo, della Casa dei Duchi d'Alba. Nel 1555 s'impradonisce di Siena e nel 1557 ne ottiene il dominio da Carlo V. Vedovo nel 1562, sposa nel 1570 Camilla Martelli, gia' sua concubina. Nel 1569 viene dichiarato Granduca di Toscana. Muore nel 1574.

Epoca 1800/1840
Provenienza: Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
504FratelupoVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
tallero, 1637; conosciuto come "Weidenbaumtaler".Guglielmo V (o VI), Langravio di Assia-Kassel (Hessen-Kassel)argento163729 g. ca.40 mm ca. 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 504 Fratelupo 1504 Fratelupo 2 
Descrizione del dritto
*WILHELM(US) D(EI) G(RATIA) LANDGRAVI(US) HASS(IAE) COM(ES) C(ATTIMELIBOCI) D(ECIAE) Z(IEGENHEINAE) E(T) N(IDDAE); leone coronato a strisce orizzontali bianche e rosse rampante a sinistra; ai lati del leone la data 16-37, le iniziali dello zecchiere G(eorg) K(ruckenberg) e tra le zampe due spade incrociate.
Descrizione del rovescio
*IEHOVA VOLENTE HUMILIS LEVABOR ("Se Dio lo vorrà, sarò consolato, innalzato sopra ogni miseria"); paesaggio rurale con un villaggio sotto la tempesta e, in primo piano, un salice colpito e piegato dal fulmine. Sulla destra in alto, in un sole raggiante compare il nome di Dio "JHWH" (retrogrado), ovvero il Tetragramma. Si noti come nella scritta sul giro, il grassetto su alcune lettere indichi il loro essere più grandi delle altre: insieme formano la sigla "VV. H. L.", ovvero "Wilhelmus Hassiae Landgravius".
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Davenport 3461, Schütz 919.Zecca: Kassel (zecchiere Georg Kruckenberg)Si tratta di una delle più celebri e significative monete coniate negli stati tedeschi nel corso della guerra dei Trent'anni: la sua emissione, con diverse varianti, iniziò con il 1627. L'albero raffigurato è stato nel tempo presentato come un salice (pianta rustica che si adatta all'ambiente dalle spiccata proprietà medicinali), come in realtà è, ma talvolta come una palma (albero particolarmente resistente e simbolo di sicurezza); nell'immagine, la tempesta infuria sul paese e sull'albero, piegato dal vento forte e colpito da un fulmine. In questo clima avverso, brilla comunque in alto il nome di Dio (Tetragramma) all'interno di un sole raggiante. Sul giro la scritta IEHOVA (ci sono varianti antecedenti con DEO o UNO*), VOLENTE HUMILIS LEVABOR, indica la volontà e la fiducia del principe di superare tutte le più gravi difficoltà, potendo contare sul sostegno di Dio. In effetti in quegli anni il Langraviato ebbe a soffrire parecchio: il langravio Guglielmo V (Kassel 1602- Kassel 1637, l'anno della nostra moneta), divenne celebre per essere riuscito a ristabilire l'economia del proprio stato, che reggeva dal 1632, provato dalla guerra dei Trent'anni, nella quale era alleato del re Gustavo Adolfo di Svezia e per la riforma monetaria che introdusse. Ma alla firma della pace di Praga (30 maggio 1635), Guglielmo V strinse un patto d'alleanza con la Francia e pertanto l'Assia-Kassel venne invasa dalle truppe imperiali. Guglielmo V perdette parte dei propri domini e poté riacquistarli solo dopo il pagamento di 2,5 milioni di fiorini d'oro. Guglielmo V rimase comunque considerato come un nemico dell'Impero, nomea che colpì anche tutti i rami della famiglia. Terminò la propria vita in esilio e dal 1636 la reggenza passò alla moglie, prima in vece del marito e poi in quella del figlio Guglielmo VI.

*Una interessante teoria pone a dopo il tremendo saccheggio e il massacro perpetrato dalle truppe imperiali nella città di Magdeburgo (1632), capitale della riforma, la decisione di introdurre la parola IEHOVA, a intendere una ancora più convinta adesione alla lettera biblica professata dal Luteranesimo in contrapposizione all'Impero e al Cattolicesimo, ma anche quasi a considerare la distruzione di Magdeburgo un evento tragico per i Riformati quanto per gli Ebrei era stata la distruzione del Tempio nel 70 d.C.
Provenienza: Münzenhandlung Dirk Löbbers - Germania



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
546giovannaVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
DengaIvan IV, detto "Il Terribile", granduca di Mosca e zar di Russia (1530-1584)- zecca di MoscaargentoNon presente0,34 gr.Non presente 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 546 giovanna 1546 giovanna 2 
Descrizione del dritto
Ivan IV a cavallo in posa da battaglia con in pugno la spada
Descrizione del rovescio
iscrizione in cirillico
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presenteDall'Enciclopedia Treccani on-line:

Ivan IV il Terribile (russo I. Vasil´evič Groznyj) granduca di Mosca e zar diRussia. - Succedette al padre, il granduca Vasilij III (1479-1533), a tre anni. Incoronato zar nel 1547 (primo a fregiarsi di tale titolo), riorganizzò il sistema militare e l'amministrazione, rafforzando il potere centrale a scapito di quello nobiliare (boiari). La conquista delle capitali tatare Kazan´ (1552) e Astrachan´ (1556) estese il dominio russo all'intero corso del Volga. Meno successo ebbero i tentativi espansionistici nel Baltico, dove I. fu sconfitto anche a causa del tradimento di alcuni boiari (1564). In seguito a ciò - servendosi dell'opričnina, guardia dello zar elevata a nobiltà territoriale - diede vita a una sanguinosa repressione contro i boiari.
Provenienza: Non presente.



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
649ArgentumPapamVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
Piastra da 120 GranaCarlo di Borbone (1734 - 1759) AG - Argento173425g 41mm ca. 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 649 ArgentumPapam 2649 ArgentumPapam 1 
Descrizione del dritto
CAR:D:G:REX . NEA: . HISP:INFANS &C. Stemma coronato con ai lati F: B: - .A.
Descrizione del rovescio
DE SOCIO PRINCEPS . Sebeto sdraiato reggente con la mano destra una anfora, con la sinistra una pala (o vanga o remo). Alle sue spalle, il golfo di Napoli sovrastato dal Vesuvio. In esergo incisore e data.
Descrizione del taglio
Trecce in rilievo
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Pannuti 22Il motto "DE SOCIO PRINCEPS" ricorda l'indipendenza ottenuta di Carlo da parte del padre, Filippo V, sulla sovranità dei regni di Napoli e Sicilia.
Provenienza: Non presente



Torna su



Monete che concorrono nella categoria moderne in materiale rame


N°postNome utenteIndirizzo discussione   
42dux-sabVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
2 denariemittente;carlo emanuele IIIRameNon presente1,80 gr16 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 42 dux-sab 242 dux-sab 1 
Descrizione del dritto
croce piana
Descrizione del rovescio
corona sotto nodo e data
Descrizione del taglio
Liscio.
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presenteNon presente
Provenienza:Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
57piergi00Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
2 DenariVittorio Amedeo III (1773-1796)Rame16912.05 gr16 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 57 piergi00 157 piergi00 2 
Descrizione del dritto
VIC AM D G R SAR CYP ET IER D SAB ET MF PP - Croce piana filettata
Descrizione del rovescio
Nodo sormontato da corona tra due rosoni a 6 petaliv; in basso la data
Descrizione del taglio
Liscio.
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Mir Casa Savoia n.998sNon presente
Provenienza:Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
229legionarioVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
2 BaiocchiZecca di Ascoli - Prima Repubblica Romana (1798 - 1799)Rame-----------15,40 gr32 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 229 legionario 2229 legionario 1 
Descrizione del dritto
RE(retrograda)PVBBLICA ROMANA - Fascio littorio, con due legature incrociate ciascuna tra due legature orizzontali, con scure e pileo a destra.
Descrizione del rovescio
DVE / BAIOCCHI / ASCOLI entro corona di foglie trinate chiusa in basso da rosetta e in alto da globetto.
Descrizione del taglio
Liscio.
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Bruni 18è la moneta fotografata nel libro di Bruni Renzo "Le monete della Repubblica Romana e dei governi provvisori": la n. 18
Provenienza:ex collez. C. - ex Pedoni listino "Mercurio" 1996 lotto 147 - ex Negrini 2 (29/11/1995) lotto 966 (collez. Mantegazza) - ex Asta Internazionale del Titano 34 (24/6/1988) lotto 635



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
239oedemaVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
KOPEKS del 1784CATERINA II di RussiaRame177848,2 gr41 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 239 oedema  1239 oedema  2 
Descrizione del dritto
Al centro monogramma della zarina, alla sua sinistra 17 e alla sua destra 78, il tutto racchiuso in una corona di alloro e felce.
Descrizione del rovescio
Aquila bicipite che regge in una zampa un globo crucifero e nell’altra una spada. Ai lati dell’aquila, in basso, le lettere dell’incisore E M . Sotto, la scritta in russo “cinque copechi”.
Descrizione del taglio
Liscio.
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
non presenteCaterina II Alekseevna di Russia, (Stettino, 21 aprile 1729 – Puškin, 6 novembre 1796), conosciuta come Caterina la Grande, fu imperatrice di Russia dal 1762 alla morte. Fu uno dei più significativi esempi di sovrano illuminato. Nata a Stettino, Sofia Federica Augusta di Anhalt-Zerbst, venne data in sposa nel 1764, sedicenne, all’erede dell’impero russo, il granduca Pietro Fëdorovič e cambiò il suo nome in "Caterina" (Ekaterina o Jekaterina) quando si convertì alla fede russo-ortodossa. Pietro salì al trono come Pietro III di Russia. Meno di sei mesi dopo la sua salita al trono, il 17 luglio 1762, Grigori Orlov, amante di Caterina, guidò una cospirazione per incoronarla. Pietro venne rinchiuso in carcere dove morì. Sotto il suo comando, l’impero russo divenne sempre più forte e visse uno dei periodi di maggior riconoscimento a livello europeo. da Wikipedia
Provenienza:Non presente.



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
315Layer1986Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
1 TorneseREPUBBLICA DEL REGNO DI NAPOLI (Nome Ufficiale) – Enrico di LorenaRame16482,35 gr.21 mm. 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 315 Layer1986 1315 Layer1986 2 
Descrizione del dritto
HEN . DE . LOR . DVX . REI . N . Scudo coronato con SPQN
Descrizione del rovescio
LETIFICAT 1648 . Grappolo d'uva, a sinistra GA/C a destra simbolo coniatore O
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
MIR 284, PR 5Strettamente legata alla repubblica napoletana è la figura di Tommaso Aniello d'Amalfi, detto Masaniello, il pescivendolo che iniziò la rivolta popolare che tra il 1647 e il 1648 portò alla nascita della repubblica. Nonostante la breve durata, la ribellione da lui guidata indebolì il secolare dominio spagnolo sulla città, riaprendo la strada alla contesa tra Spagna e Francia per il possesso della corona di Napoli.
Provenienza: Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
381Paolino67Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
QuattrinoRodolfo Gonzaga, principe di Castiglione delle Stiviere (1586-1593)Rame-----------0,54 gr15/16 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 381 Paolino67 1381 Paolino67 2 
Descrizione del dritto
• • ROD • • GON •; Stemma ovale di Sisto V con leone rampante a sinistra, sormontato da chiavi decussate e triregno.
Descrizione del rovescio
• S • CVRIACVS • CAS •; San Ciriaco, mitrato e stante di fronte, nell'atto di benedire.
Descrizione del taglio
Liscio
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Bignotti 18, CNI 122/125, MIR 163Questa moneta, come la stragrande maggioranza emessa dalla zecca di Castiglione delle Stiviere sotto il principato di Rodolfo Gonzaga, è una contraffazione di una moneta di altro stato, nella fattispecie del quattrino pontificio emesso dalla zecca di Ancona per papa Sisto V.
Provenienza: Ebay



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
384profaustoVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
LIARDCarlo I° Gonzaga Nevers Duca VIII ( la casata Nevers è un ramo cadetto della Fam. Gonzaga )Rame1609gr. 3,9mm.25 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 384 profausto 1384 profausto 2 
Descrizione del dritto
CARL. GONZ.D.NIV.ET RETH - Semibusto e testa nuda a destra con barba corta , gorgiera,armatura, mantello - in esergo Data 1609
Descrizione del rovescio
SVP.PRINCEPS ARCHENSIS - Stemma inquartato alle 4 aquile caricato da scudetto gonzaghesco ai leoni boemi e alle fasce con sbarra trasversale , il tutto sormontato da corona
Descrizione del taglio
liscio
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Magnaguti 684/686zecca di Charleville
Provenienza: Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
464defa92Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
mezzo soldoCarlo VI d'Asburgo (1711-1740)rame1739gr. 1,34mm 17 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 464 defa92 1464 defa92 2 
Descrizione del dritto
Aquila, con ghirlanda sul capo, coronata e spiegata e con la testa volta a sin.; in alto . 17 39 .
Descrizione del rovescio
1/2 SOLDO in cartella ornata
Descrizione del taglio
ornato
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
CNI VI pag 224 n. 10Non presenti.
Provenienza: Non presente.



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
466cipaVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
2 soldi o gazzettaRepubblica di Venezia -monetazione anonima rameNon presente5,4 gr.26 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 466 cipa 1466 cipa 2 
Descrizione del dritto
leone aureolato intorno SAN * MARC * VEN * in esergo * II *
Descrizione del rovescio
* / ARMATA / E · T / MOREA / * Iscrizione in 5 linee
Descrizione del taglio
liscio
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presente Note storiche e numismatiche; riporto il link di una discussione di questo tipo di moneta http://www.lamoneta.it/topic/44037-armata-et-morea/
Provenienza: Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
515dabbeneVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
Mezzo soldoMaria Teresa d'Asburgo - Nuova monetazione - Zecca di Milano Rame17773,28 gr. 20 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 515 dabbene 1515 dabbene 2 
Descrizione del dritto
incuso
Descrizione del rovescio
MEZZO SOLDO 1777. scritto entro rami di lauro e di palma su tre righe
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Crippa 44/B, MIR 441/2, CNI 99variante con la scritta a caratteri più piccoli.
Provenienza: Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
522nikita_Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
3 PiccioliFerdinando III° - Regno di SiciliaRame17762,55 gr.19,50 mm. 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 522 nikita_ 1522 nikita_ 2 
Descrizione del dritto
FERD . D.G. SIC. REX. aquila coronata ad ali spiegate - 2 crocette sotto gli artigli - sigla G.L. __C.
Descrizione del rovescio
dentro cartella ornata grande 3 su 1776
Descrizione del taglio
piccoli segmenti
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presenteNon presenti,
Provenienza: Non presente.



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
572magellano83Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
2 quattrini o duetto per PisaGranducato di Toscana, Cosimo III per Pisarame16811,31 gr.17 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 572 magellano83 1572 magellano83 2 
Descrizione del dritto
al centro le sei palle medicee sormontate dalla corona granducale, nel giro QVATTRINI . II .
Descrizione del rovescio
croce pisana con ai lati la data (1681)
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presente.Nel 1679 a causa della scarsità di monete "buone" venne autorizzata la coniazione di queste monetine dal basso valore in rame da due quattrini (detti duetti) assieme a quelle da 3 quattrini (detti soldini),una sorta di monete di necessità con caratteristiche di peso e diametro molto variabili, probabilmente in quanto monete di necessità non si badò tanto a rispettare i parametri in fase di coniazione, tanto più che erano in vile metallo e non in metallo prezioso.
La loro circolazione fu comunque circoscritta alle sole città di Pisa e Livorno, e alle città che ne avevano fatto richiesta per penuria di monete spicciola, il resto del Granducato era esente dall'uso di questi nominali e molte altre città come ad esempio Siena per sopperire alla mancanza di monete fecero uso di spiccioli di periodi più antichi o di spiccioli degli stati confinanti benché l'uso non ne fosse autorizzato
Provenienza: Non presente.



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
659DebbeVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
5 SoldiVittorio Amedeo III 1773-1796 - Regno di SardegnaRame1795gr. 5,125 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 659 Debbe 1659 Debbe 2 
Descrizione del dritto
Busto a destra, attorno: •VICT•AMED•D•G•REX•SARD• sotto 1795
Descrizione del rovescio
San Maurizio con vessillo, attorno: S•MAURITIUS•PAT•TOT•DIT• nell’esergo: SOL•5•
Descrizione del taglio
ORNATO
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Mont 390Non presenti.
Provenienza: Non presente.


Torna su



Monete che concorrono nella categoria moderne in altri materiali


N°postNome utenteIndirizzo discussione   
32savoiardoVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
5 SoldiSavoia, Vittorio Amedeo IImistura17014,38 gr28 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 32 savoiardo 132 savoiardo 2 
Descrizione del dritto
Busto del duca corazzato, con i capelli sciolti, rivolto a destra, sotto la data 1701, intorno VIC . AM . II . D . G . DUX . SAB .
Descrizione del rovescio
Descrizione del rovescio : Scudo sabaudo coronato, con ai lati la scritta FE RT, in basso in cartella il valore S . 5, intorno PRIN . PEDE REX . CYPRI
Descrizione del taglio
liscio
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Biaggi 742/b Cudazzo MIR 871/b Simonetti manca grado di rarità R 10 da ridurre probabilmente a R 8 ...Nel Dicembre del 1700 viene ordinata una battitura di 5 Soldi per 175.000 lire con i coni preparati dal De Fontaine diversi dal tipo precedente, di questa tipologia risultano coniati sino al 1710 81.234 marchi, equivalenti a lire 1.046.437. Siamo negli anni precedenti all'assedio della città di Torino da parte dei francesi e pochi anni prima che lo stato sabaudo annetta prima la Sicilia e poi la Sardegna diventando un regno. Il 1701 è l'anno della guerra di Successione Spagnola ed è periodo di guerre e capovolgimenti di fronte. La moneta per la tipologia e il grado di rarità può considerarsi in ottima conservazione
Provenienza:Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
90SatorVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
1 soldoGranducato di Toscana (1569 - 1859); Ferdinando III di Lorena, primo periodo (1790 - 1801)mistura17911,84 g21 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 90 Sator 290 Sator 1 
Descrizione del dritto
(da sinistra) FER • III • A • A M • D • ETR • 1791 stemma di forma cuoriforme coronato e partito Lorena, Austria e Toscana fra due rami d'alloro decussati
Descrizione del rovescio
in cartella ornata SOLDO
Descrizione del taglio
liscio
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
rif. CNI tav. XXX, 17 id 7; GAL. X; MONT. 152; PUCCI 23; MIR 411Ferdinando III di Lorena, figlio di Pietro Leopoldo e di Maria Luisa di Borbone, salí al trono del Granducato di Toscana nel 1790 quando il padre Pietro Leopoldo fu richiamato al trono dell'Impero Austriaco dopo la morte del fratello imperatore Giuseppe II. Il periodo in cui regnò fu abbastanza agitato politicamente, seguí le riforme portate avanti dal padre anche se cercò di limitarne alcuni eccessi malvoluti dal popolo. Cercò di restare neutrale alla tempesta succeduta alla Rivoluzione Francese ma fu costretto ad allearsi alla coalizione antirivoluzionaria dall'Inghilterra che minacciava di prendere Livorno, cosí l'8 ottobre del 1793 dichiarò guerra alla Repubblica Francese. Ciò non ebbe però effetti pratici ed anzi, il Granducato fu il primo stato a ristabilire le relazioni con Parigi nel 1795. Tutto questo però non tenne la Toscana fuori dall'invasione Napoleonica, nel 1796 le armate francesi occupavano Livorno e Napoleone entrò a Firenze nello stesso anno. Nel 1799 Ferdinando III fu quindi costretto all'esilio a Vienna e nel 1801 abdicò. Rientrò a Firenze nel 1814 dopo la caduta di Napoleone e dal Congresso di Vienna ottenne l'annessione al Granducato dei Reali Presidi e del Principato di Lucca e Piombino. Inizia quindi il suo secondo periodo al trono del Granducato di Toscana (Restaurazione del Granducato). Morí a Firenze il 18 Giugno 1824 a causa della malaria contratta durante la bonifica della Maremma e della Valdichiana nella quale si impegnò personalmente. Gli succedette al trono il secondogenito Leopoldo II.
Provenienza:Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
146rongomVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
5 soldi MilanoMaria teresa d'AsburgoMistura17503,16 gr21 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 146 rongom 1146 rongom 2 
Descrizione del dritto
Sul giro M·TH·G·I·R·H·ET·B / Busto a destra diademato e drappeggiato
Descrizione del rovescio
MLNI/DUX/1750 in tre righe dentro cartella ornata, all'esergo l'indicazione del valore S.V
Descrizione del taglio
Liscio.
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
crippa 11/C, MIR Milano 428/2Non presente
Provenienza:Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
278LittoreVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
Cavallotto (I tipo)Carlo Emanuele I di Savoia, Ducato di SavoiaMistura15872,71 g.23 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 278 Littore 1278 Littore 2 
Descrizione del dritto
CAR(OLVS) EM(MANVEL) D(EI) G(RATIA) DVX SABAVD(IAE). Scudo sabaudo sormontato da corona di cinque fioroni, entro cordoncino liscio
Descrizione del rovescio
PRINCEPS PED(EMONTIS) 1587. Cavallo retrospiciente rivolto a destra. All'esergo tra due punti, l'indicazione della zecca (N).
Descrizione del taglio
Liscio
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Sim. 64/3 MIR 656 cBattuto a Nizza nel 1587, venne prescritto con l'ordinanza del 15 giugno 1587 al taglio di 82 pz al marco al titolo di denari 3,1, correva per il valore di 3 grossi di Piemonte.
Provenienza: Ex InAsta



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
319ParpajolaVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
Parpagliola ( valore 2 soldi e 1/2 )Filippo III Re di Spagna e Duca di MilanoMistura16081,97 gr. 20 mm. 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 319 Parpajola 1319 Parpajola 2 
Descrizione del dritto
Stemma del Ducato di Milano arrichito di volute, inquartato con all' interno biscia e aquila con ali spiegate . MEDIO LANI. D.
Descrizione del rovescio
La provvidenza stante appoggiata con il braccio sx ad una colonna, la mano destra impugna una bacchetta che tocca il globo terrestre. In esergo .1608. .PROVIDENTIA
Descrizione del taglio
Liscio
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Crippa 20/C, MIR 351/4Non presenti
Provenienza: Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
341SanniVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
1 Grano = 12 Cavalli = 2 TornesiRegno di Napoli - Filippo IV (1621 - 1665)AeNon presente10,35 g 29,20 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 341 Sanni 1341 Sanni 2 
Descrizione del dritto
PHILPPVS IIII .R ... data nel giro - Dietro la testa sigle O/C
Descrizione del rovescio
Stemma coronato partito con lati a varie curve. Nel giro: ET HIER VSALEM
Descrizione del taglio
Tondello tosato
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
PR 62 - CNI 756 - Bovi 76 – 1635(?) - MIR 259 - Manca nei testi consultati.Filippo IV di Spagna salì al trono a sedici anni. Fu poco incline e accorto agli affari di stato, infatti, affidò l'amministrazione del governo a delegati altrettanto disinteressati. La Spagna e i regni dipendenti furono colpiti da una crisi economica e politica senza precedenti. Il più penalizzato fu il Regno di Napoli dove nel 1647, a causa delle pesanti tasse ... persino sulla frutta, avvenne una violenta rivolta capeggiata da Tommaso Aniello (Masaniello).
Il periodo di Filippo IV fu il peggiore per Napoli che oltre al malgoverno, a scorrerie di pirati, all'eruzione del Vesuvio, ai terremoti, si aggiunse una terribile pestilenza che causò, nel 1656, il dimezzamento della popolazione della città che già contava mezzo milione di abitanti in un’epoca in cui città come Milano e Roma ne raggiungevano appena centomila.
Morì nel 1665 e la corona passò a Carlo II di appena quattro anni, figlio di un matrimonio tra consanguinei: Filippo IV e sua nipote Marianna d'Austria (moglie) alla quale fu affidata, con l'assistenza di sei funzionari, la reggenza del Regno.
Provenienza: Numismatica Tintinna.



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
411Jack SullyVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
1 Solidus - ChristinaDucato di LivoniaMistura16521 grammo15 millimetri 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 411 Jack Sully 1411 Jack Sully 2 
Descrizione del dritto
C coronata con le armi di Vasa (dinastia reale svedese dal 1523 al 1654) ed un fascio di frumento all'interno di un cerchio. La scritta è: CHRISTINA D G D R S
Descrizione del rovescio
Ornamenti ed uno scudo con lo stemma della Livonia. La scritta è: SOLIDUS LIVONIA 52 (anno 1652)
Descrizione del taglio
Liscio
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
KM#2, Standard Catalog of World Coins, 1601-1700, Edizione 2009. La Livonia è una regione geografica che si estende attorno al golfo di Riga, compresa tra l'Estonia a nord e Lituania a sud. Facente parte della Confederazione Polacco - Lituana, la Livonia venne conquistata dall'impero svedese nel 1621, il quale battè moneta, tra cui questa proposta. Oggi la Livonia è la regione più importante della Lituania, comprendente la capitale Riga.
Provenienza: scambio.



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
463DebbeVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
Mezzo Reale nuovoCarlo Emanuele III (1730 – 1773) – Regno di SardegnaMistura 292/10001771gr. 2.6520 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 463 Debbe 1463 Debbe 2 
Descrizione del dritto
CAR•EM•D•G•REX•SAR•CYP•ET•IER• testa nuda a destra, sotto 1771
Descrizione del rovescio
DVX•SAB•ET•MONTISFER•PRINC•PED• scudo sardo coronato
Descrizione del taglio
cordonato
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Mont 270Carlo Emanuele III di Savoia Re di Sardegna, Torino 1701-1773. Figlio minore di Vittorio Amedeo II e di Anna di Francia, erede dal 1715 alla morte del fratello Vittorio Amedeo, salì al trono nel 1730 quando il padre abdicò. Al comando dell’esercito franco-piemonetese vinse gli austriaci a Guastalla nel 19 settembre 1734. Con la pace di Vienna ottenne Novara e Tortona, nel 1767 occupò l’isola della Maddalena.

La monetazione di Carlo Emanuele III si divide in due periodi : dal 1730 fino al 1755 anno in cui attuò un’importante riforma monetaria basata sul sistema duo-decimale; e dal 1755 fino alla morte nel 1773.
La riforma resterà in vigore fino alla Rivoluzione francese
Provenienza: Non presente.



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
470alealeVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
soldoGuglielmo Gonzaga duca di Mantova e duca del MonferratomisturaNon presente1,4 gr.21 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 470 aleale 1470 aleale 2 
Descrizione del dritto
Busto corazzato a destra
Descrizione del rovescio
Corso d’acqua, barca e veduta di città; legenda: PLACIDUM SERVATE
Descrizione del taglio
liscio
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presenteNon presente
Provenienza: Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
484ParpajolaVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
Grosso Zecca Anonima Falsificazione Massimiliano Sforza VIII Duca di Milano ( 1512 - 1515 )Ae con argentaturaNon presente1,57 gr.21 mm. 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 484 Parpajola 1484 Parpajola 2 
Descrizione del dritto
Testina S. Ambrogio MAX MA SFOR VICECO
Descrizione del rovescio
Testina S. Ambrogio DVX MEDIOLANI ET C Nel nastro, sotto l' impresa della colomba e il sole, il motto francese A BON DROIT
Descrizione del taglio
Liscio
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presenteFalsificazione in ottone del raro Grosso di Massimiliano Sforza (citato nel Crippa CR 2).
Provenienza: Asta Filisetti n.2 lotto 88



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
485dabbeneVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
contraffazione della parpagliola milaneseAnonime dei Radicati ( 1581 - 1598 ) - zecca di PasseranomisturaNon presentegr. 1, 7919 mm. 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 485 dabbene 1485 dabbene 2 
Descrizione del dritto
MONETA PASE . CC, stemma coronato ed inquartato con aquila e radice
Descrizione del rovescio
S: PRODENCIANV, la Provvidenza in piedi accanto a una colonna indica con un'asta un globo che è ai suoi piedi
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
MIR 907, CNI 17 - 18, Gamberini 289è una bella contraffazione delle parpagliole milanesi fatta a Passerano ; moneta non facile a trovarsi, in particolare in buone condizioni.
Piccola variantina rispetto ai due tipi del CNI per il punto in più in leggenda al diritto e uno in meno al rovescio.
Da notare le radici in stemma, il PASE in leggenda al diritto e la Provvidenza che sembra quasi una vecchina....
Provenienza: Numismatica Fiorentina



Torna su




Monete che concorrono nella categoria contemporanee in materiale oro


N°postNome utenteIndirizzo discussione   
4tartachiaraVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
10 dollari Tipo LibertyStati UnitiOro 900188916,7185 grammi27 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 tartachiara 04 1tartachiara 04 2 
Descrizione del dritto
Raffigurazione della libertà al centro e 13 stelle vicino al bordo. In basso la data.
Descrizione del rovescio
Aquila con ramo d'ulivo e frecce circondata dalla scritta: UNITED STATES OF AMERICA – TEN D -. Sopra la testa dell'aquila la scritta: IN GOD WE TRUST.
Descrizione del taglio
Rigato.
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presenteIl 12 ottobre 1899 scoppia la guerra anglo-boera



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
38blush20Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
96 lireRepubblica Ligure (1798-1805)Oro (AU) 916°/oo180525,21 gr33,5 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 38 blush20 138 blush20 2 
Descrizione del dritto
REPUBBLICA/LIGURE – VIII – Liguria turrita, seduta a sinistra, con lancia e scudo; nella base H.Vassallo, nell’esergo L.96
Descrizione del rovescio
NELL’UNIONE/ LA.FORZA. Fascio sormontato da pileo, tra due rami di lauro; nell’esergo 1805
Descrizione del taglio
PESO.GRANI.550.BONTA’.KAR.22.
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Gigante p. 242 n.5Non presente
Provenienza:Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
52GiankyvVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
100 LireRegno d'ItaliaOro 900192532,25 gr35 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 52 Giankyv 152 Giankyv 2 
Descrizione del dritto
Testa del Re volta a sinistra contornata dalla scritta: VITT • EM • III RE D'ITALIA, sotto la testa ramo di quercia che attraversa la Corona Ferrea. Ai lati della base del ramo le date 1900 e 1925.
Descrizione del rovescio
Fante vittorioso rivolto verso sinistra con Vittoriola nella mano destra e bandiera del Regno nella mano sinistra, sotto di esso una roccia che porta in incuso la scritta VETTA D'ITALIA su due righe e un fascio littorio. Ai lati della figura maschile in orizzontale indicazione del valore (LIRE 100), a destra verso il basso il segno di zecca R e ai lati della roccia le date 1915 e 1918 posizionate lungo il bordo, tra le due date si trova indicazione dell'incisore e dell'autore (A.M. INC. – MISTRUZZI).
Descrizione del taglio
Rigato
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presenteMoneta coniata per commemorare il 25° anniversario della salita al trono di Vittorio Emanuele III prodotta grazie all'utilizzo dell'oro offerto alla patria durante la prima guerra mondiale, la maggiorparte degli esemplari furono sottoposti a sabbiatura per nascondere vari difetti di conio. La moneta non ebbe corso legale poichè di valore intrinseco superiore a quello nominale e venne riservata a privati che ne fecero richiesta pagando un corrispettivo superiore.
Provenienza:Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
282renatoVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
100 lire 1912 serie "Aratrice"Vittorio Emanuele III - Regno d'Italiaoro 900/1000191232,25 g.35 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 282 renato 1282 renato 2 
Descrizione del dritto
Vittorio Emanuele III - Semibusto a sinistra in uniforme
Descrizione del rovescio
L'Italia agricola con aratro
Descrizione del taglio
rigato
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presenteNon presente
Provenienza: Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
288ihuru3Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
100 lire Vittorio Emanuele III - Regno d'Italiaoro 900/1000191232,25 g.35 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 288 ihuru3 1288 ihuru3 2 
Descrizione del dritto
Testa del re rivolta a sinistra e contornata dalla scritta: VITTORIO EMANUELE III RE D'ITALIA. Nome dell'autore (A. Motti) sotto il collo del re
Descrizione del rovescio
Fascio littorio con la scure verso destra sormontata da testa di montone. A sinistra indicazione del valore (LIRE 100) su due righe, a destra, sempre su due righe, OTTOBRE 1922 • e, su una riga sotto, 1923. Alla sinistra della base del fascio il segno di zecca ®
Descrizione del taglio
rigato
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presentemoneta commemorativa del primo anniversario della marcia su Roma. Emessa con Regio Decreto n. 2267 del 21 ottobre 1923, che ne autorizzò la coniatura di 20.000 pezzi. La moneta, pur possedendo valore legale, fu offerta esclusivamente in vendita a privati dietro pagamento di un corrispettivo superiore al valore nominale (dato che il valore dell’oro contenuto era di gran lunga superiore al valore nominale). Per questa tipologia di moneta si decise di fare uso di un processo di sabbiatura per eliminare i difetti di conio dovuti alle difficoltà con gli alti rilievi.
Provenienza: Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
302Civitas NeapolisVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
15 DucatiFerdinando I Re del Regno delle Due Sicilie (1816-1825)Oro 9961818. Zecca di Napoli18,93 Gr.29,5 mm. 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 302 Civitas Neapolis 1302 Civitas Neapolis 2 
Descrizione del dritto
FERDINANDVS I . D . G . REGNI SICILIARVM ET HIER . REX . (Testa coronata a sinistra)
Descrizione del rovescio
HISPANIARVM / INFANS 1818 (Genio volto a sinistra con colonna coronata e scudo) Nell'esergo ACINI 425 // TITOLO MILLESIMI 996 // DUCATI 15
Descrizione del taglio
PROVIDENTIA OPTIMI PRINCIPIS (in incuso)
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Gigante 2Non presenti
Provenienza: Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
308numismaticasiculaVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
30 DucatiFerdinando I Re del Regno delle Due Sicilie (1816-1825)Oro 9961818. Zecca di Napoli37,87 Gr.35,3 mm. 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 308 numismaticasicula 1308 numismaticasicula 2 
Descrizione del dritto
FERDINANDVS I . D . G . REGNI SICILIARVM ET HIER . REX . (Testa coronata a sinistra)
Descrizione del rovescio
HISPANIARVM / INFANS 1818 (Genio volto a sinistra con colonna coronata e scudo) Nell'esergo ACINI 850 // TITOLO MILLESIMI 996 // DUCATI 30
Descrizione del taglio
PROVIDENTIA OPTIMI PRINCIPIS (in incuso)
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Gigante 1Non presenti
Provenienza: Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
349dontyVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
30 zlotych 2010 ProofPoloniaoro 9002010 1,7g16mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 349 donty 1349 donty 2 
Descrizione del dritto
valore nominale, rzeczpospolita polska 2010, aquila polacca posta sulle tre croci di danzica
Descrizione del rovescio
polski sierpien (agosto polacco), Solidarnosc, 1980
Descrizione del taglio
liscio
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presentetiratura 30.000 pezzi
Commemorativa per l'agosto 1980, anno particolarmente teso in Polonia caratterizzato da numerosi scioperi e la nascita di Solidarnosc.
Provenienza: Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
429ermejoromanistaVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
20 Lire 1897Umberto I, Regno d'Italiaoro18976,45 g21,5 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 429 ermejoromanista 1429 ermejoromanista 2 
Descrizione del dritto
Volto del Re a sinistra. In basso il millesimo. Alla base del collo il cognome dell'autore Speranza.
Descrizione del rovescio
Stemma Sabaudo contornato dal collare dell'Annunziata tra un ramo di quercia e un ramo di alloro. In basso il segno di zecca e in alto in posizione centrale la Stella d'Italia.
Descrizione del taglio
rigato
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Gigante 22Rilievi satinati e fondi lucidi
Provenienza: Non presente.



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
447lucadesign85Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
5 FranchiZecca di Cassel Gerolamo Napoleone (1807-1813) Oro18131,615 g13,90 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 447 lucadesign85 1447 lucadesign85 2 
Descrizione del dritto
Testa laureata di Gerolamo Napoleone rivolta a sinistra; attorno: HIERON ● NAPOL; Firma corsiva dell'incisore Tiolier.
Descrizione del rovescio
Nel campo il valore sue due righe 5 FRANK., al di sotto, testina d'aquila e segno di zecca C; KOEN ● V ● WESTPH ● FR ● PR.
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Divo/S. 220*; Fb. 3519*; Schl. 904** variante estremamente rara, che non presenta il punto sulla prima lettera "i" della firma dell'incisore
Provenienza: Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
457AndreaMCMLXXVIIIVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
50 lire Littore 1931 IXRegno d'Italia - Vittorio Emanuele III Oro 900/10001931 IX4,4 gr.20,50 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 457 AndreaMCMLXXVIII 1457 AndreaMCMLXXVIII 2 
Descrizione del dritto
Busto del Re in uniforme volto a sinistra, attorno: VITT • EM • III • RE •. Sotto il collo del Re, lungo il bordo, i nomi dell'autore (G. ROMAGNOLI) e dell'incisore (A. MOTTI INC.).
Descrizione del rovescio
Littore con fascio littorio appoggiato sulla spalla sinistra che procede verso destra. A destra in basso indicazione del valore (L. 50) sotto al quale vi è l'indicazione del millesimo e dell'anno dell'Era Fascista, in corrispondenza a sinistra segno di zecca ( R ) .
Descrizione del taglio
Lievemente rigato
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presente19.760 monete
Provenienza: Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
567magellano83Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
2 pesosRepubblica di CubaOro19163,34 gr.16,4 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 567 magellano83 1567 magellano83 2 
Descrizione del dritto
al centro stemma della repubblica di cuba, sul giro in alto REPUBBLICA DE CUBA, sul giro in basso DOS PESOS, sui lati due punti
Descrizione del rovescio
al centro volto rivolto a destra di Jose Marti, sul giro in alto PATRIA Y LIBERTAD , sul giro in basso . 3,3436 G. . 1916 . 900 M .
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presente.José Julián Martí Pérez (L'Avana, 28 gennaio 1853 – Rio Cauto, 19 maggio 1895) è stato un politico, scrittore e rivoluzionario cubano. Fu un leader del movimento per l'indipendenza cubana; a Cuba è considerato uno dei più grandi eroi nazionali. (fonte Wikipedia)
Provenienza: Non presente.



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
601dizzetaVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
20 lire, marengo.Regno di Sardegna (1849-1861)Au 900/10001860gr. 6,4521 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 601 dizzeta 1-2601 dizzeta 2 
Descrizione del dritto
Testa del Re a sinistra, sotto il millesimo 1860. Lungo il bordo: VICTORIUS EMANUEL II D.G.REX SARD.CYP.ET.HIER. - Sul taglio del collo il nome dell'autore F (Ferraris)
Descrizione del rovescio
Stemma con croce Sabauda sovrastato da Corona Reale e fregiato dal collare dell'Annunziata tra rami di lauro. Lungo il bordo: DVX SAB . GENVAE ET MONTISF . PRINC . PED . & - In basso segno del Direttore di Zecca P in scudetto (Giovanni Parodi), ancoretta, L . 20
Descrizione del taglio
rigato
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presenteE' l'ultima moneta coniata dalla Zecca di Genova che era in attività dal 1139 (ma molti studiosi sostengono che era funzionante, clandestinamente, anche prima e coniava "bruni e brunetti"). L'ultimo direttore della Zecca è stato Giovanni Parodi e nel suo monumento funebre ha voluto fosse rappresentato anche il "torchio" che utilizzava per la produzione monetaria.
Provenienza: Francia, Asta Monnaies d'antan



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
622apolloniaVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
10 EuroCittà del VaticanoOro 917/100020133 g13,85 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 621 apollonia 1621 apollonia 2 
Descrizione del dritto
La colomba dello Spirito Santo al centro, sopra il valore 10 EURO, sotto la scritta “VENI SANCTE SPIRITVS”; in alto sul giro “CITTA’ DEL VATICANO”; in esergo R, simbolo della zecca
Descrizione del rovescio
Lo stemma del Camerlengo sormontato dal simbolo della Camera Apostolica e dalla scritta “SEDE VACANTE MMXIII”
Descrizione del taglio
Zigrinato fine
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presenteQuesta moneta in versione fondo specchio (Proof), opera di Maria Grazia Urbani, coniata dalla IPZS (Italia) in 5.000 esemplari e con corso legale solo all’interno della Città del Vaticano, è stata emessa dal Vaticano per commemorare lo Stato di Sede Vacante nel 2013. II giorno 11 febbraio 2013 il Santo Padre Benedetto XVI annunciava la Sua decisione di rinunciare al ministero petrino dalle ore 20.00 del giorno 28 febbraio; il 13 marzo 2013 i Cardinali elettori, riuniti in Conclave, sceglievano Jorge Mario Bergoglio quale 266° successore di Pietro. Nel periodo di Sede Vacante il governo ordinario è stato assicurato dalla Camera Apostolica, presieduta dal Cardinale Camerlengo di Santa Romana Chiesa e composta dal suo vice e dai Prelati Chierici. Memoria della transizione di Santa Romana Chiesa e segno tangibile di continuità, l’esercizio della facoltà di coniare monete di Sede Vacante: una tradizione che ha radici storiche nel XIV secolo ma una consuetudine più recente a partire dalla morte di Leone X nel 1521. Questa moneta è una novità assoluta per la monetazione aurea in euro dello Stato della Città del Vaticano.
Provenienza: Non presente


Torna su



Monete che concorrono nella categoria contemporanee in materiale argento


N°postNome utenteIndirizzo discussione   
3tartachiaraVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
1 liraRegno d'Italiaargento 83519025 grammi23 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 tartachiara 03 1tartachiara 03 2 
Descrizione del dritto
Testa del Re volto a destra contornato dalla scritta: VITTORIO EMANUELE III. Sotto il collo del Re, il nome dell'incisore SPERANZA.
Descrizione del rovescio
Aquila araldica con stemma di casa Savoia. Intorno la scritta: REGNO D'ITALIA, sotto l'indicazione del valore (L • 1), il segno di zecca ® tra due stelle a 5 punte e la data.
Descrizione del taglio
in incuso, il motto FERT alternato a nodi savoia e rosette.
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presenteIl 14 luglio 1902 crollò il campanile di San Marco a Venezia.



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
7fabione191Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
3 MarchiImpero TedescoArgento 900191516,67 grammi33 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 fabione191 7 1fabione191 7 2 
Descrizione del dritto
San Giorgio a cavallo che combatte con drago sulla coperta della sella del cavallo lo stemma della città di Mansfeld, nella legenda: GOTT IST RAT UND TAT SEGEN - DES MANSFELDER BERGBAUES (In Dio vi è consiglio e azione - Benedizione dell'Industria mineraria di Mansfeld)
Descrizione del rovescio
Aquila dell' impero tedesco
Descrizione del taglio
GOT MIT UNS (Dio é con noi)
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Jaeger 115Moneta commemorativa in occasione del centenario, del appartenenza del Mansfelf al regno della Prussia
Provenienza: Collezione privata



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
9lindapVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
2 lireRegno d'ItaliaArgento 190510 grammi27 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 09 lindap 109 lindap 2 
Descrizione del dritto
Vittorio Emanuele III. Testa del Re rivolta a destra, firma SPERANZA sotto al collo
Descrizione del rovescio
Regno d'Italia L . 2 zecca R Aquila sabauda con ali spiegate e scudo sabaudo
Descrizione del taglio
FERT alternato da nodi e rosette
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presente17 giugno 1905:Volo del primo dirigibile italiano: Circa 150mila lire, la cifra che occorse allo scienziato Almerico da Schio per mettere assieme i pezzi, fatti arrivare da varie parti d’Europa, con cui costruì l’Aeronave Italia, primo dirigibile italiano ad alzarsi in volo.
Provenienza: Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
13piergi00Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
1 LiraVittorio Emanuele III (1900-1943) Regno D'ItaliaArgento 8351905; Zecca di Roma5 grammi23 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 13 piergi00  113 piergi00  2 
Descrizione del dritto
VITTORIO EMANUELE III - Testa nuda rivolta a destra , sotto SPERANZA
Descrizione del rovescio
Aquila sabauda con ali spiegate e scudo sabaudo REGNO D'ITALIA in alto fra due nodi ; in basso il valore , la sigla di zecca tra due stelle e la data.
Descrizione del taglio
FERT FERT FERT in incuso tra nodi e rosette
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Mir Casa Savoia n.1145cNon presente
Provenienza:Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
14gallo83Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
Piastra o 120 GranaFrancesco I di Borbone (1825-1830)Argento1825 , Zecca di Napoli27,53 grammi37,5 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 14 gallo83 114 gallo83 2 
Descrizione del dritto
FRANCISCVS I . / DEI GRATIA REX Testa nuda a dx e data in basso
Descrizione del rovescio
REGNI VTR . / SIC . ET HIER . Stemma coronato tra rami di lauro e in basso G . 120
Descrizione del taglio
Giglio / PROVIDENTIA OPTIMI PRINCIPIS in incuso
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Gigante 6Non presente
Provenienza:Non presente


N°postNome utenteIndirizzo discussione   
18petronius arbiterVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
One Dollar 1993W
Zecca di West Point
Stati Uniti d'America.900 Argento, .100 rame199326,73 gr.38,10 mm. 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 18 petronius arbiter 118 petronius arbiter 2 
Descrizione del dritto
Un soldato in combattimento sulla spiaggia della Normandia durante il D-Day, il giorno dello sbarco, 6 giugno 1944. Sotto di lui altri soldati nell'atto di sbarcare, iscrizioni In God We Trust, D-Day June 6 1944, 1991-1995 e Liberty.
Descrizione del rovescio
Insegne del Quartier Generale Supremo Alleato della Forza di Spedizione. Citazione di Dwight D. Eisenhower, Comandante in Capo Alleato, poi Presidente degli Stati Uniti:
"Ho piena fiducia nel vostro coraggio, dedizione al dovere e abilità in battaglia. Non accetteremo niente di meno che la completa vittoria."
Completano il retro le iscrizioni E Pluribus Unum, One Dollar, United States of America, e il marchio di zecca, W.
Descrizione del taglio
Non presente
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Non presenteIncisore: Thomas D. Rogers Sr.
Moneta commemorativa emessa per il 50° Anniversario del coinvolgimento degli Stati Uniti nella Seconda Guerra Mondiale. Per questo la moneta riporta le date 1991-1995, sebbene sia stata emessa nel 1993.
Provenienza:Non presente



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
31gionni980Vai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
Piastra da 120 grana del 19° tipoFERDINANDO IV DI BORBONE (1759-1816)ARGENTO181627,53 gr38 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 31 gionni980 131 gionni980 2 
Descrizione del dritto
BUSTO A DESTRA DEL RE FERDINANDO IV
Descrizione del rovescio
STEMMA CORONATO TRA STELI DI GRANO
Descrizione del taglio
PROVIDENTIA OPTIMI PRINCIPIS
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Gigante 75Non presente
Provenienza:COLLEZIONE PRIVATA



N°postNome utenteIndirizzo discussione   
60ErdrücktVai alla discussione   
Valore nominaleAutorità emittenteMetalloMillesimo PesoDiametro 
100 LevaRegno di BulgariaArgento 500/°°°193020 gr34 mm 
 Il dritto della monetaIl rovescio della moneta 
 60 Erdrückt 160 Erdrückt 2 
Descrizione del dritto
Testa dello Zar Boris III di Bulgaria (1894-1943) rivolta verso sinistra
Descrizione del rovescio
Valore e data al centro di una corona di rose e spighe di grano
Descrizione del taglio
Liscio.
CatalogazioneNote storiche e numismatiche
Boris III di Bulgaria è stato lo Zar della Bulgaria dal 1918 al 1943 data della sua morte